Corpo e anima (2017)
The Square (2017)
Loving Vincent (2016)
The Nothing Factory (2017)
Soleil battant (2017)
Beauty and the Dogs (2017)
Out (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

"Il nostro coraggio è niente rispetto a quello di Vincent"

email print share on facebook share on twitter share on google+

Dorota Kobiela • Regista

di 

- La pittrice e animatrice polacca Dorota Kobiela ha unito le forze con il britannico Hugh Welchman per creare Loving Vincent, un biopic su Vincent van Gogh unico, dipinto a mano

Dorota Kobiela  • Regista
(© Wojtek Rojek)

Cineuropa: Loving Vincent [+leggi anche:
recensione
trailer
film focus
intervista: Dorota Kobiela
scheda film
]
è il suo film d’esordio come regista. Come è nata l’idea?
Dorota Kobiela
: Tutto è iniziato dieci anni fa. A quel tempo lavoravo in uno studio di animazione, stavo partecipando a un progetto straordinario e stavo imparando molto, ma dopo aver finito ho sentito che dovevo fare un progetto mio e combinare le mie passioni: la pittura e la regia. Ho letto le lettere di Vincent van Gogh e le ho amate – erano così appassionate, oneste e genuine. Pensavo che forse avrei dovuto fare un film sulla sua vita, che avrei dipinto a mano io stessa. Originariamente doveva essere un cortometraggio d’animazione, intitolato Vincent. Ho fatto domanda di sovvenzione al Polish Film Institute e, fortunatamente, l'ho ottenuta.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ha co-sceneggiato e co-diretto il film con Hugh Welchman. Quando si è unito lui al progetto Loving Vincent?
Quando ottieni una sovvenzione dal PFI, devi aspettare alcuni mesi per avere il denaro, quindi sono andata a lavorare allo studio d’animazione BreakThru Films di Lodz. Sono stata assunta come animatrice e concept artist. Hugh stava lavorando a Magic Piano, un lungometraggio su Frederic Chopin e il suo amato strumento. Abbiamo cominciato a lavorare insieme, poi ci siamo uniti nella vita privata. Ogni tanto Hugh si guardava intorno e cominciò a interessarsi a Vincent. Prima di finire gli studi cinematografici, si è laureato presso il dipartimento di storia e politica di Oxford. Quindi si approccia ai progetti come un ricercatore. Hugh è un vero topo da biblioteca e ha divorato decine di libri su Vincent van Gogh. Un giorno andò a visitare una mostra di lettere di Vincent van Gogh. Tornò molto eccitato – ha visto persone in fila per tre ore solo per vedere e leggere quelle lettere! Era incredibile, come se Van Gogh fosse uno sportivo o una rockstar. Abbiamo pensato che se ancora desta tanta attenzione, forse c'è un pubblico per un lungometraggio d’animazione sulla sua vita. E forse valeva la pena investire in un grande progetto rischioso, anche se il nostro coraggio non è niente rispetto a quello che aveva Vincent.

Come avete sviluppato la storia?
La nostra idea iniziale era di portare i suoi dipinti in vita e di far parlare i quadri di Vincent. Questa idea era letteralmente tratta da una delle sue lettere, in cui scrisse: "non possiamo che parlare attraverso i nostri dipinti". Tuttavia, il personaggio di Vincent rimaneva misterioso e potevamo parlare di lui solo attraverso le persone che aveva dipinto. La seconda idea iniziale era che i personaggi del film si avvicinassero a Vincent per discutere il mistero della sua morte, che è stata considerata un suicidio. Abbiamo letto tutte le teorie sul perché si sia ucciso, tra cui la versione più popolare, quella "ufficiale" di Emil Bernard, utilizzata ad esempio da Vincente Minnelli e George Cukor nel loro film Lust for Life. Abbiamo iniziato a chiederci: è veramente quello che è successo a Vincent? A quel punto della sua vita tutto sembrava andare bene per lui, aveva anche venduto il suo primo dipinto. Abbiamo deciso di non dare risposte chiare su ciò che gli è successo. Avevamo sette bozze dello script, ognuna era diversa in termini di ispirazioni visive, le tele attraverso le quali i personaggi avrebbero parlato, le lettere e i fatti che citavamo. Infine, abbiamo deciso di utilizzare i quadri del periodo maturo di van Gogh, e promuovere Armand Roulin da cameo a protagonista. Era giovane ed era il figlio di quello che era probabilmente l’unico vero amico di Vincent, per cui aveva senso che intraprendesse un tale viaggio.

Avevate qualche regola o restrizione mentre mettevate insieme i pezzi?
Abbiamo deciso di non "inventare" nessuno dei dipinti di Van Gogh, ma solo reimmaginarli se era necessario per la trama. Ad esempio, abbiamo cambiato la luce del giorno in luce notturna, o il paesaggio invernale in quello estivo. Se volevamo mostrare eventi che Vincent non ha mai dipinto – qualcosa che abbiamo chiamato "una ricostruzione della memoria" – usavamo qualche animazione in bianco e nero. La seconda regola era di non cambiare i fatti dalla vita di Vincent.

Sembra vi siate ispirati al classico di Orson Welles, Quarto potere.
Mentre sviluppavamo il film, abbiamo guardato molti documentari investigativi, come La sottile linea blu di Eroll Morris. Dopotutto stavamo facendo un film su un uomo morto, che non era lì per raccontare la sua storia. Quando ho discusso il tema con il direttore della fotografia Łukasz Żal, lui ha notato che la nostra storia era simile a Quarto potere e dovevamo riguardarlo.

Il film è interamente dipinto a mano, ma ha diretto anche delle scene live-action. Come le ha combinate?
Le scene in bianco e nero sono molto vicine alla tecnica rotoscopica, tutto il resto è dipinto a mano. Sono una regista di animazione, quindi prima di lavorare su un set con gli attori avevo le storyboard, le pre-vis e le animatic già preparate. La maggior parte delle sequenze sono state girate in green box, ma dato che avevamo già una verniciatura opaca e tutto era on-line, gli attori potevano venire ai monitor e vedere lo sfondo della scena.

E quindi i frame erano dipinti sopra?
No. Il nostro team cercava i frame e li ricreava sulla tela, usando i tratti di pennello e lo stile vibrante di van Gogh. La ragione per cui abbiamo fatto ciò è perché Vincent stesso dipingeva dalla vita reale. Il suo amico Gauguin stava cercando di convincerlo a dipingere dalla sua immaginazione, ma Van Gogh lo rifiutava. Aveva il suo modo di percepire il mondo, e non sempre obbediva alle leggi della fisica. Questa è stata un'altra sfida tecnica: il nostro direttore della fotografia doveva combinare lenti larghe con lenti lunghe per filmare il mondo alla maniera in cui lo vedeva Vincent.

(Tradotto dall'inglese)

Leggi anche

Newsletter

ArteKino
Les Arcs call
Unwanted_Square_Cineuropa_01

Follow us on

facebook twitter rss