email print share on facebook share on twitter share on google+

GÖTEBORG 2017

A 40 anni, Göteborg vuole diventare il festival di tutta la regione nordica

di 

- La più grande vetrina dei Paesi nordici, che avrà luogo dal 27 gennaio al 6 febbraio, quest'anno proietterà 450 film provenienti da 84 Paesi

A 40 anni, Göteborg vuole diventare il festival di tutta la regione nordica
Tom of Finland di Dome Karukoski

Di scena dal 27 gennaio al 6 febbraio, lo svedese Göteborg International Film Festival - il più grande evento cinematografico dei Paesi nordici, che ha registrato 160.000 presenze nel 2015 e ha l'ambizione di diventare il festival della regione nordica, includendo la Danimarca, la Finlandia, l'Islanda e la Norvegia - quest'anno celebra il suo 40° anniversario.

Tom of Finland [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Dome Karukoski
scheda film
]
del regista finlandese Dome Karukoski, la sua rappresentazione del "creatore più influente di immagini pornografiche gay", l'artista finlandese Touko Valio Laaksonen, aprirà il festival; è inoltre uno degli otto contendenti al Premio al Miglior Film Nordico da SEK 1 milione (€109.000) e fa parte del programma di 450 film provenienti da 84 Paesi che il direttore artistico Jonas Holmgren presenterà in 13 sale a Göteborg, tra cui il centro per festival Draken.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sempre in competizione per il primo premio troviamo The Man [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Charlotte Sieling
scheda film
]
della regista danese Charlotte Sieling, Little Wing [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della regista finlandese Selma Vilhunen, Heartstone [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guðmundur Arnar Guðmundsson
scheda film
]
del regista islandese Guðmundur Arnar Guðmundsson, Handle With Care [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arild Andresen
scheda film
]
del regista norvegese Arild Andresen, e i film dei registi svedesi Beyond Dreams di Rojda Sekersöz, The Ex-Wife [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Katja Wik e Sámi Blood [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Amanda Kernell
intervista: Lars Lindstrom
scheda film
]
di Amanda Kernell.

Il titolo della Kernell è stato inoltre selezionato per uno dei Focus del festival: Sápmi, che presenta nuovi film provenienti dalla zona artica Sápmi (alias Lapponia) nel nord della Svezia, Norvegia, Finlandia e Russia. In un altro Focus, Gods and Men, diversi film offriranno nuove prospettive su questioni religiose ed eventi politici, ed altrove ci saranno titoli di "Nuova Realtà Virtuale".

Per celebrare l'anniversario, la cerimonia di apertura del Draken che prevede un discorso della Ministra della Cultura svedese Alice Bah Kuhnke sarà condivisa con il pubblico di 40 sale della regione; il festival ha inoltre pubblicato la sua storia ricca di eventi nel libro del critico svedese Jon Asp Dragons and Demons, e in una retrospettiva saranno proiettati i film preferiti degli ex direttori del festival.

Il direttore artistico Holmgren ha scelto personalmente tre film del festival che raccomanda vivamente: The Man di Charlotte Sieling, un dramma padre-figlio ambientato nell'ambiente artistico di Copenhagen; l'horror cannibalesco Raw [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julia Ducournau
scheda film
]
della regista francese Julia Ducournau; e il thriller del regista australiano Benedict Andrews Una [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.