email print share on facebook share on twitter share on google+

OSCAR 2018 Austria

Happy End a Hollywood?

di 

- Per la sesta volta, l’Austria propone una pellicola di Michael Haneke per le nomination all’Oscar del miglior film in lingua straniera

Happy End a Hollywood?
Happy End di Michael Haneke

L’Oscar del miglior film in lingua straniera ottenuto nel 2012 per Amour [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
poteva sembrare l’epilogo perfetto di una lunga serie di candidature alle nomination per la prestigiosa statuetta, invece Happy End [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Michael Haneke
scheda film
]
viene ad aggiungersi alla lista dei film di Michael Haneke proposti all’Academy dall’Austria – è il sesto dopo Il settimo continente nel 1989, Benny’s Video nel 1992, La pianista nel 2001, Niente da nascondere [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Margaret Menegoz
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
nel 2005 (squalificato perché non girato nella lingua ufficiale del paese che rappresentava, bensì in francese, una regola scomparsa l’anno successivo a seguito delle polemiche provocate da questa eliminazione) e, quindi, Amour.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Digital Production Challenge - DPC II 1 Internal

La decisione è stata presa da una giuria composta dalla FAMA (sindacato delle industrie della musica e del cinema), che ha dovuto valutare sei possibili candidati in tutto.

Happy End, dove ritroviamo i personaggi di Amour (senza l’amore del titolo) e diversi fili rossi che percorrono tutta la filmografia di Haneke, osserva freddamente, con un ricorso a grandi ellissi, le interazioni carenti e le lente derive silenziose di una famiglia di borghesi di Calais che comprende tre generazioni – quella del patriarca incarnato da Jean-Louis Trintignant, quella dei figli (Isabelle Huppert, Mathieu Kassovitz) e quella dei figli dei figli (l’astro nascente tedesco Franz Rogowski e la giovane Fantine Harduin) – e due domestici.

Il film è una coproduzione franco-tedesco-austriaca (girata in francese) tra Les Films du Losange (che si occupa anche delle vendite internazionali), X Filme Creative Pool e Wega Film. Sui 13,5 milioni di euro circa che è costato il film, l’Austria ha partecipato con poco più di 2 milioni, ossia per il 14,95%.

I nominati per la 90a edizione degli Oscar saranno annunciati il 23 gennaio. La cerimonia di premiazione si terrà il 4 marzo al Dolby Theater di Hollywood.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.