email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Martin Heisler • Produttore

Lichtblick Media: una luce accesa sul talento

di 

- Il produttore tedesco Martin Heisler racconta la sua carriera Lichtblick

Martin Heisler • Produttore

Si potrebbe dire che la sorte ha sorriso a Martin Heisler quando è stato assunto dalla Lichtblick Filmproduktion di Colonia come produttore junior e production manager per il debutto di Bastian Günther, Autopiloten, del 2006. Heisler aveva lavorato a Colonia quattro anni per il canale pubblico WDR prima di riprendere gli studi in Produzione Creativa Cine-Televisiva al dffb di Berlino.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

“Era ovvio che avremmo girato nella regione de La Ruhr perché la storia di Bastian è ambientata lì”, ricorda Heisler. “Joachim Ortmanns di Lichtblick aveva saputo del progetto dato che era presente ad un evento di pitching al dffb. Il film era supportato dal canale tv SWR all’interno della stagione ‘Debütim Dritten’ e aveva ricevuto i fondi del Filmstiftung NRW. Le cose sono andate bene durante la produzione e siamo diventati amici, e abbiamo deciso di creare una compagnia sorella, la Lichtblick Media, a Berlino”, continua. “La differenza sta nel fatto che la compagnia berlinese è composta da me e da un produttore, mentre a Colonia hanno più gente e le aree sono divise fra due partner, Joachim Ortmanns per i film di fiction e Carl-Ludwig Rettinger per i documentari. Ad ogni modo, noi facciamo entrambi”, spiega Heisler.

“Il secondo film di Bastian, Big Game Hunting, è stato un altro passo importante dalle precedenti piccole produzioni da noi realizzate, con un budget di 1.7 milioni di euro”, aggiunge Heisler. “Abbiamo una star come Ulrich Tukur, sempre sullo schermo. E poi ci sono state le sfide logistiche di girare in due blocchi separate e due continenti — in Germania e in Texas”.

E se l’industria cinematografica di Houston non è grande, Heisler sapeva però che nella vicina Austin la scena era vivace, ed è quindi riuscito attraverso conoscenze personali a contattare Anne Walker McBay, produttore dei film di Richard Linklater. “Ci siamo incontrati, lo script le è piaciuto ed è stata una benedizione per il progetto come service producer”.

Con David Sieveking, Heisler ha prodotto prima il documentario David Wants to Fly, film d’apertura di Panorama Dokumente alla Berlinale 2010, successivamente proposto in oltre 30 festival in tutto il mondo. La relazione lavorativa con Sieveking è andata avanti col secondo documentario per Lichtblick Media, Forget Me Not, “caratterizzato da una spontanea simpatia e un affetto naturale, con il focus costante sulle persone più che sulla malattia”.  Heisler ha ricevuto l’interessamento dei distributori dopo l’anteprima e ha venduto il film a Against Gravity di Artur Liebhart in Polonia, che aveva già distribuito l’opera prima di Sieveking. La tedesca Farbfilm distribuirà la pellicola nelle sale a fine gennaio 2013 — in contemporanea con Look Now! — dopo un’anteprima tedesca al Leipzig International Festival per i Documentari e i Film d’Animazione a ottobre. Intanto, Against Gravity porterà il film nei cinema polacchi l’estate prossima dopo l’anteprima al Planete Doc Review Film Festival di Varsavia”.

Gran parte del tempo di Lichtblick Media è dedicato al coordinamento delle uscite dei lungometraggi di Sieveking e Günther, ma la compagnia berlinese ha vari progetti in fase di completamento, in cerca di finanziamenti o in sviluppo.

Da un lato, Heisler ha in post-produzione il documentario di Sandra Kaudelka I Will Not Lose, sugli ex atleti professionisti della Germania Est e su come riuscissero a sopravvivere in un sistema tanto spietato. Il nuovo progetto in produzione sarà del diplomato dell’HFF Babelsberg Andreas Pieper, Additional Time.

Heisler ha inoltre due documentari in fase di finanziamento: The New Normal di Thorsten Trimpop, sulle vite di cinque persone trasformate dallo tsunami in Giappone, premiato quest’anno con l’importante Gerd Ruge Stipendium, e una partecipazione di minoranza in Lordi — The Monsterboy del finlandese Antti Haase, su un musicista metal che vive da eterno ragazzo.

Il progetto finlandese è arrivato all’attenzione di Heisler nel corso del programma di formazione per i produttori EAVE di quest’anno. “Il mio amico Erwin M. Schmidt, produttore di Neue Road Movies, mi ha raccomandato di fare richiesta di partecipazione senza progetto”, spiega Heisler. “Il mio team leader è Roshanak Behesht Nedjad [di Flying Moon], e la sessione finale del corso si è tenuta ad Amsterdam con i ‘DM’ [decision maker di canali televisivi, agenzie di finanziamento cinematografico, distributori e rivenditori]”.

“La cosa che mi ha impressionato di EAVE è che hai un gruppo di giovani produttori da tutta Europa che vogliono lavorare insieme senza alcuna invidia”, ha dichiarato. “Puoi parlare apertamente delle tue sensazioni, dell’incertezza o la debolezza, e rimane tutto nel gruppo. Mi piace il fatto che siano tutti trattati seriamente e ascoltati”.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy