email print share on facebook share on twitter share on google+

FINANZIAMENTI Italia

Ride, GoPro adrenaliche in Trentino

di 

- I circuiti di downhill della regione hanno fatto da sfondo all’action movie di Jacopo Rondinelli, girato grazie al sostegno della Trentino Film Commission e delle Apt d'ambito

Ride, GoPro adrenaliche in Trentino
Ride di Jacopo Rondinelli

I circuiti di downhill dell'Altopiano della Paganella e di San Martino di Castrozza hanno fatto da sfondo, lo scorso autunno, alle riprese di Ride [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, in questi giorni nelle sale cinematografiche, distribuito da Lucky Red. Il film, girato in Trentino grazie al sostegno della Trentino Film Commission e delle Apt d'ambito, parla di sport estremo intrecciando il linguaggio delle action cam ai generi thriller, horror e action e regalando allo spettatore un’esperienza sensoriale unica. Alcune scene del film sono state girate anche in Vallagarina, in particolare nel comune di Trambileno a Forte Pozzacchio. Online c’è una pagina dedicata al film, a cura di Trentino Marketing, che invita a scoprire i luoghi in cui è stato girato (clicca qui). 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ride è diretto da Jacopo Rondinelli e scritto da Marco Sani insieme a Fabio Guaglione e Fabio Resinaro (registi di Mine [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
) che lo hanno anche supervisionato artisticamente e co-prodotto. Il film ha per protagonisti due riders acrobatici coinvolti in una gara di downhill dagli sviluppi inaspettati. Max (Lorenzo Richelmy) e Kyle (Ludovic Hughes) accettano infatti l’invito di una misteriosa organizzazione che mette in palio 250.000$ per partecipare a una gara di cui scopriranno troppo tardi i contorni inquietanti. Quella che i due riders affronteranno e filmeranno in diretta istante per istante si trasformerà ben presto in una corsa estrema per la sopravvivenza. 

Il film, girato con GoPro, ha la media di camere utilizzate per scena più alta della storia del cinema e ogni attore è stato corredato con tre camere: una sul petto, una dietro le spalle e una sul casco. Altre sono state montate sulle bici per riprendere l’azione e, a tutto ciò, si sono aggiunte quelle posizionate e nascoste negli ambienti. Il risultato è il linguaggio delle action cam che si fonde in un thriller di pura adrenalina. 

Ride è anche un film “green”. La produzione ha infatti adottato per la realizzazione del film il disciplinare “T-Green Film”: una guida per tutte le fasi di lavorazione verso un approccio sostenibile da un punto di vista ambientale ed economico. La Trentino Film Commission, infatti, si distingue come prima regione italiana ad avere introdotto un Film Fund che assegna un contributo extra per premiare le produzioni “green”, attraverso l’ente esterno APPA di Trento (Agenzia Provinciale per la Protezione dell’Ambiente), che verifica le fasi di lavorazione e il rispetto delle azioni.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.