email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

TRIBECA 2018

Marios Piperides • Regista di Torna a casa, Jimi!

"I confini possono essere abbattuti una volta che riconosciamo la familiarità di fronte all'ignoto"

di 

- Abbiamo parlato con il regista e sceneggiatore cipriota Marios Piperides del suo primo lungometraggio, Smuggling Hendrix, miglior film della Competizione Narrativa Internazionale al Tribeca

Marios Piperides  • Regista di Torna a casa, Jimi!

Il regista e sceneggiatore cipriota Marios Piperides, meglio conosciuto per il suo ruolo di produttore, partecipa alla Competizione Narrativa Internazionale del 17° Tribeca Film Festival con il suo primo lungometraggio, Torna a casa, Jimi! [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Marios Piperides
scheda film
]
(Smuggling Hendrix). Abbiamo parlato con lui dell'ispirazione per il suo film, della situazione attuale a Cipro e di cosa pensa dei confini.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Qual è stata l'ispirazione per questa storia assurda?
Marios Piperides:
 Sono cresciuto in un ambiente greco-cipriota tradizionale subito dopo l'invasione turca del 1974, che ha diviso l'isola. Quindi per molti anni, l'"altra parte" di Nicosia si basava su storie raccontate. Ho attraversato il "confine" nel 2003, quando è stato aperto il primo checkpoint, e ho capito che tutto era diverso e strano, ma allo stesso tempo familiare: i luoghi, gli edifici, l'architettura, gli odori, le persone e così via. Era una stranezza scomoda e familiare. Da allora, ho sperimentato "l'altro lato" attraverso legami personali e professionali. Le storie che ho trovato sono molto varie, da quelle assolutamente tragiche a quelle assolutamente assurde, e hanno innescato il desiderio di raccontare una storia che catturasse entrambe.

Torna a casa, Jimi! è una di queste storie. Basato su un evento reale, la devozione di un uomo per il suo cane, fornisce un tocco più leggero per controbilanciare questioni più serie. La sua micro-trama riflette le complesse dinamiche sociali del mondo reale di oggi: l'isola divisa di Cipro, la complessità dei problemi legati alla perdita della proprietà e la spinosa questione dei coloni turchi, che sono rimasti senza volto in tutti questi anni e sono usati solo come cifre per i negoziati da parte dei politici di entrambe le parti.

Voleva scatenare discussioni politiche sulla disputa di Cipro?
Anche se non sono mai stato profondamente coinvolto nella politica, entrambi i cortometraggi che ho realizzato trattavano direttamente il problema di Cipro e il nostro bisogno di coesistere su un'isola divisa. Cerco di non schierarmi ma di mostrare la situazione da una prospettiva esterna. Quello che è successo a Cipro è tragico; ci sono ancora molte ferite aperte – la gente che ha perso i propri cari, i rifugiati che hanno perso le loro case e le loro proprietà, la tragedia delle persone scomparse (da entrambe le parti). Queste ferite sono state usate come propaganda da entrambe le comunità. C'è ancora molto odio e pregiudizio che viene coltivato nelle aule scolastiche e, successivamente, nel servizio militare obbligatorio di due anni.

Per chi non ha familiarità con la divisione di Nicosia, pensa che Torna a casa, Jimi! dipinga un ritratto realistico dell'attuale paranoia politico-diplomatica?
Il film tratta personaggi e situazioni in modo più satirico; non potevo trattarli in nessun altro modo. La bellezza della commedia o della satira è che puoi spingere i confini per mostrare la verità. Ma in generale, sì, credo che il film descriva realisticamente l'attuale situazione politica e lo status quo del problema di Cipro. Non c'è agenda o propaganda politica. Ecco come stanno le cose, questa è la situazione, e deve cambiare.

Quali sono le sfide personali che ha dovuto affrontare?
Molti greco-ciprioti si rifiutano di attraversare il lato occupato, di mostrare i loro documenti ai checkpoint e di mostrare bandiere o simboli turchi. Se vogliamo una soluzione, dobbiamo iniziare a guardare oltre bandiere e simboli. Non è stato facile per me scrivere il film e "sfidare" il significato di alcuni dei simboli con cui sono cresciuto, che erano profondamente radicati nella mia mente. Ho anche dovuto lasciare la mia zona di comfort. Fortunatamente, il sostegno che ho ricevuto dalla mia (co-)produttrice Janine Teerling durante tutto il processo, e le lunghe discussioni che abbiamo avuto, mi hanno aiutato a fare esattamente questo.

Crede nei confini?
Tutti vogliamo essere al sicuro, ma costruire muri e recintare non è mai stata la risposta ai nostri problemi, e non lo sarà mai. Dovremmo invece investire nell'istruzione e assicurarci di insegnare ai nostri figli ad abbracciare le loro differenze, a rispettare la cultura, il modo di vivere e le credenze religiose degli altri senza demonizzare. È nostro obbligo farlo e offrire il nostro aiuto. Non abbiamo bisogno di religioni organizzate per istruirci. Possiamo abbracciare la nostra umanità senza il loro "aiuto".

Torna a casa, Jimi! esamina come i confini, le recinzioni o i muri che costruiamo, sia reali che immaginari, tra noi e l'altro, possano essere abbattuti una volta che riconosciamo la familiarità di fronte all'ignoto. Credo che questo sia un problema globale che ora è più rilevante che mai. Sono sicuro che chi vede il film capisca la mia posizione chiara sulla questione, o almeno dalle scene di apertura e di chiusura.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche