email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Robert Guédiguian • Regista

“I miei film riflettono il punto in cui mi trovo nella vita”

di 

- VENEZIA 2017: Robert Guédiguian ritorna alla Mostra del cinema di Venezia con La casa sul mare, ma non da solo, e racconta a Cineuropa perché continua a lavorare con le stesse persone

Robert Guédiguian  • Regista
(© La Biennale di Venezia - foto ASAC)

In La casa sul mare [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robert Guédiguian
scheda film
]
, presentato al concorso principale della Mostra del cinema di Venezia, il regista francese Robert Guédiguian (noto per Le nevi del Kilimanjaro [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Robert Guédiguian
intervista: Robert Guédiguian
scheda film
]
e La città è tranquilla) si circonda ancora una volta dei soliti Gérard Meylan e Jean-Pierre Darroussin, e di sua moglie, Ariane Ascaride. Insieme, guardano al loro passato e ascoltano Bob Dylan.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché le piace lavorare con persone che conosce già molto bene?
Robert Guédiguian:
Non è solo perché mi piace: è la mia vita, la mia filosofia e il mio modo di fare le cose. Può non funzionare per altre persone, ma funziona per me. Direi che i miei film riflettono il punto in cui mi trovo nella vita, nel gruppo abbiamo tutti la stessa età, loro parlano la mia lingua e io parlo attraverso loro. Condividiamo gli stessi valori, la stessa visione e le stesse idee politiche. È il nostro 21o film insieme, e già stiamo lavorando a un altro progetto. Con loro mi sento sempre libero di inventare nuove storie.

Hanno partecipato alla sceneggiatura?
La divisione del lavoro è in realtà piuttosto chiara. Loro sono gli attori e io sono lo sceneggiatore, il regista e il produttore. Ma è un po' come un'osmosi, non possiamo non influenzarci gli uni con gli altri. Ci vediamo in continuazione, andiamo persino in vacanza insieme. Il nostro legame è così forte che mi resta difficile non tenerli sempre a mente. In realtà una volta ho deciso di fare un film con un cast completamente nuovo. In The Last Mitterrand, ho lavorato con Michel Bouquet, un fantastico attore francese. È andata molto bene, il film ha avuto buone critiche ed è stato mostrato a Berlino. Ma nessuno vuole parlarne! È come se fosse stato fatto da qualcun altro, qualcuno che casualmente ha il mio stesso nome. Credo che l'ho fatto solo per provare a me stesso che ne ero capace.

In La casa sul mare, la loro partecipazione sembra ancor più speciale. Dopo tutto, è un film sul passato.
Volevo pensare a dove sono oggi, riflettere su come eravamo e su come siamo cambiati. È per questo motivo che ho deciso di autocitarmi nel film, riprendendo Ki Lo Sa? Del 1985. La cosa è piuttosto divertente, perché allora usai illegalmente la canzone di Bob Dylan che si sente sullo sfondo [ride]. E così, dopo 30 anni, ne ho finalmente pagato i diritti. Ma c'è anche qualcosa di quasi diabolico al riguardo, perché a differenza che nelle foto, i film danno sempre l'impressione della vita. È un modo perfetto per collegare il passato al presente.

Direbbe che il film risponde ad alcune sue personali domande?
Non direi che il film abbia a che fare specificamente con la mia vita. Anche perché quando decidi di parlare del tempo che scorre, inevitabilmente cominci a cercare dei mentori, ma non solo nel cinema; perché ad esempio avevo sempre in testa, soprattutto con Il giardino dei ciliegi, oppure Ozu con Viaggio a Tokyo. Questi grandi maestri hanno speso le loro vite a riflettere su questo tema specifico. Ma nel cinema, non c'è niente di più generale o universale del tempo. Avevo bisogno di dare corpo a quest'idea, di concentrarmi su piccoli dettagli come una frase qua e là, o sul modo in cui i personaggi si vestono. Altrimenti avrei solo annoiato gli spettatori con le mie riflessioni, e invece devono partecipare delle emozioni dei personaggi. La loro presenza deve essere percepita, devono esserci con tutta la loro fisicità. 

Prima ha parlato del Giardino dei ciliegi. Proprio come nel dramma di Chekhov, La casa sul mare è anche una storia su un certo luogo.
Volevo girare il film in un posto specifico. Méjean è molto piccola, ma aperta al mondo. È vicino Marsiglia, una città che conosco bene e che ho rappresentato nel mio primo film, ma che è cambiata completamente. Ora sta cercando di migliorare e di ristrutturarsi, quindi sono sempre alla ricerca di luoghi che mi ricordano come era la città in cui sono cresciuto, i paesaggi della mia infanzia. È questo quello che cerco in questo momento, mi sto guardando indietro. In un certo senso, tutti lo facciamo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy