email print share on facebook share on twitter share on google+

ROTTERDAM 2017 Francia

Il cinema francese inonda Rotterdam

di 

- Una quarantina di produzioni e coproduzioni francesi recenti sono in programma alla 46a edizione del festival di Rotterdam

Il cinema francese inonda Rotterdam
Rey di Niles Atallah

Il programma del 46° Festival di Rotterdam, che si apre oggi e terminerà il 5 febbraio, è una nuova occasione per constatare l’enorme coinvolgimento dell’industria cinematografica francese nella produzione di film da tutto il mondo.

In competizione quest’anno per le Tigri figura una produzione maggioritaria francese: Rey [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Niles Atallah, prodotta dalla società parigina Mômerade con il Cile, i Paesi Bassi, la Germania e il Qatar, è stato anche sostenuto dall’Aiuto ai Cinema del Mondo del CNC. E’ in lizza pure la  coproduzione minoritaria La Mer morte (The Burglar) [+leggi anche:
recensione
scheda film
]
di Hagar Ben Asher, coprodotta da Les Films du Poisson con Israele e Germania.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il lungometraggio franco-belga Chez nous [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lucas Belvaux
scheda film
]
di Lucas Belvaux (prodotto in delegato da Synecdoche, coprodotto fra gli altri da France 3 Cinéma, e venduto nel mondo da Le Pacte) sarà in corsa per il Big Screen Award e avrà la sua prima mondiale nella sezione Voices. In menù figurano inoltre la produzione maggioritaria francese The Wedding Ring [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Rahmatou Keïta e i minoritari La ragazza del mondo [+leggi anche:
recensione
trailer
making of
intervista: Marco Danieli
scheda film
]
, The Road to Mandalay [+leggi anche:
trailer
intervista: Midi Z
scheda film
]
e L'Ornithologue [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: João Pedro Rodrigues
scheda film
]
.

Nella sezione Bright Future dedicata ai talenti emergenti spiccano fuori concorso tre produzioni maggioritarie francesi: Heis (Chroniques) [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Anais Volpé, Wùlu [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Daouda Coulibaly (apprezzato a Toronto) e il documentario Where Is Rocky II? [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Pierre Bismuth. Li accompagnano le coproduzioni minoritarie Burning Birds [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del cingalese Sanjeewa Pushpakumara (prima europea), Mimosas, la voie de l’Atlas [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Oliver Laxe
scheda film
]
dello spagnolo Oliver Laxe e By the Time It Gets Dark [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della thailandese Anocha Suwichakornpong.

Nel programma Limelight saranno proiettati Orpheline [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arnaud des Pallières
scheda film
]
di Arnaud des Pallières, Grave [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Julia Ducournau
scheda film
]
di Julia Ducournau, Riparare i viventi [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Katell Quillévéré
scheda film
]
di Katell Quillévéré, Personal Shopper [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Artemio Benki
intervista: Olivier Assayas
scheda film
]
di Olivier Assayas e Rester vertical [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alain Guiraudie
scheda film
]
di Alain Guiraudie, oltre ai minoritari Sieranevada [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Cristi Puiu
scheda film
]
, Wolf and Sheep [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Shahrbanoo Sadat
scheda film
]
, Harmonium [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Tramontane [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, Dogs [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bogdan Mirica
scheda film
]
, Porto [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gabe Klinger
scheda film
]
e La región salvaje [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
.

La sezione A Band Apart ha selezionato Compte tes blessures [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Morgan Simon
scheda film
]
di Morgan Simon e Nocturama [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bertrand Bonello
scheda film
]
di Bertrand Bonello, mentre Le Serpent aux mille coupures [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Eric Valette avrà la sua prima mondiale nel programma Criss Cross e la sezione Signature conta tre produzioni maggioritarie francesi La mort de Louis XIV [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Albert Serra
scheda film
]
di Albert Serra, Un rêve solaire [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Patrick Bokanowski e Belle Dormant [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ado Arrietta
scheda film
]
di Adolfo Arrieta.

Si segnalano infine il lungometraggio franco-israeliano The Wonderful Kingdom of Papa Alaev [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del duo Noam Pinchas - Tal Barda nel programma Scopitone, la coproduzione minoritaria Noces [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Stephan Streker
scheda film
]
a IFFR Live e ancora la mini-serie Au-delà des murs di Hervé Hadmar a Voices.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.