email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Paolo Sorrentino & Sean Penn • Regista/Attore

Europa e Stati Uniti uniti dal talento

di 

- Il regista italiano e la star americana hanno unito i rispettivi talenti per realizzare Questo deve essere il posto

Paolo Sorrentino & Sean Penn • Regista/Attore

Conferenza stampa affollata al Festival di Cannes per il regista italiano Paolo Sorrentino e la star americana Sean Penn, regista e attore principale di This Must Be the Place [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Paolo Sorrentino
scheda film
]
, presentato in concorso. Brani scelti.

Si dice che This Must Be the Place sia nato dal vostro incontro nel 2008 a Cannes.
Sean Penn: Effettivamente, ci siamo incontrati la sera della cerimonia dopo la consegna dei premi. E durante la foto con la giuria e i premiati, ho detto a Paolo: quando vuoi, dove vuoi, con il tuo prossimo script. Un anno dopo, mi ha telefonato e mi ha inviato questa meravigliosa sceneggiatura. Ho detto subito sì.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Com'è nata l'idea del film?
Paolo Sorrentino: Innanzitutto dalla storia di un criminale nazista che ha solleticato la mia curiosità. Poi, ho voluto creare il personaggio di un uomo di 50 anni, che è ancora come un bambino e che è stato una rockstar. Il film è l'incontro di queste due idee.

Cheyenne, la rockstar di This Must Be the Place è una caricatura come il personaggio principale di Il divo [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Nicola Giuliano
intervista: Paolo Sorrentino
intervista: Philippe Desandre
scheda film
]
?

Paolo Sorrentino: Non penso ci siano molti legami tra i due film, perlomeno non sul piano della caricatura. Sono entrambi due personaggi atipici, ma reali. Cheyenne potrebbe benissimo esistere e molte star del rock gli assomigliano. Quello che mi interessa del cinema è la possibilità di parlare di personaggi che hanno qualcosa di eccezionale.

Come ha costruito il personaggio di Cheyenne?
Sean Penn: Abbiamo discusso a lungo con Paolo sulle differenze legate alla depressione e in particolare al suo impatto sul fisico. Paolo aveva idee visive molto chiare sul personaggio. E' un piacere raro lavorare con un regista come lui, perché ha una visione. Secondo me, è uno dei più grandi registi della nostra epoca e continuerà per tanto tempo a creare in maniera originale. E' un regista che dà grande ispirazione a un attore.

Secondo voi, chi incarna oggi il rock'n'roll?
Sean Penn: Il rock è una sorta di malattia della società perbene. La storia del film è una ricerca per uscire dalla depressione, cosa che il rock è sempre stato.

Perché ha per la prima volta condiviso la scrittura della sceneggiatura?
Paolo Sorrentino: Conosco Umberto Contarello da tempo e questo film era l'occasione perfetta per lavorare insieme, poiché entrambi amiamo gli Stati Uniti e i viaggi.

Come avete lavorato sulla sublime fotografia del film?
Paolo Sorrentino: Negli Stati Uniti, patria del cinema per eccellenza, è stato estremamente facile trattare la fotografia dello spazio. E' stato appassionante girare in un mondo nuovo. Perché anche il cinema può a volte annoiare. Per me, realizzare quest film è stato come fare un'opera prima.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.