email print share on facebook share on twitter share on google+

BERLINO 2018 Berlinale Special

Pernille Fischer Christensen • Regista

"Se non fosse stato per Pippi, non sarei una regista”

di 

- BERLINO 2018: La filmmaker danese Pernille Fischer Christensen ha parlato con Cineuropa di Becoming Astrid, presentato quest’anno in Berlinale Special

Pernille Fischer Christensen  • Regista
(© Erik Molberg Hansen)

Dopo aver vinto un Orso d’argento per A Soap [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lars Bredo Rahbek
intervista: Pernille Fischer Christensen
scheda film
]
 e un Premio FIPRESCI per A Family [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
Pernille Fischer Christensen torna al Festival di Berlino con Becoming Astrid [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alba August
intervista: Pernille Fischer Christensen
scheda film
]
, un film sulla giovinezza della leggendaria scrittrice per bambini Astrid Lindgren, incarnata da Alba August.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Astrid Lindgren non era solo una scrittrice; era un’icona. Eppure ho sentito che non è stato facile convincere la gente che la sua storia valesse davvero la pena di essere raccontata.
Pernille Fischer Christensen:
 Quando abbiamo cercato di ottenere un finanziamento, continuavo a sentir dire che nessuno voleva vedere un film sulla maternità. "Non pensiamo che sia molto commerciale" – ed era una donna a dirlo. Ma di cosa parla veramente The Revenant [di Alejandro Gonzalez Iñárritu]? Parla di un padre che perde suo figlio, eppure è visto in modo completamente diverso. Per noi registe, c'è un divario tra le storie che vogliamo raccontare e quelle che possiamo. Lo faccio da più di vent’anni, ma potrebbe finalmente cambiare. Lo spero davvero, anche per il bene dei miei figli.

Vengo da una generazione cresciuta con i libri di Astrid, eppure non so niente di lei. E lei?
Neanche io conoscevo questa storia. Qualche anno fa stavo leggendo un giornale e c'era questa foto di Astrid che teneva la mano di suo figlio. Diceva: "Astrid e il piccolo Lasse a Copenaghen". Ho pensato: "Perché sono lì?". Più tardi, comprai un libro sulla sua vita per mia madre. Vidi una foto di una giovane donna molto fragile, forse anche depressa. Ho iniziato a chiedermi da dove provenisse tutto quel dolore. Sembrava completamente introversa, e non era l'Astrid Lindgren che conoscevo. Così ho iniziato a leggere le sue lettere e tutti i libri scritti su di lei. Stavo cercando di trovare la sua essenza.

Anche se la sua gravidanza fuori dal matrimonio era considerata scandalosa a quel tempo, lei mostra che c'era comunque molto amore nella sua famiglia.
Ha in realtà scritto un libro sui suoi genitori. Suo padre ha aspettato sua madre per cinque anni. Era così innamorato di lei, e prima di morire disse: "Che madre meravigliosa hai avuto!". Vedeva i suoi genitori toccanti, leggeva le loro lettere d'amore. Non penso che avrebbe potuto scrivere con tanto calore se non ci fosse stato amore nella loro casa.

Astrid parlava molto della sua infanzia, perché ovviamente l'ha ispirata. Ma lei non parlava tanto di avere un figlio, e penso che tu possa capire il perché. Non è qualcosa che vai e condividi con il pubblico. È diventata famosa quando Pippi Calzelunghe è diventato un grande successo, ma era vent’anni dopo rispetto a quando il nostro film è ambientato. Non poteva saperlo quando aveva 16 anni. Disse una volta che, se non fosse stato per Lasse, probabilmente sarebbe diventata comunque una scrittrice, ma non una scrittrice famosa nel mondo. Era consapevole che questa esperienza, per quanto dolorosa, era importante per le sue storie.

Nei biopic, spesso si mostra piuttosto esplicitamente ciò che ha ispirato un particolare artista. Lei ha cercato di evitarlo?
In un certo senso, lo sto ancora facendo. Ma non è un'equazione matematica. Non è che abbia visto un cavallo e poi, bam!, c'era un cavallo nel suo libro. La cito tutto il tempo e suggerisco come certe cose hanno trovato la loro strada nel suo lavoro, ma ho cercato di essere sottile a riguardo. Non volevo prendere in ostaggio la vita di nessuno. Era importante rendere mia questa storia. Ho cercato di mantenere l'intero processo il più aperto possibile, e avevo bisogno di una brava attrice per farlo. Astrid Lindgren era così caratteristica. Era molto intelligente e aveva molta empatia. Abbiamo visto migliaia di ragazze che volevano essere lei, ma ho capito che non sarei stata in grado di fare questo film con una dilettante. Abbiamo trovato Alba alla scuola di teatro. Sapeva che si trattava di esplorare e cercare la verità emotiva – stava pensando come una vera artista.

In Becoming Astrid, ritrova anche Trine Dyrholm. Vi conoscete da diversi anni, vero?
Lavoriamo insieme dalla scuola di cinema. Quando la incontrai per la prima volta, stavo assistendo Tomas Gislason – montatore di L’elemento del crimine – e non avevo mai lavorato con gli attori prima. Ne ero così spaventata; tutto quello che volevo era andare a nascondermi in bagno e piangere. Poi un giorno, l'ho vista in uno show televisivo, e ho pensato: "Forse dovrei fare qualcosa con questa ragazza". A volte penso che sia stata Trine a insegnarmi come dirigere gli attori. Mi ha insegnato a comunicare.

Anche per lei l’opera di Astrid è stata importante quand’era bambina?
Vengo dalla Danimarca, ma mio padre era un giovane dottore e a volte lavorava anche in Svezia. Fino all'età di 11 anni, passavo ogni estate a Småland. Non c'era TV, niente iPad, niente acqua calda – abbiamo condotto una vita molto semplice. Non avevo nessuno con cui giocare, quindi mia madre e io leggevamo i suoi libri. Il che ci ha portato a discutere delle grandi questioni della vita: morte, amore, famiglia e genere. Se non fosse stato per Pippi, non sarei una regista. All'epoca non c'erano molti modelli del genere, tutto ciò che avevamo era Cenerentola. In Svezia, ogni volta che le persone devono prendere decisioni importanti, chiedono: "Cosa direbbe Astrid?". Le sue storie hanno avuto un profondo impatto su di me. Ho trascorso così tanto tempo con lei, è un po triste lasciarsela alle spalle. Ma è ora di andare avanti.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche