email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Italia

Le donne protagoniste di Sguardi Altrove FF a Milano

di 

- La rassegna dall'11 al 18 marzo. Tra gli ospiti la regista Francesca Archibugi, l'attrice Lolita Chammah che presenterà Barrage, la regista bulgara Adela Peeva

Le donne protagoniste di Sguardi Altrove FF a Milano
Barrage di Laura Schroeder

“Quest’anno più che mai Sguardi Altrove si apre al cinema europeo a regia femminile, con una particolare attenzione rivolta alle cinematografie dell’est Europa ancora poco conosciute nel panorama cinematografico internazionale come la Bulgaria, che si è aggiudicata il Pardo d’Oro al Festival di Locarno 2016”. Così la direttrice artistica Patrizia Rappazzo ha presentato ieri alla stampa la 25ma edizione del festival che si terrà come di consueto a Milano, dall'11 al 18 marzo, allo Spazio Oberdan, con 70 film selezionati, con oltre 30 titoli in anteprima italiana, internazionale e mondiale e altrettante opere primeprovenienti da ogni parte del mondo. “Tra le peculiarità di quest’edizione”, aggiunge Patrizia Rappazzo, “anche l’ampio spazio dedicato alle opere prime e al nuovo cinema italiano, strizzando però l’occhio anche alla tradizione, con il premio alla carriera che sarà consegnato alla regista Francesca Archibugi”. Archibugi terrà due lectio magistralis presso l'Università IULM e la Civica Scuola di Cinema di Milano.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ad aprire questa edizione sarà l'attrice Lolita Chammah, madrina della serata inaugurale con il film Barrage [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Laura Schroeder
scheda film
]
di Laura Schroeder, sul rapporto tra madre e figlia interpretato insieme a Isabelle Huppert (sua madre anche nella vita). Nel Concorso internazionale dedicato alla regia femminile emergente - da quest’anno sono inclusi anche i documentari - ci sono due film italiani: L'uomo con la lanterna [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, opera prima di Francesca Lixi sulla storia del banchiere sassarese Mario Garau che negli Anni 20 lavorava alla Italian Bank of China di Shanghai, e Aperti al Pubblico [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Silvia Bellotti sull''Istituto Autonomo per le Case Popolari di Napoli. Tra i film selezionati anche l’opera prima Les Bienheureux [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
di Sofia Djama ambientato ad Algeri pochi anni dopo la guerra civile; Pagans [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, opera prima di Lera Surkova, da una piece teatrale di Ann Yablonskaya sulla follia dell'estremismo religioso; Singing with Angry Birddi Hyewon Jee, sull’istrionico cantante d'opera e maestro di coro coreano Jae-Chang Angry Bird Kim; il film nominato al Premio LUX 2017 Western [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Jonas Dornbach
intervista: Valeska Grisebach
intervista: Valeska Grisebach
scheda film
]
di Valeska Grisebach, sugli operai tedeschi nella wilderness della provincia bulgara; The German Neighbour di Rosario Cervio e Martín Lijisullavita condotta in Argentina, sotto falso nome, del criminale nazista Adolf Eichmann; il turco The Nurse di Dilek Çolak, sul prigioniero politico Kerem; Invisible battalion di Iryna Tsilyk, Alina Gorlova, Svitlana Lischynska sulle donne soldato in Ucraina.

Il festival dedicherà anche un focus di approfondimento sulla cinematografia bulgara al femminile: in programma Godless [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Ralitza Petrova
scheda film
]
di Ralitza Petrova, vincitore del Pardo d'Oro e del Pardo per la Miglior Interpretazione Femminile al Festival di Locarno 2016; il dramma storico Voevoda di Zornitsa SophiaDivorzio all'albanese della regista Adela PeevaIl Pubblico Ministero, la Difesa, il padre e suo figlio [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Iglika Triffonova
scheda film
]
di Iglika Triffonova.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.