email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Emir Kusturica • Direttore, Festival internazionale del film e della musica di Küstendorf

"Küstendorf è un'Arca di Noè culturale per imparare il mestiere del cinema"

di 

- Cineuropa ha incontrato il regista Emir Kusturica per parlare del concetto alla base del suo festival del cinema e della musica che si tiene ogni anno sulle montagne serbe

Emir Kusturica  • Direttore, Festival internazionale del film e della musica di Küstendorf
(© Küstendorf International Film and Music Festival)

Dopo la proiezione del suo ultimo film, Sulla Via Lattea [+leggi anche:
recensione
trailer
scheda film
]
, premiato a Venezia, e il successivo workshop dedicato a questa splendida opera alla decima edizione del Festival internazionale del film e della musica di Küstendorf, che si tiene in un villaggio costruito inizialmente per le riprese del suo La vita è un miracolo, che ora è stato trasformato in un centro culturale locale e internazionale, oltre ad essere un polo economico per la regione montuosa di Zlatibor, in Serbia (vedi articolo), Cineuropa ha incontrato Emir Kusturica per parlare del suo desiderio di tramandare il suo mestiere e le sue impressioni su ciò che significa oggi.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Lei è ben noto per il suo attaccamento alle radici, cinematografiche e anche in senso più ampio. A che punto della sua vita ha sentito il bisogno di guardare al futuro - cioè, di prendere l'uovo appena fatto dalla gallina (per usare un'immagine presente nel suo nuovo film) e passarlo ai giovani aspiranti registi sotto forma di premio a forma di uovo?
Emir Kusturica:
Il momento in cui mi sono trovato nella condizione di iniziare a ricordare intensamente ciò che è venuto prima è lo stesso in cui ho sentito che dovevo istituzionalizzare in qualche modo la mia idea di ciò che potrebbe essere il futuro, ed è così che è nato Küstendorf, e credo che sia stata una buona mossa: a dieci anni di distanza, vedo che le nostre uova si sono schiuse, dando vita ad alcuni buoni autori (come Edoardo De Angelis, Kohki Hasei...). I grandi festival sono troppo critici e concentrati sul mercato per contribuire ad aiutare i giovani. Qui cerchiamo di attivare il potere dei giovani e di godere dei bei film che realizzano, ma che raramente vengono visti. Li trovo molto più sinceri, molto più potenti dei film realizzati con la prospettiva di diventare parte del mondo commerciale.

All'inizio, abbiamo ricevuto 250 cortometraggi; ora il numero è salito a 500, e i film migliorano continuamente. Da quell'insieme, il nostro team di selezione sceglie da 20 a 40 titoli. Al di là del sistema dei premi, con i suoi tappeti rossi, cerchiamo di creare una comunità, una sorta di Arca di Noè culturale, che naviga attraverso l'uragano del tempo in sei giorni. 

Durante il workshop da lei tenuto, ha parlato di cinema contro realtà - un argomento che anche Sorrentino ha affrontato quando era qui, come abbiamo visto nel clip riassuntivo del gala di apertura. È stato un argomento ricorrente in questi dieci anni di workshop?
Arrivo anche a dire che capire come tradurre la realtà in film è stato l'argomento principale - i registi della Nouvelle Vague (Agnès Varda, Jean-Luc Godard, ecc) l'hanno esplorato a fondo ai loro tempi. Oggi i giovani non distinguono tra finzione e ciò che ci circonda e chiamiamo vita reale. Sorrentino potrebbe aver esagerato nel chiamare ciò che stava facendo "falso", ma è importante capire che nel momento in cui inizi a cambiare punto di vista, a usare la luce artificiale e a orientarla in un modo o in un altro, a scegliere un formato di obiettivo 50 al posto di un 25 o un 18, o a montare delle scene, cambia tutto. Ciò che proietti può essere potente, può essere organico, ma non è reale.

Oggi, la realtà è costantemente proiettata tramite YouTube, ma ciò non significa che sia realistico. Il semplice fatto che qualcuno abbia usato un certo obiettivo e abbia fatto certe scelte, escludendo il resto dal film, lo strappa subito via dalla realtà. È davvero importante che i giovani lo sappiano. 

L'arrivo delle nuove tecnologie, come la realtà virtuale (che elimina letteralmente il fotogramma), potrebbe rendere labile questo confine.
Sì, e questo è il motivo per cui gli aspiranti registi devono capire che il cinema ha a che fare con l'architettura. Lo spettatore non deve saperlo - ciò che conta è quello che lui o lei prova - ma la forza trainante dietro ciò che chiamiamo cinema indipendente, oltre a tutti gli elementi specifici che compongono un film, è il tuo punto di vista, che determina come vedi le cose e come scegli il modo in cui vuoi rappresentarle. Giocare con il cinema come mezzo di espressione è costruire un'architettura speciale, la propria architettura, anziché imitare ciò che si vede. Molti sceneggiatori di grande talento hanno cercato di prendere una macchina da presa senza riuscire a usarla, e questo perché il cinema è un mestiere che si impara.

Le mancano limitazioni e vincoli in un mondo che offre tante - forse troppe - possibilità?
Assolutamente. Per esempio, ho un amico che scriveva sceneggiature assai migliori sotto un regime di regole più severe. (...) È una buona cosa che abbiamo così tanti modi per portare i film all'attenzione della gente - i cellulari, qualsiasi connessione internet, il cinema e così via - ma significa che dobbiamo davvero concentrarci sul fatto che il pubblico ha bisogno di essere guidato, di essere guidato da te, non solo colpito da te, e ciò è un compito molto impegnativo.

Cosa augura a Küstendorf nei prossimi dieci anni?
Cercheremo sempre di migliorare il nostro progetto, con ogni mezzo, ma mi piacerebbe anche che i prossimi dieci anni non andassero così veloce come gli ultimi dieci.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy