email print share on facebook share on twitter share on google+

OSCAR 2018

La forma dell’acqua trionfa agli Oscar

di 

- Già vincitore a Venezia, il film di Guillermo del Toro si aggiudica l’Oscar del miglior film. L’Europa va bene nelle categorie tecniche. Miglior sceneggiatura a Chiamami col tuo nome

La forma dell’acqua trionfa agli Oscar
Il regista Guillermo del Toro con i suoi Oscar per il Miglior film e il Miglior regista (© Frederic J. Brown/AFP/Getty Images)

Il vincitore del Leone d’Oro di Venezia La forma dell’acqua ha vinto come Miglior film e Miglior regista, per il messicano Guillermo del Toro, agli Oscar. Il film si è aggiudicato quattro premi in totale, tra cui un secondo Oscar per il compositore francese Alexandre Desplat, mentre il trio canadese Paul D Austerberry, Shane Vieau e Jeff Melvin ha vinto per la Miglior scenografia.

L’attore britannico Gary Oldman è stato proclamato Miglior attore per la sua performance nei panni di Winston Churchill in L’ora più buia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Il film di Joe Wright ha conquistato anche l’Oscar per Trucco e Acconciature per Kazuhiro Tsuji, David Malinowski e Lucy Sibbick.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Una delle vittorie più applaudite della serata è stata quella del direttore della fotografia inglese Roger Deakins. Il cineasta britannico era stato nominato in precedenza 13 volte senza mai vincere, ed era visibilmente emozionato quando finalmente è riuscito a salire sul palco per ritirare l’Oscar per il suo lavoro in Blade Runner 2049 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Il sequel di Denis Villeneuve del classico di Ridley Scott ha anche vinto per i Migliori effetti visivi.

Nel corso della serata, i premi sono stati ben ripartiti senza che nessun film dominasse sugli altri. Tre manifesti a Ebbing, Missouri [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, supportato da Film4, è andato a casa con due premi per l’interpretazione, Miglior attrice per Frances McDormand, che ha anche pronunciato il discorso più significativo della cerimonia quando ha chiesto a tutte le donne candidate di alzarsi in piedi, e Miglior attore non protagonista per Sam Rockwell.

Il Miglior cortometraggio live action è quello dell’impegnato duo di registi britannici Chris Overton e Rachel Senton per il loro toccante The Silent Child. Senton ha tradotto il suo discorso nella lingua dei segni.

I film e i registi europei hanno dominato nelle categorie tecniche. Dunkirk [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Christopher Nolan ha ottenuto tre premi, tra cui Miglior montaggio sonoro, Miglior sonoro e Miglior montaggio. Il racconto ambientato nel mondo della moda londinese Il filo nascosto ha vinto per i Migliori costumi. Il premio del Miglior documentario è stato consegnato invece a Icarus di Bryan Fogel, che ha avuto la meglio sul documentario di Agnès Varda Visages Villages [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
. Diverse produzioni o coproduzioni europee, The Square [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ruben Östlund
scheda film
]
, Corpo e anima [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ildiko Enyedi
intervista: Ildiko Enyedi
intervista: Réka Tenki
scheda film
]
e Loveless [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Andrey Zvyagintsev
scheda film
]
, erano nominate nella categoria del Miglior film in lingua straniera, dove l’ha spuntata Una donna fantastica [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Sebastián Lelio, una coproduzione tra Cile, Germania, USA e Spagna. Un altro grande vincitore è stato la leggenda americana James Ivory, che ha vinto per la Miglior sceneggiatura adattata per il suo lavoro in Chiamami col tuo nome [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Luca Guadagnino
scheda film
]
di Luca Guadagnino. Ma i più felici della serata restano comunque i messicani.

La lista completa dei vincitori:

Miglior film
La forma dell’acqua – Guillermo del Toro

Miglior regista
Guillermo del Toro – La forma dell’acqua

Miglior attore protagonista
Gary Oldman – L’ora più buia [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Regno Unito)

Miglior attrice protagonista
Frances McDormand – Tre manifesti a Ebbing, Missouri [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Regno Unito/USA)

Miglior attore non protagonista
Sam Rockwell – Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Miglior attrice non protagonista
Allison Janney – I, Tonya

Miglior sceneggiatura adattata
James Ivory – Chiamami col tuo nome [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Luca Guadagnino
scheda film
]
(Italia/Francia/USA/Brasile)

Miglior sceneggiatura originale
Jordan Peele – Scappa - Get Out (USA/Giappone)

Miglior film d’animazione
Coco – Lee Unkrich, Adrian Molina

Miglior film in lingua straniera
Una donna fantastica [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
– Sebastián Lelio (Cile/Germania/USA/Spagna)

Miglior documentario
Icarus – Bryan Fogel

Miglior fotografia
Roger Deakins – Blade Runner 2049 [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
 (USA/Regno Unito/Canada)

Migliori costumi
Il filo nascosto

Miglior montaggio
Dunkirk [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
(Regno Unito/Paesi Bassi/Francia/USA)

Miglior trucco e acconciature
L’ora più buia

Miglior colonna sonora
Alexandre Desplat - La forma dell’acqua

Miglior canzone originale
"Remember Me", Kristen Anderson-Lopez, Robert Lopez – Coco

Miglior scenografia
La forma dell’acqua

Miglior sonoro
Dunkirk

Miglior montaggio sonoro
Dunkirk

Migliori effetti visivi
Blade Runner 2049

Miglior cortometraggio documentario
Heaven Is a Traffic Jam on the 405 – Frank Stiefel

Miglior cortometraggio d’animazione
Dear Basketball – Glen Keane, Kobe Bryant

Miglior cortometraggio live action
The Silent Child – Chris Overton, Rachel Shenton (Regno Unito)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.