email print share on facebook share on twitter share on google+

FESTA DI ROMA Concorso

Mon Colonel riapre la ferita algerina

di 

La strada per riaprire il dibattito in Francia sulla guerra d’indipendenza algerina l’aveva spianata l’anno scorso a Cannes il film Niente da nascondere [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Margaret Menegoz
intervista: Michael Haneke
scheda film
]
di Michael Haneke. Se ne torna a parlare anche oggi alla Festa di Roma dove tra gli applausi calorosi della stampa è stato presentato in concorso il film Mon Colonel [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, opera prima di Laurent Herbiet, basato sul romanzo omonimo di Francis Zamponi e sceneggiato tra gli altri da Costantin Costa Gavras. "E' importante ricordare la storia perché la storia non si ripeta", sottolinea Gavras che a Roma è in compagnia della moglie - la produttrice del film Michèle Ray Gavras - del regista e di alcuni degli attori tra cui Robinson Stevenin, Bruno Solo e Eric Caravaca. "Questo film – ha aggiunto Gavras - è un omaggio a Gillo Pontecorvo, che con La Battaglia d'Algeri è stato un punto di riferimento essenziale”. “Sono stato molto addolorato – ha aggiunto - nel constatare che la stampa francese non gli abbia reso il giusto omaggio".

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Mon Colonel, partendo dal misterioso omicidio del Colonnello Duplan, racconta la storia di Guy Rossi che durante la Guerra di Indipendenza algerina del 1956 aveva prestato servizio sotto il suo comando. Attraverso le pagine del diario di Rossi, che giunge anonimamente nelle mani del ministero della Difesa francese, parte un'indagine sul giovane, all'epoca dichiarato ufficialmente "scomparso in azione". Vengono così alla luce crimini e atrocità commessi in Algeria, durante quegli anni, segnati da torture dei prigionieri arabi e attentati terroristici contro i francesi.

Per realizzare Mon Colonel ci sono voluti sette anni, un periodo molto lungo "perché - spiega la produttrice Michèle Ray - abbiamo avuto molte difficoltà nel reperire i fondi. Inoltre sette anni fa in Algeria c'era la guerra civile e io non volevo girare il film in Marocco o in Tunisia, come fanno molti".

Coproduzione franco-belga, prodotto all'88% dalla società francese dei Gavras KG Productions e coprodotto da Les Les Films du Fleuve, Arte France Cinéma, Wanip Films e RTBF, Mon colonel ha ricevuto 430.000 euro dal fondo Eurimages e 325 000 euro dal fondo regionale region Ile de France, oltre che l'anticipo sull'incasso del CNC. Pathé Distribution lo porterà nelle sale francesi il prossimo 15 novembre.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.