email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTIVAL Lituania

La primavera del cinema di Vilnius

di 

La primavera del cinema di Vilnius

Tra i maggiori eventi cinematografici di Lituania, il Festival Cinematografico Internazionale Kinopavasaris ("Primavera del Cinema"), che si tiene a Vilnius, marcia a pieno ritmo sin dalla sua apertura, il 24 marzo. Oltre 60 lungometraggi internazionali recenti –incluse 29 pellicole europee – sono inseriti all’interno di questo evento di alto profilo, supportato dal Ministero della Cultura lituano e, tra gli altri, dai Centri Culturali e le Ambasciate di Francia, Italia, Germania e Regno Unito.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Il festival è nato nel 1995 per input delle ambasciate tedesca e francese di Vilnius, desiderose di aumentare la visibilità del proprio cinema nazionale e la presenza, sugli schermi lituani, di film europei e non hollywoodiani. Da allora, ogni anno il numero dei film presenti è cresciuto costantemente, e l’evento stesso, sotto l’egida di Vida Ramaskiene, riveste attualmente un ruolo chiave come terreno di prova per i distributori lituani che intendono rischiare con titoli non hollywoodiani.

29 pellicole europee recenti saranno proiettate quest’anno, e tra cui nove produzioni e co-produzioni francesi, come L’enfant- Una storia d’amore [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Luc & Jean-Pierre Dardenne
scheda film
]
, Vai e vivrai [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Denis Carot
intervista: Didar Domehri
intervista: Radu Mihaileanu
scheda film
]
, Joyeux Noel [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Christian Carion
intervista: Christophe Rossignon
scheda film
]
e Caché [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Margaret Menegoz
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
, le italiane L’estate di mio fratello, La Febbre [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, La Tigre e la neve [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, la tedesca La rosa bianca- Sophie Scholl [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, i danesi Allegro [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
e Le mele di Adamo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Anders Thomas Jensen
intervista: Mads Mikkelsen
intervista: Tivi Magnusson
scheda film
]
, il finlandese Mother of Mine e gli spagnolo-argentini El Metodo e Iluminados por el fuego. Il programma comprende inoltre nove lungometraggi dall’Asia, due dall’Australia, 13 dal Nord e Sud America, due dall’Africa e sette documentari lituani. Il festival si chiuderà il 7 aprile con la proiezione di Heaven’s Doors, debutto registico dei registi marocchino-spagnoli Swel e Imad Noury, presentato al Festival di Berlino nella sezione Panorama lo scorso febbraio.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.