Valley of Shadows (2017)
On Body and Soul (2017)
The Line di Peter Bebjak
God's Own Country (2017)
Absence of Closeness (2017)
Handia (2017)
I Am Not a Witch (2017)
precedente
seguente
Scegli la lingua en | es | fr | it

LEGISLAZIONE Portogallo

email print share on facebook share on twitter share on google+

Oltre 500 personalità di tutto il mondo firmano una lettera di protesta contro il governo portoghese

di 

- Tra i firmatari Miguel Gomes, Pedro Almodóvar e Aki Kaurismäki, che esprimono la loro opposizione a un emendamento all'attuale legge sul cinema

Oltre 500 personalità di tutto il mondo firmano una lettera di protesta contro il governo portoghese
Il regista Miguel Gomes figura tra i firmatari della lettera di protesta

Oltre 500 personalità portoghesi e internazionali del cinema hanno firmato una lettera aperta al governo portoghese. Stanno protestando contro un nuovo emendamento alla legge sul cinema, che solleva l'ente cinematografico nazionale ICA dalla responsabilità di scegliere le giurie per i programmi di sostegno finanziario dell'istituzione. Il compito dovrebbe essere trasferito al SECA (acronimo portoghese che sta per Sezione Specializzata per Cinema e Audiovisivo), ente con un seggio nel Consiglio Nazionale per la Cultura.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Tra i firmatari internazionali della lettera troviamo i registi Pedro Almodóvar (Spagna), Aki Kaurismäki (Finlandia), Christophe Honoré (Francia), Cristian Mungiu (Romania), Walter Salles (Brasile), Mia Hansen-Løve (Francia), Lucrecia Martel (Argentina), Agnès Jaoui (Francia), Andrei Ujica (Romania), Gianfranco Rosi (Italia), Leos Carax (Francia), Kleber Mendonça Filho (Brasile) e Philippe Garrel (Francia), che hanno espresso la loro solidarietà ai firmatari portoghesi come i registi Miguel Gomes, Marco Martins, Abi Feijó, João Botelho, João Canijo e Teresa Villaverde, oltre a molti altri registi, produttori e attori.

La lettera sottolinea il fatto "miracoloso" che il cinema portoghese sia riuscito per decenni a distinguersi in vetrine internazionali, nonostante il "mercato cinematografico nazionale minuscolo (meno di una dozzina di film nazionali sono distribuiti nelle sale ogni anno)" del Paese, e rifiuta l'annunciata approvazione dell'emendamento.

Questo è l'ultimo capitolo di una polemica che contrappone il governo portoghese alle associazioni cinematografiche locali, che hanno alzato la testa il mese scorso (per saperne di più). La lite ha raggiunto il suo apice sabato, quando diversi professionisti del cinema presenti alla Berlinale (dove il cinema portoghese ha un forte contingente quest'anno) ha deciso di rifiutare l'invito a una cena organizzata dall'ambasciatore portoghese in Germania.

Il Segretario di Stato per la Cultura Miguel Honrado doveva presenziare alla cena, dove il nuovo sistema di sconti volti a incrementare il numero di produzioni internazionali nel Paese doveva essere presentato. Nel frattempo, Honrado ha dichiarato che il dialogo con i professionisti del cinema non è ancora finito, offrendo apparentemente qualche speranza che le negoziazioni possano continuare.

A causa del processo legislativo in corso, il calendario 2017 dell'ICA dei bandi per programmi di finanziamento non si è ancora aperto. All'inizio di quest'anno, l'ICA ha dichiarato che la sua intenzione era quella di annunciare i termini entro la fine di marzo. Si attendono ulteriori sviluppi…

(Tradotto dall'inglese)

Warsaw
EPI Distribution
LIM
 

ultime notizie

 

altre news

Newsletter

Follow us on

facebook twitter rss