email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Lisa Brühlmann • Regista

"Essendo un'attrice, ho cercato di dare ai miei attori quello di cui avevano bisogno: spazio"

di 

- SAN SEBASTIÁN 2017: Abbiamo parlato con la regista svizzera Lisa Brühlmann del suo primo film, Blue My Mind, attualmente in corsa nella sezione Nuovi Registi al Festival di San Sebastián

Lisa Brühlmann  • Regista

In seguito a una formazione teatrale, Lisa Brühlmann ha avuto diversi ruoli in produzioni televisive e cinematografiche tedesche e svizzere, per poi decidere di continuare i suoi studi all'Università delle Arti di Zurigo, dove ha conseguito un master in regia cinematografica. Con Cineuropa ha parlato della sua esperienza come attrice e come regista, e del suo metodo di lavoro con attori adolescenti, nel suo primo film, Blue My Mind [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Lisa Brühlmann
intervista: Luna Wedler
scheda film
]
, attualmente in corsa nella sezione Nuovi Registi al Festival del cinema di San Sebastián.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Come è nata l'idea per questo film? In Blue My Mind c'è un po' del suo essere stata una teenager svizzera?
Lisa Brühlmann: Mia è un personaggio d'invenzione, ma certamente ci sono molte delle sensazioni e delle esperienze che ho vissuto da adolescente. È un misto di vergogna, introversione e rabbia allo stesso tempo. Purtroppo, le giovani tendono spesso ad essere autodistruttive, quando si sentono così. Ricordo bene questa sensazione.

Poi, sono stata sempre affascinata dalle creature mitologiche. Trovo molto interessante il fatto che alcune appaiano in culture diverse, indipendentemente dal tempo e dai luoghi. Queste figure esistono nel nostro subconscio collettivo. Quindi mi è venuta quest'idea: è stata un'intuizione e l'ho sentita giusta sin dal primo momento. Volevo che il film fosse sensuale e poetico e, allo stesso tempo, crudo e realistico. Era importante per me che non venisse fuori una “favoletta”, ma che risultasse molto verosimile e quindi l'ambientazione avrebbe dovuto essere molto ben studiata.

Come ha affrontato la rappresentazione dell'ambiente giovanile attuale? Ha condotto molte ricerche prima di iniziare il film? E come è stato lavorare con attori adolescenti?
Sì, ho fatto molte ricerche. Sono stata in tutti i luoghi frequentati dai ragazzi: postacci in città, ma anche nelle periferie di Zurigo. Ho fatto molte interviste, con cui non solo ho scoperto come parlano, ma anche cosa pensano del mondo, e cosa li rende felici o tristi.

Lavorare con gli adolescenti è un'esperienza molto gratificante e intensa. Sono molto espliciti, emotivi, permeabili. L'universo personale inevitabilmente scorre nel loro lavoro e, da regista, l'ho accolto perché significava arricchire il film di momenti molto veri. Allo stesso tempo, si percepisce la grande insicurezza legata a questo periodo della vita, che mi ha ricordato molto quando avevo io quest'età. Dal punto di vista della regia, non puoi pretendere quello che pretenderesti da attori adulti; dovevo spesso ricordare a me stessa che si trattava di ragazzi e quindi che c'era bisogno di rallentare un po'.

In che misura il suo background di attrice e regista ha influenzato il suo modo di fare film?
Essendo un'attrice, ho cercato di dare ai miei attori quello di cui avevano bisogno e che a volte mancava: spazio; lo spazio di cui un attore necessita per fare una certa scena. Ogni attore è diverso: alcuni hanno bisogno di ascoltare della musica, alcuni di cantare, altri vogliono essere loro stessi e buttarsi, in uno stato di concentrazione assoluta. Io provo solo a fare in modo che si sentano al sicuro in un momento di insicurezza.

Blue My Mind è una storia di formazione universale, che riflette il bisogno di sfuggire ad un futuro standardizzato, o è più profondamente legata alla realtà svizzera?
Penso entrambe le cose. Nella società occidentale, credo che ognuno di noi conosca molto bene questa sensazione, quella di doversi uniformare a un sistema: ti dicono che sei libero, ma non lo sei. E, soprattutto se sei una giovane donna, è molto difficile riconnetterti con la tua vera natura, con la tua forza più potente, e liberarti dalle costrizioni della società, andare per la tua strada e piacerti anche se ti senti diversa.Blue My Mind racconta anche questa storia.

Cosa significa per lei veder proiettato il suo film d'esordio a San Sebastián?
È un grande onore. Sono molto felice, perché è la mia prima opera e non avrei mai osato sperare che potesse raggiungere così tante persone in tutto il mondo. Significa molto per me. E anche per tutte le persone che ci hanno lavorato, soprattutto i miei giovani attori; è bello vedersi ricompensato tutto il lavoro fatto.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche