email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Maria Prochazkova • Director

Who’s Afraid of the Wolf

di 

Maria Prochazkova • Director

Who’s Afraid of the Wolf secondo lungometraggio di Maria Prochazkova dopo Shark in the Head (2005), è stato proiettato nel Concorso Generation Kplus alla Berlinale e ha ottenuto il Premio al Miglior Film e alla Migliore Performance alla 22ma edizione del festival di Finale Plzen ad aprile. Inserito tra i 10 titoli della selezione Variety Critics' Choice al Karlovy Vary International Film Festival 2009, Who’s Afraid of the Wolf è distribuito da Bonton Film nella Repubblica Ceca. Film Europe si occupa delle vendite internazionali.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
series serie

Cineuropa: Da dove nasce l'idea per questa storia?
Maria Prochazkova: Mi è capitato di sentire di diverse vicende familiari drammatiche in un periodo molto breve, ma ho evitato di affrontarle direttamente, perché il pubblico non ci avrebbe creduto, anche se si trattava di un film di fiction. Il tema mi ha ispirato perché è quello che ci circonda, e ognuno di noi può riconoscersi in un modo più o meno personale.

Dorota Dedkova ha ricevuto il Premio alla Migliore Performance a Plzen per il suo ruolo nel film. Com'è riuscita ad ottenere una prova simile?
Abbiamo avuto fortuna nel trovare quella ragazzina, è questa la verità. Dorotka è acuta, intelligente, paziente, empatica e soprattutto responsabile, e la nostra relazione professionale è stata piacevole e alla pari. L'ho trattata da adulta, abbiamo sempre approfondito la scena che stavamo preparando, e le ho suggerito le battute con l'intonazione che avevo in mente.

Who’s Afraid of the Wolf è una storia sofisticata su argomenti complessi. È sbagliato definirlo un “film per ragazzi”?
Non è sbagliato, ma penso non sia solo questo. Sì, la protagonista è una bambina, ma attraverso i suoi occhi vediamo il mondo adulto. Penso si tratti semplicemente di un film.

Come ha finanziato il film?
Lentamente. Questo film è il secondo che faccio col produttore Vratislav Šlajer di Bionaut Films, dopo Shark in the Head, l'abbiamo girato a low budget (17 milioni di corone ceche), e abbiamo deciso alla fine di gestirlo con fondi locali. Abbiamo ricevuto il sostegno dal Czech cinematography fund, e la Televisione Ceca ci ha aiutato molto con il suo contributo per la co-produzione. E poi siamo stati aiutati dalla buona volontà di studi affiliati, dove abbiamo fatto la post-produzione, e ai loro sostanziosi sconti.
Durante la pre-produzione, il film sembrava rischioso a tutti — l'argomento era ambizioso, una combinazione di generi e con una bambina protagonista, dalla quale sarebbe dipeso il successo di tutta la pellicola. Spesso ci siamo trovati solo io e il produttore a crederci.

Ha già dei distributori all'estero?
Al momento, la distribuzione di sala è confermata in Germania, Francia, Slovacchia, Polonia, Ungheria e Romania. Stiamo trattando con altri paesi e siamo sicuri che avremo presto dei contratti. Personalmente, sono felice della distribuzione in Francia e Polonia, perché vedo tratti comuni col nostro cinema.

Qual è attualmente lo stato del cinema ceco?
Complicato. Ci sono registi di talento ma il prodotto è sempre più dettato dal mercato. Cercare di stare al passo dei successi del botteghino per noi non è naturale, siamo più bravi nel fare film intimisti che grandi hit, ma i produttori non danno grande fiducia e gli spettatori non sono interessati.

Esistono storie narrate da filmmaker cechi che possano piacere ad un ampio pubblico europeo?
Penso che le storie ci siano e vengano girate, ma spesso questi film non riescono ad uscire fuori [da questo paese].

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy