email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Václav Kadrnka • Produttore

"Prima lavora, poi pensa"

di 

- Cineuropa ha parlato con lo scrittore-regista-produttore ceco Václav Kadrnka del suo prossimo film, che chiude una trilogia ed è stato presentato al Czech Film Springboard

Václav Kadrnka  • Produttore

Il regista ceco Václav Kadrnka ha studiato teatro nel Regno Unito prima di tornare nella Repubblica Ceca per studiare al FAMU. Ha girato numerosi film da studente che sono entrati nel circuito dei festival e ha completato il suo lungometraggio di debutto acclamato dalla critica, Eighty Letters, in modo indipendente nel 2011. Con il secondo film già terminato e pronto per il lancio, il regista ha incontrato Cineuropa al Czech Film Springboard, dove ha presentato il suo terzo lungometraggio, Saving One Who Was Dead (leggi il report), che è stato pensato per chiudere la trilogia. Oltre a discutere i piani per il suo terzo progetto, ha anche parlato di forme alternative di finanziamento cinematografico. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il suo successo arriva nel 2011 con il lungometraggio di debutto, Eighty Letters, un film autobiografico girato in modo indipendente. Come sono andate le cose?
Václav Kadrnka:
Avevo il desiderio di realizzare un film personale, un film basato su un ricordo e un punto di vista soggettivo il cui argomento centrale sarebbe stato l'assenza di un padre e il desiderio di raggiungerlo. Un simile approccio all'argomento preclude schemi di sceneggiatura convenzionali e mezzi narrativi prestabiliti. La sceneggiatura era poco ortodossa: aveva solo 30 pagine, pochi dialoghi e passaggi che descrivevano “solo” la colonna sonora. Era difficile ottenere il finanziamento a causa dei preconcetti, come “una pagina di copione è uguale a un minuto di film” e che il dialogo dovrebbe essere il pilastro centrale della psicologia dei personaggi. In definitiva, il film è stato realizzato in modo indipendente, il che mi ha dato una certa libertà, e, soprattutto, nessuno aveva alcuna aspettativa per il film. 

Il secondo progetto, The Little Crusader, che uscirà quest'anno, è un road movie medievale. Come ha fatto a passare da un tema autobiografico a un adattamento di una poesia di Jaroslav Vrchlický?
La poesia di Vrchlický è il resoconto interiore di un padre alla ricerca di suo figlio ai tempi delle crociate. Il mito della “crociata dei bambini” costituisce lo sfondo della trama del film. Il libro tratta della mancanza di una persona cara e, soprattutto, l'impatto di questa assenza sul padre. Essa comprende temi che mi interessano – i motivi dell'effimero e della ricerca, l'amore paterno, e il legame familiare come manifestazione della grazia. L'essenza di entrambi i film è la stessa, e ho lasciato un velato riferimento di The Little Crusader in Eighty Letters.

Sta lavorando a un nuovo progetto, Saving One Who Was Dead, che concluderà la trilogia libera su "l'assenza di una persona amata". Qual è il concetto alla base di questa trilogia?
Oltre al legame tematico, tutti e tre i film hanno una struttura narrativa simile. Sono situati in spazi alieni, anonimi, non hanno una “casa”, e funzionano con il motivo di un padre, una madre e un figlio. Sono tre film ambientati in diversi periodi. Ma non elaboro queste cose prima; emergono da sole e succedono. Sono un fautore del metodo "prima lavora, poi pensa".

In che modo Saving One Who Was Dead sarà diverso dai titoli precedenti della trilogia?
Rispetto ai film precedenti, Saving One Who Was Dead sarà ambientato nel presente e sarà basato di più sul dialogo. Vorrei che fosse il film più illuminante e divertente della trilogia, nonostante ruoti attorno alla situazione apparentemente più tragica. Nei due film precedenti, la persona assente lascia una scia di oggetti personali o tracce collegati a quell'individuo. Nel caso di Saving One Who Was Dead, sarà il corpo stesso che è rimasto bloccato qui, e il lavoro deve essere fatto proprio sul corpo al fine di unirlo alla mente. La coreografia di base del film sarà una madre anziana e il figlio adulto chini sul corpo del padre, entrambi concentrati su piccoli rituali personali che possono richiamare il padre di nuovo nel suo corpo. È un progetto intimo e più contenuto rispetto a The Little Crusader.

Ha valutato anche finanziamenti alternativi per Saving One Who Was Dead?
No, Eighty Letters è stato il mio primo film, e l'approccio alternativo era adatto a quello. Si può fare una volta, ma poi diventa più difficile, e girare il terzo film senza il sostegno delle istituzioni sarebbe impossibile. Tuttavia, le cose sono abbastanza complicate per me, quindi chissà. Voglio continuare a produrre con mia moglie e mio padre, poiché credo che questa sinergia di famiglia faccia parte dei miei film.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Privacy Policy