email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Svizzera

Friborgo: un piccolo festival dalle grandi ambizioni

di 

- Il Festival Internazionale del Film di Friborgo si appresta a dare il via alla sua nuova edizione. 113 film alimenteranno una programmazione sempre più ricca e variegata

Friborgo: un piccolo festival dalle grandi ambizioni
Black Level di Valentyn Vasyanovych

Come sottolineato da Alain Berset, presidente della Confederazione svizzera: "Il FIFF ha preso negli ultimi anni un nuovo slancio che gli ha permesso di diventare uno dei pochi piccoli festival citati tra i più grandi". Un’affermazione elogiosa che evidenzia la volontà del Festival Internazionale del Film di Friborgo (FIFF) di consolidare la sua presenza nel panorama dei festival svizzeri e internazionali. Costantemente alla ricerca di un equilibrio tra film per il grande pubblico e produzioni più di nicchia, grandi classici ed eccitanti scoperte, il festival non smette di attirare personalità importanti della cinematografia mondiale. Quest’anno, per la sua 32esima edizione (16-24 marzo), è il turno di Ken Loach, presente a Friborgo per un’attesa masterclass (19 marzo).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

La competizione internazionale (lungometraggi), composta da 12 film provenienti da altrettanti paesi, accoglierà quattro produzioni e coproduzioni europee: Black Level [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
dell’ucraino Valentyn Vasyanovych, What Will People Say [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iram Haq
scheda film
]
(Norvegia/Germania/Svezia) della norvegese di origini pachistane Iram Haq, Foxtrot [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Samuel Maoz
scheda film
]
(Israele/Svizzera/Germania/Francia) del regista israeliano Samuel Maoz e The Seen and Unseen [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
(Indonesia/Paesi Bassi/Australia/Qatar) dell’indonesiana Kamila Andini.

La sezione Nouveau territoire si focalizzerà quest’anno sulla Mongolia. Dieci film saranno proiettati a Friborgo con lo scopo di sottolineare la qualità e la varietà di una cinematografia ancora troppo sconosciuta. I festival di Cannes e Berlino saranno presenti al FIFF attraverso due "cartes blanches": la prima (selezione di dieci film) firmata dal delegato generale del Festival di Cannes Thierry Frémaux e la seconda dedicata a Beki Probst, fondatrice dell’European Film Market della Berlinale.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.