Glory - Non c'e tempo per i onesti (2016)
One Step Behind the Seraphim (2017)
The Nothing Factory (2017)
Mademoiselle Paradis (2017)
A Ciambra (2017)
On Body and Soul (2017)
The Nile Hilton Incident (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

ROTTERDAM 2017

email print share on facebook share on twitter share on google+

A Heart of Love: arte, amore e musica a Varsavia

di 

- Presentato nella sezione Bright Future di Rotterdam il nuovo film di Lukasz Ronduda, un'opera plastica e riflessiva basata sulla vita e l'arte di Wojtek Bąkowski e Zuzanna Bartoszek

A Heart of Love: arte, amore e musica a Varsavia
Jacek Poniedzialek e Justyna Wasilewska in A Heart of Love

Si intitola A Heart of Love [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
l'opera di Lukasz Ronduda presentata nella sezione Bright Future dell'International Film Festival Rotterdam che racconta liberamente la relazione intima tra Wojtek Bąkowski (Jacek Poniedzialek) e Zuzanna Bartoszek (Justyna Wasilewska), due artisti che vivono e lavorano a Varsavia.

Il film si sviluppa attorno al legame sentimentale e artistico dei due e all'influenza reciproca dell'uno sull'altra, esplorando i confini tra arte e amore e indagando sui limiti di una relazione affettiva in balia delle forze scatenate dall'atto creativo.

La specularità tra l'arte e la vita dei due protagonisti si riflette sullo schermo, con composizioni simmetriche e lineari che accompagnano i peregrinaggi tra discoteche, negozi e gallerie d'arte che fanno da contraltare alle claustrofobiche liti nell'appartamento di lui; un'alternanza, questa fra spazi chiusi e aperti, che permette al film di sfuggire a una certa staticità implicita nell'arte di Bąkowski e della Bartoszek.

Un altro tema affrontato dal film è il rapporto tra generazioni nate durante e dopo il comunismo, altra differenza tra i due protagonisti in una Polonia contemporanea invasa da oggetti, e di come Zuzanna Bartoszek riesca a trasformare le merci in arte piuttosto che l'arte in merce: tutti gli elettrodomestici accesi contemporaneamente constano un dispendio di energie dal quale emergono le contraddizioni di consumismo invasivo quanto il comunismo sovietico, e Ronduda ce lo racconta non solo attraverso l'arte dei due ma con la propria, piena di trovate stilistiche e inventiva: emblematica la scena in cui la Bartoszek saluta uno per uno i marchi commerciali dei negozi delle strade di Varsavia, libera finalmente di comprare cosa vuole.

Su tutto s'impongono la musica e la poesia di Bąkowski, cupe e metalliche, con mantra che ripetuti in maniera ossessiva alienano lo spettatore da ogni facoltà, trasportandolo nel mondo asettico dei centri commerciali: l'autore però fa l'operazione inversa, riciclando e impastando suoni, costituendo un modo personale di vedere il mondo, una visione originale e organica che ci viene restituita in tutta la sua bellezza dalle immagini di Lukasz Ronduda.

Se sono questi gli artisti che vivono a Varsavia e A Heart of Love ne è il risultato, un brillante cupo futuro attende l'arte polacca e il cinema tutto.

Il film è stato prodotto da Kuba Kosma per Serce che si occuperà anche della vendita.

Leggi anche

Jihlava
San Sebastián Full
Focal Production Value
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss