email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2017 Selezione Ufficiale

La Croisette nel mirino

di 

- Favoriti, outsider, probabili, possibili: alcuni nomi per orientarsi nella giungla dei potenziali candidati al 70° Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio 2017)

La Croisette nel mirino
(© Louis Fauquembergue / FDC)

In attesa che il 67° Festival di Berlino annunci il suo palmarès sabato, i professionisti dell’industria cinematografica mondiale cominciano a volgere tutta la loro attenzione e le loro energie verso il 70° Festival di Cannes (dal 17 al 28 maggio 2017), di gran lunga la più bella vetrina della settima arta e anche il mercato più prolifico. E ora che il delegato generale Thierry Frémaux ha svelato in parte i segreti della scelta dei titoli in lizza sulla Croisette nel suo recente e appassionante libro Sélection officielle, sappiamo che il processo decisionale comincia ora e che il cartellone va a riempirsi segretamente poco a poco nei due mesi a venire. E come al solito, rumors, pronostici e altre divinazioni sono in pieno corso sul pianeta cinefilo per predire quali titoli si contenderanno la Palma d’Oro 2017 che sarà assegnata da una giuria presieduta da Pedro Almodóvar (leggi la news). Una piccola panoramica non completa sui potenziali candidati.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra i cineasti europei, quasi tutti scommettono su Happy End [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Michael Haneke
scheda film
]
dell’austriaco Michael Haneke, Loveless [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrey Zvyagintsev
scheda film
]
del russo Andreï Zviaguintsev, A Gentle Creature [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sergei Loznitsa
scheda film
]
dell’ucraino Sergeï Loznitsa, Thelma [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Eili Harboe
intervista: Joachim Trier
scheda film
]
del norvegese Joachim Trier, Jupiter's Moon [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Kornél Mundruczó
scheda film
]
 dell’ungherese Kornel Mundruczo, The Square [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
dello svedese Ruben Ostlund e You Were Never Really Here [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Lynne Ramsay
scheda film
]
dello scozzese Lynne Ramsay, ai quali si possono aggiungere i film francesi Mektoub is Mektoub di Abdellatif Kechiche (news), Les fantômes d'Ismaël [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Arnaud Desplechin
scheda film
]
di Arnaud Desplechin, Jeannette [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Bruno Dumont
scheda film
]
di Bruno Dumont e L'atelier [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laurent Cantet
scheda film
]
 di Laurent Cantet.

Per gli Stati Uniti, i candidati più papabili sono The Beguiled di Sofia Coppola, Wonderstruck di Todd Haynes e Radegund di Terrence Malick (che UGC ha acquisito per la distribuzione in Francia), oltre a Downsizing di Alexander Payne.

Sono ben piazzati nella lista dei "probabili" anche Une saison en France [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Mahamat-Saleh Haroun
scheda film
]
del ciadiano Mahamat-Saleh Haroun, Radiance della giapponese Naomi Kawase e Claire's Camera [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del coreano Hong Sang-soo (con protagonista Isabelle Huppert e girato a Cannes l'anno scorso, durante il festival).

Saranno pronti in tempo? La domanda si pone per The Killing of a Sacred Deer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
del greco Yorgos Lanthimos (che pare sia immerso nella pre-produzione del suo film successivo) e Where Life is Born del messicano Carlos Reygadas, e ancor più per i lungometraggi girati a fine 2016-inizio 2017 come April's Daughter del messicano Michel Franco, Roma del suo connazionale Alfonso Cuaron, Kings [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della turca Deniz Gamze Ergüven, D'après une histoire vraie [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Roman Polanski e il misteriosissimo Burning del coreano Lee Chang Dong (tratto da Haruki Murakami). Quanto a Zama dell’argentina Lucrecia Martel, non potrà in alcun modo partecipare alla competizione poiché il presidente della giuria Pedro Almodóvar è coproduttore del film. Infine, è certo che Luxembourg dell’ucraino Myroslav Slaboshpitsky (news) non sarà pronto a maggio.

Tra gli outsider si possono citare Okja del coreano Bong Joon-ho, When the Waves are Gone del filippino Lav Diaz, Feng Zhong You Duo Yu Zuo De Yun del cinese Lou Ye (in un registro che si annuncia più per il grande pubblico rispetto alle sue opere precedenti), Strolling Invader del giapponese Kiyoshi Kurosawa, Foxtrot dell’israeliano Samuel Maoz, Abracadabra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pablo Berger
scheda film
]
dello spagnolo Pablo Berger, Mug [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Małgorzata Szumowska
scheda film
]
 della polacca Malgorzata Szumowska, Under the Silver Lake dell’astro nascente americano David Robert Mitchell, Le Fidèle [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Michael Roskam
scheda film
]
del belga Michael R. Roskam, Grain [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Semih Kaplanoğlu
scheda film
]
del turco Semih Kaplanoglu (da tempo in post-produzione), A Sort of Family dell’argentino Diego Lerman, La cordillera [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Santiago Mitre
scheda film
]
del suo connazionale Santiago Mitre, Monos dell’uruguayano Alejandro Landes, Western della tedesca Valeska Grisebach, Lean on Pete dell’inglese Andrew Haigh (news), Dark River [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Clio Barnard
scheda film
]
del suo connazionale Clio Barnard, e sul fronte francese, Le Redoutable di Michel Hazanavicius (news), 120 battements par minute [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arnaud Valois
intervista: Robin Campillo
scheda film
]
di Robin Campillo e Barbara di Mathieu Amalric (news).

Sono ai blocchi di partenza, fra gli altri, anche His Master's Voice dell’ungherese Gyorgy Palfi (news), Dovlatov del russo Alexey German Jr, How to Talk to Girls at Parties [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
dell’americano John Cameron Mitchell, Good Favour [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’irlandese Rebecca Daly, L'insulte del libanese Ziad Doueiri (news), Euphoria [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
della svedese Lisa Langseth, Love Me Not del greco Alexandros Avranas e Eye on Juliet del canadese Kim Nguyen. Sulla linea di partenza si accalcano inoltre Oro dello spagnolo Agustin Diaz Yanes (news), The Box del venezuelano Lorenzo Vigas, A ciambra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Carpignano
scheda film
]
dell’italiano Jonas Carpignano, Nina dello slovacco Juraj Lehotsky (news), A Storm in the Stars della saudita Haifaa Al-Mansour (news), Les Carnivores dei fratelli belgi Jérémie e Yannick Renier, Laissez bronzer les cadavres dei franco-brussellesi Hélène Cattet e Bruno Forzani (news), The Real Estate [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cédric Kahn
scheda film
]
degli svedesi Mans Mansson e Axel Petersén, Beyond Words [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Urszula Antoniak
scheda film
]
della regista polacco-olandese Urszula Antoniak, Frost [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Sharunas Bartas
scheda film
]
del lituano Sharunas Bartas, Khibula del georgiano George Ovashvili, Koko-di Koko-da dello svedese Johannes Nyholm, il nuovo film ancora senza titolo dello sloveno Olmo Omerzu e Under the Tree dell’islandese Hafsteinn Gunnar Sigurdsson. E tra i francesi spiccano Fleuve noir [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Erick Zonca, L'amant d'un jour di Philippe Garrel (news), Rodin [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jacques Doillon, Nos années folles di André Téchiné (news), Madame Hyde di Serge Bozon (news), Marvin [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Anne Fontaine, Au revoir, là-haut di Albert Dupontel, Espèces menacées [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Gilles Bourdos e Demain et tous les autres jours di Noémie Lvovsky (news), mentre si sa già che Les gardiennes [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Xavier Beauvois
scheda film
]
di Xavier Beauvois (news) sarà ancora in post-produzione.

Tra le opere prime figurano, fra gli altri, I Am Not A Witch [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Rungano Nyoni
scheda film
]
della zambiana Rungano Nyoni, Hier dell’ungherese Balint Kenyeres, On Chesil Beach dell’inglese Dominic Cooke, Après la guerre (After the War) della sua connazionale Annarita Zambrano (news), La part sauvage del belga Guérin Van Der Vorst, The Gulf del turco Emre Yeksan, The Charmer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milad Alami
scheda film
]
dell’iraniano Milad Alami, e per la Francia, Si tu voyais son coeur [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Joan Chemla, Ava [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Léa Mysius
scheda film
]
di Léa Mysius (news), Petit Paysan [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hubert Charuel
scheda film
]
 di Hubert CharuelLa fête est finie [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marie Garel-Weiss
scheda film
]
 di Marie Garel Weiss, Cornelius, le meunier hurlant [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Yann Le Quellec (news), Jusqu'à la garde di Xavier Legrand (news) e Luna di Elsa Dirringer.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.