email print share on facebook share on twitter share on google+

CANNES 2005 MERCATO Bilancio

I buyers scelgono i film meno rischiosi

di 

I buyers scelgono i film meno rischiosi

"L’attenzione dei compratori si è focalizzata soprattutto sui film in competizione, il business è stato più difficile per i film presentati solo al mercato", ha dichiarato Tine Klint, responsabile delle vendite presso Trust Film Sales. "Sorprendentemente abbiamo venduto alcuni film presentati ad altri Festival (come il film svedese Dalecarlians [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Maria Blom
scheda film
]
). Come al solito, invece, abbiamo pre-venduto film di registi conosciuti come il nuovo progetto di Susanne Bier". "Il mercato è sembrato più ampio del solito, con molti compratori in giro, ma in realtà sono andati via prima del solito, martedì (17) o mercoledì (18)".
Tine Klint – che vende il film di Lars von Trier in competizione ufficiale Manderlay [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
- sintetizza così il feeling generale di questo mercato di Cannes versione 2005.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I compratori internazionali sono stati molto selettivi, ma anche disposti a pagare cari i film più in vista in competizione ufficiale; valga l’esempio di Bac Films che ha negoziato duramente per ottenere il film di Carlos Reygadas Battle in Heaven [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlos Reygadas
intervista: Jean Labadie
scheda film
]
, comprato alla società The Co-production Office.
Fatta eccezione per i film in competizione, due film sono stati al centro delle negoziazioni: il film di Christian Carion Joyeux Noël [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Carion
intervista: Christophe Rossignon
scheda film
]
e il lungometraggio di Michael Haneke Caché [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Margaret Menegoz
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
entrambi comprati dalla major americana Sony Pictures Classics per diversi territori.

Altre vendite record sono state effettuate da distributori internazionali per altri titoli di serie A: la società inglese Capitol Films ha pre-venduto il film di Robert Altman A Prairie Home Companion per la Francia (Bac Films), Scandinavia (Scanbox) e Italia (Medusa); Studio Canal ha venduto il film con Sophie Marceau Anthony Zimmer a più di 10 territori a Cannes; il film di David Lynch Inland Empire e il lungometraggio di Wong Kar Wai Lady From Shanghai con Nicole Kidman, sono stati pre-venduti ad una dozzina di territori. Sulla stessa linea la società di distribuzione internazionale di Luc Besson EuropaCorp che ha venduto a vari paesi il film di Tommy Lee Jones The Three Burials of Melquiades Estrada, vincitore della Migliore sceneggiatura e del Migliore attore.

Altre società di distribuzione internazionale hanno registrato vendite record. Celluloïd Dreams, ovviamente, che vende il film vincitore a Cannes L'enfant [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Luc & Jean-Pierre Dardenne
scheda film
]
, ed ha annunciato l'acquisto dei diritti di vendita internazionali del film di Todd Haynes, Bob Dylan, film biografico del cantante con un budget da 25 milioni di dollari. La società Fortissimo Film Sales ha attirato molti compratori per il film prodotto da Svensk Filmindustri Snow Cake di Marc Evans pre-venduto per il Regno Unito.

The Co-production Office conclude il mercato in maniera eccellente grazie al film coprodotto da Ungheria e Francia Johanna [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, considerato da molti critici uno dei film più originali del mercato; la società tedesca vende bene anche il lungometraggio messicano Battle in Heaven [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carlos Reygadas
intervista: Jean Labadie
scheda film
]
venduto ad una dozzina di territori. Bavaria Film International, ha avuto ottime reazioni per il film Crossing the Bridge - The Sound of Istanbul [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Fatih Akin, regista del film Head-On, Orso d’Oro a Berlino e per il film cinese Be With Me mostrato alla Quinzaine.

Buone le vendite per due film non in lingua inglese. Si tratta del film Oculto dello spagnolo Antonio Hernández e venduto da Latido Film Sales e il film, ancora in sviluppo After The Wedding della danese Susanne Bier venduto da Trust Film Sales. Queste vendite provano che che i film d’autore, anche se non sono in inglese, vendono bene soprattutto se prodotti da società di produzione dinamiche come, rispettivamente, Zebra Producciones e Zentropa Film.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.