email print share on facebook share on twitter share on google+

BERLINO 2018 Concorso

Małgorzata Szumowska • Regista

“Faccio film che sono polacchi fino al midollo”

di 

- BERLINO 2018: Małgorzata Szumowska, che si è aggiudicata un Orso d’argento per Mug, spiega perché la Polonia è la sua fonte primaria d’ispirazione

Małgorzata Szumowska  • Regista
(© Ali Ghandtschi/Berlinale)

Dopo aver vinto a Berlino un Orso d’argento - Gran Premio della Giuria per il suo nuovo lungometraggio, Mug [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Małgorzata Szumowska
scheda film
]
, Małgorzata Szumowska ha parlato con noi del suo film e dell’ispirazione che vi è dietro.

Cineuropa: Mug si apre con una sequenza di persone seminude che corrono per acquistare televisori a prezzi stracciati. Sono in mutande perché solo le persone "nude" sono ammesse nel negozio. Qui spoglia i polacchi letteralmente e metaforicamente.
Małgorzata Szumowska:
Ci siamo ispirati ai video di YouTube che i giovani condividono. Presentano persone che impazziscono e litigano nei discount per le scarpe Crocs o per i portafogli Wittchen. Aggiungere la parte svestita a quella scena introduce un livello di astrazione, perché nessuno in Polonia si toglie i vestiti per correre dietro a un televisore. Questa scena è anche un'allegoria – dopo la caduta del comunismo nel 1989, la gente ha iniziato a desiderare oggetti materiali e denaro. Abbiamo il capitalismo in Polonia da soli 29 anni e questo bisogno di possedere le cose non è cambiato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questa sequenza definisce il soggetto e il tono del suo film in modo piuttosto preciso. Sappiamo che Mug si concentrerà sulla società polacca e la dipingerà con un misto di realismo e satira. Nelle scene seguenti, introduce il personaggio principale, Jacek, ma lascia molte cose fuori dalla scena: non sappiamo chi sia quella persona.
Mug non parla di lui, ma piuttosto di come le persone reagiscono a lui. All'inizio è un appassionato di musica heavy metal, il che lo rende un potenziale satanista agli occhi di qualcuno. Poi subisce un trapianto di faccia, che lo trasforma in un mostro, come la creatura di Frankenstein o il Fantasma dell'Opera. Il modo in cui le persone nel villaggio reagiscono a lui è una metafora di come noi in Polonia ci avviciniamo alle persone e alle cose che non conosciamo o non capiamo. Spingono alla paura, a teorie cospirative, xenofobia e pensiero irrazionale. Tuttavia, tutti i polacchi si sentono bene con se stessi, il che è visibile nel film. La famiglia di Jacek è così: contenta di chi sono e di come sono. L'unica eccezione è sua sorella.

Anche lei sembra godersi la compagnia dei polacchi. Non prende in giro i suoi personaggi in modo vizioso; c'è simpatia nel modo in cui li ritrae. La Polonia è una fonte inesauribile di ispirazione per lei.
Infatti. Faccio film che sono polacchi fino al midollo, e anche se mi sento abbastanza stufa di questo argomento, il mio prossimo film ruoterà attorno alla classe media polacca. Penso che sia più facile per me osservare la Polonia da lontano, perché molto spesso vado all'estero e quando torno, vedo le cose in modo più chiaro. Confronto la Polonia con le società occidentali, cercando ciò che è diverso tra loro e noi, e poi costruisco i miei film attorno a queste differenze.

Ci sono molte scene diverse nel suo film, e molti personaggi minori che hanno i loro vizi e i loro programmi. Eppure il suo film è molto coerente e costante.
Penso che sia una questione di esperienza. Mug è il mio settimo lungometraggio, e con il mio co-sceneggiatore Michał Englert sappiamo cosa vogliamo. Non ci distraiamo o perdiamo la concentrazione. Certo, a volte navighiamo a vista, ma questo è parte del processo. Spesso dico che un film è come una partita di calcio, molto imprevedibile. Qualcosa può sempre andare storto, anche se sei un gran giocatore. 

Cosa si è rivelato imprevedibile o sorprendente in Mug?
Non faccio molte prove prima di girare, quindi scopro molte cose con i miei attori sul momento. Stabiliamo l'idea generale e elaboriamo i dettagli sul posto. Non eravamo sicuri di come esattamente Mateusz Kosciukiewicz avrebbe agito nella maschera, perché abbiamo fatto solo un test tecnico prima, poi sul set abbiamo visto cosa funzionava e cosa no. E’ così che abbiamo scoperto che dovevamo concentrarci sui suoi occhi. Inoltre, dal momento che avevamo tre periodi di ripresa che coprivano tre diverse stagioni, abbiamo potuto montare una parte e vedere se volevamo aggiungere o modificare qualcosa. In tal modo ho deciso di aggiungere altre scene con Małgorzata Gorol, che si è rivelata assolutamente magnetica sullo schermo.

Può dirci qualcosa sul suo prossimo film?
È un film indipendente che ho realizzato per pochi soldi, quando il Polish Film Institute stava avendo cambiamenti nella sua gestione. È la prima coproduzione tra Polonia e Marocco. Si chiama All Inclusive e ha un cast quasi interamente femminile e non professionale. Non sarebbe uno dei miei film se questa premessa non fosse solo uno stratagemma: questo film è solo in apparenza una vacanza in Africa.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche