email print share on facebook share on twitter share on google+

NAMUR 2017

Festival di Namur, edizione 32

di 

- Il FIFF si aprirà il 29 settembre con la Caméra d’or Jeune femme e proporrà 25 film in anteprima

Festival di Namur, edizione 32
Jeune femme di Léonor Sérraille

Il Festival internazionale del film francofono di Namur (FIFF), che si aprirà con l’ultima Caméra d’Or, Jeune femme [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Léonor Serraille
scheda film
]
 di Léonor Sérraille, proporrà quest’anno 12 film in competizione, 9 di finzione e 3 documentari, tra cui Ana, mon amour [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Călin Peter Netzer
scheda film
]
 di Calin Peter Netzer, Orso d’argento a Berlino, a conferma della sua tendenza ultradecennale a dare spazio e attenzione al nuovo cinema rumeno. Altro film scoperto a Berlino è When the Day Had No Name [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teona Strugar Mitevska
scheda film
]
, quarto lungometraggio della macedone Teona Strugar Mitevska. Unico titolo belga in competizione, il riuscito e totalmente psichedelico Laissez bronzer les cadavres [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Hélène Cattet & Bruno Forz…
scheda film
]
del duo Hélène Cattet & Bruno Forzani. Naturalmente, il contingente francese è ben nutrito, con 12 jours [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 della leggenda del cinema documentario Raymond Depardon, e un altro documentario, Carré 35 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 dell’attore e regista Eric Caravaca, così come Chien [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Samuel Benchetrit e Maryline [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Guillaume Gallienne.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il festival programmerà inoltre in anteprima belga un pugno di attesissimi film francesi con cast prestigiosi: Numéro Une [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Tonie Marshall (con Emmanuelle DevosSuzanne ClémentRichard BerrySami FreyBenjamin Biolay), Jalouse [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di David e Stéphane Foenkinos (con Karin ViardAnne Dorval, Anaïs Demoustier) e Tout nous sépare [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 di Thierry Klifa (con Diane KrugerCatherine DeneuveNicolas DuvauchelleNekfeu), anche in anteprima mondiale. 

La Giuria Lungometraggio sarà presieduta dal regista francese Martin Provost (Séraphine [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Violette [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Sage Femme [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Martin Provost
scheda film
]
), mentre la Giuria Cortometraggio sarà guidata dall’esplosivo duo di registi formato da Adil El Arbi e Bilall Fallah (Image [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, Black [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Adil El Arbi e Bilall Fallah
scheda film
]
).

Sul fronte belga, il pubblico potrà scoprire in esclusiva altri quattro lungometraggi nuovi: Drôle de père [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Amélie van Elmbt
scheda film
]
, il nuovo film di Amélie van Elmbt (La Tête la première [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
), e tre opere prime, Une part d’ombre [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Samuel Tilman
scheda film
]
 di Samuel TilmanLa Part Sauvage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Guérin Van de Vorst – Regi…
scheda film
]
 di Guérin van de Vorst e C’est tout pour moi! [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nawell Madani
scheda film
]
 di Nawell Madani.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.