Gutland (2017)
Panic Attack (2017)
Pororoca (2017)
Zama (2017)
120 battiti al minuto (2017)
In the Fade (2017)
Men Don’t Cry (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Questo è ancora un buon anno per il cinema spagnolo, l'anno prossimo sarà più complesso"

email print share on facebook share on twitter share on google+

José Luis Rebordinos • Direttore del Festival di San Sebastian

di 

- La manifestazione più importante di Spagna affronta la sua 60ma edizione con alcune modifiche nelle sue sezioni e con l'obiettivo di proseguire la buona strada avviata nel 2011

José Luis Rebordinos • Direttore del Festival di San Sebastian

Al suo secondo anno in veste di direttore del Festival del Cinema di San Sebastian, José Luis Rebordinos affronta un'edizione complessa in cui confluiscono la crisi economica del cinema spagnolo, la celebrazione del 60mo anniversario, un'attenzione particolare all'industria con il Forum di Coproduzione Europa-America Latina e una riorganizzazione delle sue sezioni.

Cineuropa: Con il Forum di Coproduzione Europa-America Latina, il festival rafforza la sua sezione industriale e il legame con il cinema latinoamericano. Era necessario per proiettare la manifestazione verso il futuro?
José Luis Rebordinos: Rafforzare la parte industriale del festival è fondamentale. I festival come San Sebastian devono riuscire ad andare oltre la semplice presentazione di film, perché altrimenti ottieni un festival sempre più locale. Per questo abbiamo creato il Forum di Coproduzione tra Europa e America Latina. Il rapporto con il cinema latinoamericano è molto sviluppato per logiche connessioni culturali che abbiamo ampliato con Cinema in Costruzione, una delle iniziative di maggior successo degli ultimi anni. Il Forum di Coproduzione completa questo processo aiutando i film latini ed europei che cercano di cofinanziarsi a vicenda. Una volta terminati, potranno partecipare in qualsiasi sezione del festival o in Orizzonti Latini, mentre quelli che non otterranno finanziamenti andranno a Cinema in Costruzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Altra novità di questa edizione è l'indipendenza della sezione Nuovi Registi, che acquista un'entità propria.
L'obiettivo è rivalutarla perché è una sezione che ha un premio di 90.000€, il più sostanzioso del mondo. Per Nuovi Registi sono passati autori molto importanti con i loro primi film - Assayas, Walter Salles, Almodóvar, ecc. - ma dentro Zabaltegi la sua importanza sfumava. Vogliamo trasformarla nella seconda sezione più importante del festival dopo quella Ufficiale.

La sua prima edizione a capo della manifestazione è stata molto celebrata dalla stampa internazionale. Quali saranno le linee guida del suo secondo anno da direttore?
Non credo che ci fosse una rottura rispetto alla linea precedente e non ci sarà neanche in questa edizione. Stiamo cercando di sistemare alcuni pezzi che mi piacciono di più. Vogliamo trasformare la sezione Zabaltegi in un vero spazio aperto in linea con Un Certain Regard, Orizzonti o Panorama: uno spazio libero dove si possono vedere produzioni di qualsiasi formato, serie tv, animazione, documentari, cercando di andare nella stessa direzione dell'audiovisivo, con il suo ventaglio di possibilità, e in connessione con altre espressioni artistiche.

Rispetto al cinema spagnolo - un paese e un cinema che vivono una difficile situazione industriale, economica e sociale - qual è la scommessa del festival?
Questo è ancora un buon anno per il cinema spagnolo, l'anno prossimo sarà più complesso perché stiamo raccogliendo quello che è stato girato e prodotto l'anno precedente. Abbiamo diversi titoli confermati per la sezione ufficiale, ma non è totalmente chiusa. San Sebastian è il festival più importante di Spagna e chiunque viene, deve poter avere il polso di quello che sta succedendo nel cinema spagnolo.

Può anticipare qualche titolo o regista della Sezione Ufficiale?
Quest'anno abbiamo un'importante presenza di cinema nordamericano con due film di noti registi già confermati e, come sempre, di cinema europeo in tutte le sezioni. Vogliamo concentrare il nostro sguardo sui Nuovi Registi perché ci sono 5 o 6 film molto interessanti di autori che in pochi anni vedremo nei grandi festival.

Newsletter

IDW Supsi
Structural Constellations
CNC_ACM_Distribution_2017

Follow us on

facebook twitter rss