email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Reha Erdem • Regista

"Mi piace il tema della 'rivolta giovanile'"

di 

- Il regista turco Reha Erdem ci ha parlato del suo nono lungometraggio, Big Big World, al 16° Festival del Cinema Mediterraneo, tenutosi recentemente a Bruxelles

Reha Erdem  • Regista

Abbiamo incontrato Reha Erdem alla 16ma edizione del Mediterranean Film Festival, tenutosi a Bruxelles dal 2 al 9 dicembre. Ha parlato del suo ultimo film, Big Big World [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Reha Erdem
scheda film
]
, suo nono lungometraggio che ha gareggiato nella sezione Orizzonti della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia.

Cineuropa: Quali sono state le principali forze trainanti dietro Big Big World?
Reha Erdem: Tutto ciò che ho vissuto, che ho visto, che ho fatto mio. La mia determinazione, le mie ragioni e la mia ispirazione per fare questo film sono venute facilmente, guidate dalla mia immaginazione. Come in ogni film, la cosa più difficile è stata trovare i finanziamenti. Non direi, però, che ci sia una motivazione specifica dietro Big Big World a parte le storie che mi piace raccontare e ciò che la vita mi ha insegnato.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Ci parli delle location del film - quali sono state le principali differenze tra le riprese in città e nei boschi?
È completamente diverso girare in città rispetto ai boschi. Fisicamente, la città è stata più complessa, faticosa e stressante. Girare nella natura è stato più facile, e vi era anche un'atmosfera più serena, che ha facilitato la creatività e l'ispirazione. Gli elementi naturali, come la luce e i colori, erano molto più evocativi, e ciò si coglie nel film. Devo riconoscere che mi sono sentito molto più a mio agio nel bosco.

C'è un cambiamento chiaro e imprevedibile nella direzione narrativa, quando Ali e Zuhal lasciano la città; cosa inteneva ottenere con questo?
In realtà volevo ambientare la storia nella natura; ecco perché la parte del film nella città è così breve. Non sono riuscito a trovare la natura che cercavo in città. La prima parte mostra la realtà in cui i personaggi vivono, e la seconda parte mostra l'illusione che i personaggi utilizzano per evitare quella realtà. Non potevo utilizzare una location che potesse essere facilmente associata con la società, e per questo motivo il film si sposta nei boschi: l'unico posto in cui i bambini possono fuggire. Ci sono, tuttavia, molti momenti di catarsi nel corso del film, sia nella prima parte che nella seconda. Uno di essi potrebbe essere quando Ali diventa Kum-Kum e Zuhal diventa Mi-Mi, e iniziano un processo d'introspezione aiutato dall'aura naturale che li circonda, e un altro potrebbe essere quando Ali uccide la famiglia adottiva di Zuhal.

Anche il suo film precedente Times and Windssi occupa del tema dei bambini in fuga dal mondo adulto delle regole e delle imposizioni: crede che Big Big World sia una continuazione di quel film?
Anche Times and Winds parla di bambini e natura. Utilizza gli stessi elementi, sì. Naturalmente, mi piace il tema della "rivolta giovanile", dei bambini che combattono contro il mondo degli adulti. La possibilità di mettere in discussione le regole del mondo degli adulti è molto interessante, e capire il senso di quella rivolta è il motivo per cui l'argomento attira la mia attenzione così fortemente.

Crede che la prospettiva di un ragazzino aiuti a spiegare certe cose, come la violenza?
Il mondo è violento, e non solo nel mondo degli adulti. Ogni molecola, ogni essere vivente di questo mondo, e dell'universo, è violento e combatte per la sopravvivenza. Ciò può essere visto attraverso gli occhi dei bambini o di chiunque, ma c'è solo una realtà da mostrare: il mondo è violento.

Come vanno le cose per il cinema turco?
Non lo so, in realtà, ma spero che arrivino presto momenti di diversità. Il cinema turco, così come altri tipi di cinema, come quello coreano, non ha ancora sfruttato il suo potenziale in termini di diversità. Ci sono molte cose diverse da aspettarsi dal cinema turco in futuro, questo è sicuro.

Ha dei progetti futuri?
Molti, ma li tengo segreti. L'unica cosa che posso dire per certo è che non voglio approfondire di nuovo il tema dei ragazzi in rivolta e della fuga nella natura.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche