email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Spagna

Valladolid parla europeo

di 

Une selezione delle opere di alcuni tra i maggiori autori europei: la propone la Settimana internazionale del cinema di Valladolid che festeggia 50 anni. Sotto la direzione di Juan Carlos Frugone, che prende il posto di Fernando Lara, la manifestazione presenta da oggi fino al 29 ottobre 20 lungometraggi in selezione ufficiale, 15 dei quali in corsa per l'Espiga d'oro (50.000 €).

Sono all'insegna della Francia le cerimonie di apertura e chiusura, con Le Couperet [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Costa-Gavras e Joyeux Noël [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Carion
intervista: Christophe Rossignon
scheda film
]
di Christian Carion, presentati fuori concorso insieme a L'Enfant [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Luc & Jean-Pierre Dardenne
scheda film
]
dei fratelli Dardenne (Film Focus); Iberia, la nuova commedia musicale di Carlos Saura (l'articolo) e Brokeback Mountain di Ang Lee (Leone d'oro a Venezia 2005). In concorso prendono posto altri grandi autori come Lars Von Trier (Manderlay [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
), Michael Haneke (Niente da nascondere [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Margaret Menegoz
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
- Film Focus) e François Ozon (Le Temps qui reste [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
). Ci saranno anche Die Bluthochzeit di Dominique Deruddere (Germania/ Belgio), Mój Nikifor di Krzysztof Krause (Polonia), Kilomètre Zéro di Hiner Saleem (Francia, Kurdistan, Finlandia), Factotum [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
di Bent Hamer (Usa, Norvegia), En la cama di Matias Bize (Cile, Germania); ma anche 4 coproduzioni spagnole, Elsa y Fred di Marcos Carnevale (Spagna, Argentina), Hermanas di Julia Solomonoff (Argentina, Brasile, Spagna), Segundo Asalto di Daniel Cebrián e Vida y Color di Santiago Tabernero (Spagna); e tre produzioni asiatiche, Kakushi ken- Oni no tsume di Yoji Yamada (Giappone), Ping Pong Mongol (Lü cao di) di Hao Ning (Cina) e Agua (Water) di Deepa Mehta (India, Canada).

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

In programma anche alcune sezioni parallele: "Punto de Encuentro" (14 lungometraggi e 15 corti), "Tempo de Historia" (19 documentaires), "50 Años Amando el Cine" (con una lista impressionante dei capolavori della storia del cinema), una selezione di film prodotti dalla Scuola di cinema di Léon e la sezione "Spanish Cinema 2004 / 2005", con film come Crimen Ferpecto di Alex de la Iglesia, El Lobo di Miguel Courtois, Tapas di Juan Cruz e José Corbacho, Semen, une histoire d'amour di Daniela Ferjerman e Inés Paris (Film Focus) e Obaba di Montxo Armendáriz.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.