email print share on facebook share on twitter share on google+

BOX OFFICE Svezia

The Sunny Side è il maggior successo al box office svedese nel 2017

di 

- Il 2017 è stato un anno grandioso per il cinema svedese che ha presentato soprattutto film nazionali e coproduzioni internazionali

The Sunny Side è il maggior successo al box office svedese nel 2017
The Sunny Side di Felix e Måns Herngren

Stando ai dati del box office recentemente pubblicati dal Swedish Film Institute, il film più visto nel 2017 è stato la commedia The Sunny Side [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Felix e Måns Herngren, che ha totalizzato più di un milione di entrate in Svezia e 200.000 entrate in Norvegia e Finlandia, guadagnando circa 100 milioni di corone svedesi (€ 10,17 milioni). The Sunny Side è l’adattamento di una famosa serie tv – piuttosto sconosciuta al di fuori della regione scandinava – che tratta il tema dell’essere genitori e delle relazioni complicate. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Inoltre, un’altra commedia svedese diretta dai fratelli Herngren che si è assicurata un posto nella top ten del 2017 è L’uomo [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di 101 anni che non pagò il conto e scomparve, che ha raggiunto le  381.831 entrate arrivando all’ottavo posto. 

Il film straniero di maggior successo nei cinema svedesi è, come prevedibile, Star Wars: Gli ultimi Jedi (696.896 entrate), seguito da vari film per famiglie come Cattivissimo Me 3 (613.266), La bella e la bestia (524.111), Moana (475.918), Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar (475.858), Baby Boss (381.831). La top ten si chiude con l’horror IT: Capitolo 1 (500.389 entrate posizionandosi al quinto posto) e il film romantico erotico Cinquanta sfumature di nero (381.309 entrate, per un soffio al decimo posto).

Nell’insieme, è stato un periodo molto produttivo per il cinema nazionale, dato che molti film svedesi sono stati spesso sotto i riflettori sia su scala nazionale che all’estero. Per esempio, il dramma satirico The Square [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
 di Ruben Östlund ha vinto la Palma d’oro a Cannes, la biografia di Borg/McEnroe [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
 di Janus Metz Pedersen ha aperto il Toronto Film Festival nel 2017, Ravens [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jens Assur
scheda film
]
 di Jens Assur ha vinto il  Golden Alexander al Festival Internazionale del Cinema di Salonicco e il thriller Omicidio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Tarik Saleh
scheda film
]
al Cairo di Tarik Saleh ha ricevuto il Premio della giuria al Sundance.

I numeri pubblicati dallo Swedish Film Institute confermano che i blockbuster sono ancora a capo del mercato locale, ma le coproduzioni e i film nazionali continuano ad avere un forte impatto sulle quote di mercato. A tal proposito, l’amministratore delegato dell’organizzazione, Anna Serner, ha recentemente affermato: “I registi hanno così tante storie che meritano le condizioni migliori per diventare grandi film. È gratificante vedere che la qualità generale sta crescendo attraverso requisiti più chiari e la gestione degli obbiettivi. Ora spero che il pubblico svedese capisca che vale la pena spendere dei soldi per vedere i film svedesi”.

(Tradotto dall'inglese da Veronica Maiolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.