email print share on facebook share on twitter share on google+

LES ARCS 2017

Il meglio del cinema europeo a Les Arcs

di 

- Il Festival del Cinema Europeo di Les Arcs ha reso noto il programma della sua ricca 9a edizione che si svolgerà dal 16 al 23 dicembre 2017

Il meglio del cinema europeo a Les Arcs
Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli

Diventato nel corso degli anni un appuntamento imperdibile per i professionisti della settima arte del Vecchio Continente, il Festival del Cinema Europeo di Les Arcs he svelato l’impressionante programma della 9a edizione.

I dieci lungometraggi (di cui 8 alla loro prima francese) in lizza per la Freccia di Cristallo 2017 saranno valutati da una giuria presieduta alla fine da Céline Sciamma (che sostituisce Andrea Arnold, che sta girando un film negli Stati Uniti) affiancata dalle attrici Clotilde Coureau e Natacha Réigner, dal regista ungherese László Nemes e dal compositore russo Evgueni Galperine. La gara sarà caratterizzata da una perfetta parità perché il direttore artistico Frédéric Boyer ha deciso di inserire cinque titoli realizzati da donne: Nico 1988 [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Susanna Nicchiarelli
scheda film
]
dell’italiana Susanna Nicchiarelli (vincitrice di Orizzonti a Venezia), Mademoiselle Paradis [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Barbara Albert
scheda film
]
dell’austriaca Barbara Albert (in gara a Toronto e a San Sebastian), La mauvaise réputation [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iram Haq
scheda film
]
(What Will People Say) della norvegese Iram Haq (anch’esso scoperto a Toronto), la produzione olandese e polacca Beyond Words [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Urszula Antoniak
scheda film
]
di Urszula Antoniak (in gara a San Sebastian) e Scary Mother [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ana Urushadze
scheda film
]
della georgiana Ana Urushadze (miglior lungometraggio di debutto a Locarno). Contro di loro, Lean On Pete [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(presentato a Venezia) del britannico Andrew Haigh, Le Capitaine [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robert Schwentke
scheda film
]
del tedesco Robert Schwentke (premio speciale della giuria per la fotografia), Disappearance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Boudewijn Koole
scheda film
]
dell’olandese Boodewijn Koole (alla sua prima a Toronto), The Charmer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Milad Alami
scheda film
]
del danese Milad Alami (che aveva fatto l’apertura della sezione New Directors a San Sebastian) e Arrhytmia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Boris Khlebnikov
scheda film
]
del russo Boris Khlebnikov (premio come miglior attore a Karlovy Vary).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tre film italiani faranno parte del programma “Playtime”: Brutti e cattivi [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Cosimo Gomez, Chiamami col tuo nome [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Luca Guadagnino
scheda film
]
di Luca Guadagnino e Il colore nascosto delle cose [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Silvio Soldini. Ci saranno tre film francesi: La douleur [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Emmanuel Finkiel
scheda film
]
di Emmanuel Finkiel, La fête est finie [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marie Garel-Weiss
scheda film
]
di Marie Garel Weiss e La surface de réparation [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Cristophe Régin. Anche la Gran Bretagna contribuirà, con i suoi tre film: The Death of Stalin [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Armando Iannucci, L’ora più buia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Joe Wright e The Escape [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Dominic Savage).

La sezione “Hauteurs” permetterà di apprezzare Good Favour [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’irlandese Rebecca Daly, Life Guidance [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruth Mader
scheda film
]
dell’austriaca Ruth Mader, Dopo la guerra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Annarita Zambrano
scheda film
]
dell’italiana Annarita Zambrano, Pororoca [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Constantin Popescu
scheda film
]
del rumeno Constantin Popescu, Cargo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Gilles Coulier
scheda film
]
del belga Gilles Coulier, Chien [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del francese Samuel Benchetrit e Le ciel étoilé au dessus de ma tête [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
del connazionale Ilan Klipper.

Quest’anno, il focus del festival sarà sulla Germania in quanto saranno 10 i titoli, comparsi negli ultimi anni, a essere proiettati (tra cui Freedom [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jan Speckenbach
scheda film
]
di Jan Speckenbach, Lomo-the Language of Many Others [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Julia Langhof e Axolotl Overkill [+leggi anche:
trailer
intervista: Helene Hegemann
scheda film
]
di Helene Hegemann).

La sezione documentari presenterà la prima francese di Marianne Faithfull, Fleur d’âme [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sandrine Bonnaire, Bobbi Jene [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
della danese Elvira Lind, Ni juge, ni soumise [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jean Libon e Yves Hinant
scheda film
]
del duo belga Jean Libon - Yves Hinant e French Waves di Julian Stark.

Il programma propone inoltre la sezione Snow Frayeurs (con Revenge [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Coralie Fargeat
scheda film
]
della francese Coraline Fargeat, Euthanizer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teemu Nikki
scheda film
]
del finlandese Teemu Nikki e Four Hands [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Oliver Kienle), la proiezione dei tre film finalisti del premio LUX del Parlamento europeo (120 battiti al minuto [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Arnaud Valois
intervista: Robin Campillo
scheda film
]
del francese Robin Campillo, Sámi Blood [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Amanda Kernell
intervista: Lars Lindstrom
scheda film
]
della svedese Amanda Kernell e Western [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Dornbach
intervista: Valeska Grisebach
intervista: Valeska Grisebach
scheda film
]
della tedesca Valeska Grisebach), alcune sessioni speciali, un programma scolastico e una competizione per cortometraggi, la cui giuria sarà presieduta da Rémi Bezançon.

Inoltre, la norvegese Iram Haq riceverà il 4° premio Les Arcs - Donna Sisley del Cinema e il festival sarà teatro del laboratorio “Femme de Cinéma” (Donna del Cinema) con un seminario di Noémie Lvovsky.

Il tutto senza dimenticare gli eventi per i professionisti con l’Industry Village che riunirà circa 500 professionisti nell’ambito dei 20 progetti del Villaggio delle Coproduzioni (dal 16 al 19 novembre), dei 14 film del progetto Work In Progress (il 17 dicembre), del Village des Écoles e del Music Village Pro. Ci sarà anche il Vertice Distributori Esercenti (dal 19 al 23 dicembre, durante il quale verranno proiettati 13 lungometraggi e ci saranno anche dei laboratori) e gli Appuntamenti franco-tedeschi del cinema, guidati da UniFrance e German Films, in collaborazione con il CNC e la FFA, e che si svolgeranno dal 18 al 20 dicembre.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.