email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2018 Concorso

Florian Henckel von Donnersmarck • Regista

"Ho cercato di trovare la politica all'interno dei personaggi"

di 

- VENEZIA 2018: Dopo l’incursione del 2010 nel cinema americano, Florian Henckel von Donnersmarck torna con Never Look Away, un dramma storico ispirato alla vita di Gerhard Richter

Florian Henckel von Donnersmarck  • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

In concorso alla Mostra di Venezia e già annunciato come candidato tedesco nella corsa all’Oscar del miglior film in lingua straniera, Opera senza autore [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Florian Henckel von Donner…
scheda film
]
vede Florian Henckel von Donnersmarck tornare ad alcuni dei temi precedentemente esplorati in Le vite degli altri [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Florian Henckel von Donner…
intervista: Ulrich Muehe
scheda film
]
: la politica, l’amore e l’importanza dell’arte.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Digital Production Challenge - DPC II 1 Internal

Cineuropa: In Opera senza autore, non afferma che l'arte possa effettivamente cambiare il mondo; a volte, può solo portare conforto.
Florian Henckel von Donnersmarck:
Ho rubato questo pensiero a Gerhard Richter. Alla domanda sul potere dell'arte, disse che ci consola perché è una manifestazione del dolore che qualcuno ha sofferto e ha deciso di trasformare in qualcosa di bello ed edificante. Può mostrarci tutte le cose terribili che ci sono accadute e ci dà la possibilità di evolvere. La vita è una tragedia, ma dobbiamo ancora trovare un modo positivo, penso, di guardarla e godersi la strada. L'arte dimostra che non dovremmo distogliere lo sguardo. Dovremmo abbracciare tutto ciò che è brutto e vederlo come un'opportunità.

Ho passato un anno intero a leggere su quei tempi. Tornando ai nazisti, ho scoperto che l'unica cosa che incarnava davvero la loro posizione era il loro approccio all'arte, meglio esemplificato dalla mostra "Degenerate Art" – è stata un gran successo, con molti di loro che sono venuti a vedere per l'ultima volta l'arte che sarebbe poi stata distrutta. Contemporaneamente aprì, a Monaco di Baviera, una mostra intitolata "La grande arte tedesca", alla quale partecipò Hitler. Era come la surfer art: uomini muscolosi e donne schive in pose eleganti. Presumeva che l'arte dovesse mostrare solo le cose che si ammirano, e quando gli artisti dipingevano tutta la distruzione e le persone sfigurate dalla guerra, i nazisti dicevano: "Ecco come vedono la Germania". Non lo vedevano come un grido di disperazione.

Esplora così tante questioni nel film, dalla politica all'igiene razziale e persino il primo amore. C'è mai stato un punto in cui si è fermato a pensare: "Sto cercando di metterci dentro troppo?”.
In un certo senso, questa complessità è tutta in secondo piano. La storia principale parla di un giovane uomo che si innamora di una giovane donna affascinante e, quando le cose si fanno serie, incontra suo padre – un ex nazista e poi comunista. È una persona molto adattabile e vede in questo giovane tutto ciò che è debole e spregevole. Allo stesso tempo, questo ragazzo, Kurt, deve trovare la propria strada come artista. Quindi c'è una storia personale che guida l'intera faccenda, e da qualche parte lungo la strada, si riesce a mostrare la Germania del XX secolo. Mi ci vuole molto tempo per trovare un progetto che mi faccia dire: "Ok, ha abbastanza per farmi desiderare di immergermi in questo mondo per anni". Sapevo che non avrei finito il carburante, qualcosa che mi è successo in passato.

Ciò che colpisce di più è che il suo film non è una richiesta di punizione.
Se quello che stiamo aspettando con impazienza è la punizione e la vendetta, allora stiamo lasciando che queste persone che vogliamo punire definiscano le nostre vite. Il personaggio di Sebastian Koch riceve la sua punizione, in un certo senso, ma la riceve perché non ha quello che ha Kurt – l'amore, l'arte e la ricerca della verità, tutte quelle cose che rendono la vita degna di essere vissuta. Non possiamo sperare in una maggiore giustizia sulla Terra, la nostra realtà quotidiana ci dimostra che non esiste. Non sto dicendo che non dovremmo punire le persone che hanno commesso crimini gravi, ma non dovremmo neanche lasciarci frustrare l’esistenza se ciò non accade, perché in molti casi non accadrà. Quando penso a qualcosa come il cosiddetto programma di eutanasia nazista, mi chiedo semplicemente: "Che cosa pensavano queste persone?". Forse quando arriveremo al punto in cui tutti sono in grado di fare venti flessioni e citare a memoria Pushkin, il mondo sarà un posto più felice? Ho cercato di trovare la politica all'interno dei personaggi.

Se si considera che Hitler è stato lui stesso un pittore fallito, l'intera tematica delle arti e della politica acquista improvvisamente una dimensione nuova.
Buon punto. Nel preparare il film, ho deciso di leggere Mein Kampf. Sembra che tu stia commettendo qualche tipo di atrocità o partecipando a una messa satanica, ma dovevo capire la sua lotta per spiegare perché fosse un artista così cattivo. Considera se stesso il più grande genio, il Messia secolare che viene per salvare il popolo tedesco. Ma sa che la sua arte non è buona, quindi è stato interessante vedere quanta parte abbia l'arte nel suo libro, ma quanta poca comprensione abbia di ciò che la costituisce.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche