email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TARTARUGHE SUL DORSO

di Stefano Pasetto

sinossi

Trieste vede Lui e Lei intorno ai trent’anni. Ricostruiscono la loro storia di incontri mancati nel parlatorio di una prigione. Per tutta la vita si sono sfiorati inconsapevolmente. Tra loro solo una tartaruga, dono dell’adolescenza da parte di Lui, in cambio di un bacio sulla schiena che Lei non concesse mai. Lui non riuscirà mai a vederne altro che la nuca. Continuano a mancarsi fino al momento in cui, sette anni dopo, si ritroveranno in una sala operatoria: Lei come chirurgo, Lui come portuale ferito da un container. Dalla frequentazione vengono a galla oggetti, fotografie e frasi interrotte che li riportano a un passato comune. Tornano insieme alle scogliere, ma proprio quando si riconoscono, tutta quella vita sulle spalle pesa terribilmente. Lei, decisa a seguirlo, Lui, invece, non crede più nella possibilità di realizzare quell'amore. In un’ultima disperata telefonata Lei tenta di riportarlo a sé. Lui si nega fermamente. Il giorno seguente, Lui apprenderà che una donna è stata aggredita. La vendetta lo porterà di nuovo in carcere. La partita di Scarabeo nel parlatorio è ora terminata. Lei richiude il gioco nella scatola e se ne va. Ad aspettarlo?

titolo originale: TARTARUGHE SUL DORSO
paese: Italia
anno: 2004
genere: fiction
regia: Stefano Pasetto
durata: 92'
sceneggiatura: Marina Fabbri, Carmelo Marabello, Stefano Pasetto
cast: Fabrizio Rongione, Barbora Bobulova, Gordana Miletic, Luigi Diberti, Vittorio Amandola, Antonio Manzini, Caterina Casini, Lucia Mascino, Chiara Sani
fotografia: Paolo Bravi
montaggio: Babak Karimi
scenografia: Carlo Rescigno
costumi: Rosalia Guzzo
musica: "Banda Osiris"
produttore: Rosanna Seregni
produzione: Sintra Film
supporto: Ministero per i Beni e le Attività Culturali
distributori: Istituto Luce Cinecittà
(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)