GoCritic!
EuroVOD
Aalto University

Recensioni

Second Time Around - di Dora García - La spagnola Dora Garcia crea un affascinante documentario concettuale aperto all'interpretazione, con la dittatura argentina sullo sfondo
Second Time Around
di Dora García
La spagnola Dora Garcia crea un affascinante documentario concettuale aperto all'interpretazione, con la dittatura argentina sullo sfondo
The Silent Revolution - di Lars Kraume - BERLINO 2018: Lars Kraume ci offre un magnifico racconto storico allo stesso tempo intelligente e sconvolgente sulla resistenza dei liceali della Germania dell’Est nel 1956
The Silent Revolution
di Lars Kraume
BERLINO 2018: Lars Kraume ci offre un magnifico racconto storico allo stesso tempo intelligente e sconvolgente sulla resistenza dei liceali della Germania dell’Est nel 1956
303 - di Hans Weingartner - La storia del “ragazzo che incontra la ragazza” di Hans Weingartner, proiettato al Festival della Transilvania, ha il potenziale per diventare il favorito del pubblico
303
di Hans Weingartner
La storia del “ragazzo che incontra la ragazza” di Hans Weingartner, proiettato al Festival della Transilvania, ha il potenziale per diventare il favorito del pubblico
The Guilty - di Gustav Möller - L’esordiente Gustav Möller presenta un crime-thriller che rivitalizza lo “Scandi noir” offrendo un nuovo approccio e creando tensione e suspense attraverso il suono
The Guilty
di Gustav Möller
L’esordiente Gustav Möller presenta un crime-thriller che rivitalizza lo “Scandi noir” offrendo un nuovo approccio e creando tensione e suspense attraverso il suono
My Favourite Fabric - di Gaya Jiji - CANNES 2018: Con un primo lungo strano e allegorico, Gaya Jili trova un angolo interessante per esplorare la condizione della donna e il conflitto siriano
My Favourite Fabric
di Gaya Jiji
CANNES 2018: Con un primo lungo strano e allegorico, Gaya Jili trova un angolo interessante per esplorare la condizione della donna e il conflitto siriano
No quiero perderte nunca - di Alejo Levis - Alejo Levis introduce lo spettatore, attraverso l'uso fantasmagorico dell'immagine e del suono, nella mente di una donna che affronta un dolore profondo
No quiero perderte nunca
di Alejo Levis
Alejo Levis introduce lo spettatore, attraverso l'uso fantasmagorico dell'immagine e del suono, nella mente di una donna che affronta un dolore profondo
Summerhouse - di Damir Cucic - Il regista croato Damir Cucic si addentra nel cuore di alcuni strani incontri che avvengono in un hotel deserto dove un uomo cieco registra testimonianze di violenza
Summerhouse
di Damir Cucic
Il regista croato Damir Cucic si addentra nel cuore di alcuni strani incontri che avvengono in un hotel deserto dove un uomo cieco registra testimonianze di violenza
Bergman – A Year in a Life - di Jane Magnusson - CANNES 2018: Jane Magnusson presenta pregi e difetti di Ingmar Bergan nel 1957, anno in cui il nostro (anti) eroe ha realizzato molte cose, alcune delle quali destinate alla storia
Bergman – A Year in a Life
di Jane Magnusson
CANNES 2018: Jane Magnusson presenta pregi e difetti di Ingmar Bergan nel 1957, anno in cui il nostro (anti) eroe ha realizzato molte cose, alcune delle quali destinate alla storia

Seguici su

facebook twitter rss

IPPP_Focal_home
Odessa_home
Future Frames
EFA Gender Equality

Recensioni

Dogman - di Matteo Garrone - CANNES 2018: Ispirato a una storia di cronaca nera di periferia, il nuovo film di Matteo Garrone racconta di un’umanità marginale ma dai sentimenti nitidi
Dogman
di Matteo Garrone
CANNES 2018: Ispirato a una storia di cronaca nera di periferia, il nuovo film di Matteo Garrone racconta di un’umanità marginale ma dai sentimenti nitidi
John McEnroe: In the Realm of Perfection - di Julien Faraut - Julien Faraut firma un documentario affascinante sul mondo del tennis, l’arte del movimento e il funzionamento interno del gioco, con protagonista l’iconico John McEnroe
John McEnroe: In the Realm of Perfection
di Julien Faraut
Julien Faraut firma un documentario affascinante sul mondo del tennis, l’arte del movimento e il funzionamento interno del gioco, con protagonista l’iconico John McEnroe
Cold War - di Pawel Pawlikowski - CANNES 2018: Pawel Pawlikowski rielabora gli elementi del suo film premio Oscar Ida per creare un altro racconto formidabile che ha buone chance per la Palma d’Oro
Cold War
di Pawel Pawlikowski
CANNES 2018: Pawel Pawlikowski rielabora gli elementi del suo film premio Oscar Ida per creare un altro racconto formidabile che ha buone chance per la Palma d’Oro
"I Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians" - di Radu Jude - KARLOVY VARY 2018: Il nuovo lungometraggio di Radu Jude punta il dito contro l'ostinata negazione dell'Olocausto da parte della Romania
"I Do Not Care If We Go Down in History as Barbarians"
di Radu Jude
KARLOVY VARY 2018: Il nuovo lungometraggio di Radu Jude punta il dito contro l'ostinata negazione dell'Olocausto da parte della Romania
Winter Flies - di Olmo Omerzu - KARLOVY VARY 2018: Il terzo film di Olmo Omerzu è una combinazione compiuta e coinvolgente di avventura per ragazzi e dramma centroeuropeo
Winter Flies
di Olmo Omerzu
KARLOVY VARY 2018: Il terzo film di Olmo Omerzu è una combinazione compiuta e coinvolgente di avventura per ragazzi e dramma centroeuropeo
Suleiman Mountain - di Elizaveta Stishova - KARLOVY VARY 2018: Il film vincitore del concorso East of the West a Karlovy Vary è una miscela di folklore kirghizo e melodramma familiare
Suleiman Mountain
di Elizaveta Stishova
KARLOVY VARY 2018: Il film vincitore del concorso East of the West a Karlovy Vary è una miscela di folklore kirghizo e melodramma familiare
History of Love - di Sonja Prosenc - KARLOVY VARY 2018: Il secondo film di Sonja Prosenc perde sul fronte emotivo ciò che guadagna sull'imponente livello sensoriale
History of Love
di Sonja Prosenc
KARLOVY VARY 2018: Il secondo film di Sonja Prosenc perde sul fronte emotivo ciò che guadagna sull'imponente livello sensoriale
Blossom Valley - di László Csuja - KARLOVY VARY 2018: Il regista esordiente László Csuja fa un uso impressionante di un cast non professionale per raccontare la storia di due giovani che hanno una relazione ambigua
Blossom Valley
di László Csuja
KARLOVY VARY 2018: Il regista esordiente László Csuja fa un uso impressionante di un cast non professionale per raccontare la storia di due giovani che hanno una relazione ambigua
Swiss Films Animation
Cinemed
Torino Short Film Market
Advertise