email print share on facebook share on twitter share on google+

TORINO 2017

Asia Argento “guest director” del 35° Torino Film Festival

di 

- Annunciato oggi il programma del festival che si terrà dal 24 novembre al 2 dicembre. 169 film, tra cui 40 opere prime e seconde e 36 anteprime mondiali. Omaggio a Brian De Palma

Asia Argento “guest director” del 35° Torino Film Festival
L'attrice e regista Asia Argento

Il concorso Torino 35, la sezione Festa Mobile con i titoli più applauditi nei festival internazionali, la selezione dark di After Hours, e poi documentari dall’Italia e dal mondo, i film sperimentali di Onde e un’ampia retrospettiva su Brian De Palma. E’ ricco come sempre il programma del Torino Film Festival, che quest’anno festeggia i suoi 35 anni, dal 24 novembre al 2 dicembre, offrendo al suo pubblico 169 film, tra cui 40 opere prime e seconde, 36 anteprime mondiali e 21 internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Sarà una commedia britannica, Finding Your Feet [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Richard Loncraine, con Imelda Staunton e Timothy Spall, ad aprire le danze del festival diretto da Emanuela Martini, quest’anno al suo ultimo mandato come direttrice artistica. Quindici sono le opere prime o seconde selezionate nel concorso Torino 35, la cui giuria è presieduta dal regista cileno Pablo Larraín. Tra queste, due titoli italiani – Blue Kids [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Andrea Tagliaferri, fiaba nera prodotta da Matteo Garrone, e Lorello e Brunello [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Jacopo Quadri, su due gemelli che gestiscono una fattoria, minacciati dalla globalizzazione – e diversi film europei, tra cui Beast [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Michael Pearce
scheda film
]
di Michael Pearce, Barrage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Schroeder
scheda film
]
di Laura Schroeder, The Death of Stalin [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Armando Iannucci e A fábrica de nada [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Pinho
scheda film
]
di Pedro Pinho

Numerose le novità italiane in Festa mobile: “Credevamo che dopo la valanga di film italiani a Venezia, ne fossero rimasti pochi da selezionare. E invece questa si conferma un’annata molto produttiva per il cinema nostrano”, ha commentato Martini. Tra i titoli più attesi, le nevrosi sentimentali di Amori che non sanno stare al mondo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Francesca Comencini
scheda film
]
di Francesca Comencini; il terzo capitolo delle avventure dei ricercatori universitari disoccupati Smetto quando voglio - Ad Honorem [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, di Sydney Sibilia; Tito e gli alieni [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paola Randi
scheda film
]
di Paola Randi, con Valerio Mastandrea nei panni di uno scienziato pazzo nel deserto del Nevada; e poi ancora il docu-drama sulla migrazione Balon [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Pasquale Scimeca, le ricostruzioni storiche di My War Is Not Over [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Bruno Bigoni e Cento anni [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Davide Ferrario, e il viaggio in Slovenia di Elisabetta Sgarbi in L’altrove più vicino. Sempre in Festa mobile si potranno vedere, tra i tanti altri, L’ora più buia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Joe Wright, con Gary Oldman nei panni di Winston Churchill, Un beau soleil intérieur [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Claire Denis, La cordillera [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Santiago Mitre
scheda film
]
di Santiago Mitre, Dark River [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Clio Barnard
scheda film
]
di Clio Barnard, e i doc musicali Faithfull [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sandrine Bonnaire e Grace Jones: Bloodlight and Bami [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sophie Fiennes

Fantasmi, zombie e giochi pericolosi nella sezione After Hours, che schiera due film italiani “eccentrici” – Favola [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sebastiano Mauri, commedia surreale con protagoniste due agiate casalinghe americane anni ’50 (una è incarnata da Filippo Timi), e Riccardo va all’inferno [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Roberta Torre, rilettura del Riccardo III ambientata nella periferia romana – e, tra gli altri, il lettone Firstborn [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Aik Karapetian, i francesi Revenge [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Coralie Fargeat
scheda film
]
di Coralie Fargeat e Game of Death [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sebastien Landry e Laurence Morais-Lagace, e l’irlandese The Cured [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di David Freyne. In TFFdoc, dedicato quest’anno al tema del viaggio, si segnalano Christelle [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Carmit Harash e Pagine nascoste [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Sabrina Varani; nella sezione Onde, i titoli portoghesi Colo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Teresa Villaverde
scheda film
]
di Teresa Villaverde e Verão Danado [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Pedro Cabeleira
scheda film
]
di Pedro Cabeleira, oltre al noir lisergico 2557 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
del tedesco Roderick Warich

Una retrospettiva dedicata a Brian De Palma, una sezione dedicata ai gatti, una selezione di film del TorinoFilmLab (che quest’anno festeggia i suoi 10 anni e un totale di 79 film realizzati) completano il programma di questa 35a edizione del Torino FF, che avrà come “guest director” Asia Argento: l’attrice/regista italiana, al centro delle cronache recenti per lo scandalo Weinstein, presenterà AmeriKana, una selezione di cinque film da lei scelti tra quelli che meglio rappresentano l’America più profonda. Il Gran Premio Torino 2017 va al compositore Pino Donaggio, autore di colonne sonore per Brian De Palma, Dario Argento, Pupi Avati e Joe Dante.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.