email print share on facebook share on twitter share on google+

VENEZIA 2018 Concorso

Recensione: The Favourite

di 

- VENEZIA 2018: Yorgos Lanthimos offre una satira straordinariamente divertente sulla vita nella casa reale della regina Anna nel XVIII secolo

Recensione: The Favourite
Olivia Colman e Rachel Weisz in The Favourite

Yorgos Lanthimos è in concorso alla Mostra di Venezia con un film il cui titolo, The Favourite [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, potrebbe ben corrispondere alla sua posizione nella corsa al Leone d’Oro di quest’anno, in quanto è improbabile che ci sia in lizza un film più divertente ed eseguito in modo tanto frivolo. Il regista greco ha un talento speciale nel raccontare storie aspre e collocate in contesti specifici su persone coinvolte in relazioni disfunzionali, passive-aggressive, assetate di potere. In Dogtooth [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
era l'ambiente domestico, in The Lobster [+leggi anche:
recensione
trailer
Q&A: Yorgos Lanthimos
scheda film
]
un singolo hotel, mentre per The Favourite ha scelto un palazzo britannico come luogo della sua decostruzione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)Digital Production Challenge - DPC II 1 Internal

La casa reale è l'ambiente perfetto per l'arguzia tagliente di Lanthimos, poiché è un luogo con una struttura patriarcale, anche quando è una donna il capo di stato. Da quando Sofia Coppola aveva fatto passare re Luigi XV come un sempliciotto nel suo Marie Antoinette, nessun altro regista si era divertito tanto con un capo di stato reale. Olivia Colman, che interpreterà la regina Elisabetta II nella terza serie di The Crown, regala una stupefacente ed estremamente divertente interpretazione della regina Anna, che è stata a capo della Gran Bretagna all'inizio del XVIII secolo, quando la guerra di successione spagnola e i combattimenti contro i francesi tenevano occupate le forze armate di Sua Maestà.

Una fragile e incompetente regina Anna subisce pesantemente l'influenza della sua confidente, Lady Sarah (una brillante Rachel Weisz), che esercita il suo potere su Sua Altezza con ogni mezzo necessario. Ma i guai iniziano a presentarsi con l'arrivo di Abigail (Emma Stone), la figlia di un aristocratico caduta in disgrazia dopo che suo padre se l'è giocata in una scommessa. Come Becky Sharp in Vanity Fair di William Thackeray, è determinata a risalire le file dell'alta società. Ma è forse il fantastico adattamento cinematografico di un'altra opera di Thackeray, Barry Lyndon, di Stanley Kubrick ad aver influenzato maggiormente The Favourite. Le somiglianze sono negli aspetti picareschi dei personaggi e anche nell'uso della lente anamorfica da parte del direttore della fotografia Robbie Ryan per distorcere e allungare l'immagine, conferendo all'inquadratura un’estetica pittorica e rendendo i personaggi piccoli in un mondo grande, dalla forma strana.

Mentre la dinamica tra le tre donne è brillante, e le performance lo sono altrettanto, quello che osserviamo negli uomini è un’enorme rozzezza. I maschi sembrano divertirsi solo quando guardano le oche rincorrersi o quando lanciano pomodori ai villani nudi. Ognuno pensa a sé, e quest'ambizione li aiuta a salire, ma li porta anche alla rovina. Intanto, guardare The Favourite ha solo lati positivi.

The Favourite è una produzione Fox Searchlight Pictures, Film4 e Waypoint Entertainment. Il film è prodotto da Element Pictures e Scarlet Films.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.