email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

ZURIGO 2018

Annabel Jankel • Regista

"Questo film non avrebbe potuto farlo un uomo"

di 

- Fresco di anteprima mondiale a Toronto, abbiamo chiacchierato con la londinese Annabel Jankel di Tell It to the Bees, il suo primo film da Super Mario Bros. del 1993

Annabel Jankel  • Regista
(© Zurich Film Festival)

Diretto da Annabel Jankel, e con protagoniste Anna Paquin e Holliday Grainger, Tell It to the Bees [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Annabel Jankel
scheda film
]
è basato sul romanzo omonimo di Fiona Shaw. Ambientato nella Scozia degli anni '50, si concentra sulla relazione proibita tra due donne: la giovane madre Lydia (Grainger) e Jean (Paquin), che torna nella città che un tempo la respinse per occuparsi dell’attività di suo padre. Quando vanno a vivere insieme dopo che Lydia viene sfrattata, l'improvvisa decisione suscita sospetti. Il film è stato presentato in anteprima mondiale a Toronto e ora è proiettato allo Zurich Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il suo film è ambientato in una comunità isolata nella Scozia degli anni '50. Pensa che ci sia ancora questo stigma attorno alle relazioni omosessuali?
Annabel Jankel:
Tutto dipende dal paese, ma penso che nelle piccole comunità possa ancora essere potenzialmente un problema. Nel corso degli anni, le donne hanno vissuto relazioni romantiche molto di nascosto, facendo finta che fosse solo un'amicizia, per esempio. Solo ora, nell'ultimo decennio o giù di lì, la gente è diventata più aperta al riguardo. Ma penso che ci sia ancora molto pregiudizio. All'inizio di questa storia, tutto ciò che vediamo è questa comunità molto chiusa e, alla fine, due donne che hanno fatto un viaggio insieme. Volevo davvero raccontare una storia d'amore, ma non qualcosa che fosse pieno di violenza e miseria.

Dopo il successo del programma televisivo The L Word, alcune persone hanno affermato che il pubblico mainstream può accettare storie d'amore omosessuali solo se i protagonisti sono incredibilmente belli. Non aveva paura di seguire la stessa tendenza?
Questa è una domanda interessante, e non ci avevo davvero pensato. Penso che abbia più a che fare con la vulnerabilità degli attori. Stavo cercando questa capacità di emanare certi sentimenti. Anna e Holliday sono entrambe attrici straordinariamente brave. Anna è originaria della Nuova Zelanda, è sposata con un inglese e vive a Los Angeles. Ci sono così tanti aspetti in lei che la fanno sentire una perfetta outsider. E Holliday ha questa incredibile capacità di empatia. Ti senti sempre molto protettiva nei suoi confronti. Insieme, sembravano proprio la combinazione perfetta. 

Attualmente si discute del contributo che le cineaste possono dare. Pensa che questo film sia diverso perché ha avuto una donna al timone?
Penso che questo film non lo avrebbe potuto fare un uomo. Non posso parlare a nome dell'intero genere maschile, ovviamente, ma non penso che un regista di sesso maschile sarebbe stato attratto dal materiale di partenza. Questa storia è piuttosto femminile, e ho visto la scena di sesso come una manifestazione della tenerezza e dell'amicizia che si è sviluppata in questa attrazione sessuale. Non cercavo di renderla seducente; cercavo solo di mostrare l'intimità di queste due persone. Detto questo, non stavo lì a pensare se stavo guardando il tutto da una prospettiva femminile o maschile. Lo stavo guardando dal punto di vista dei personaggi. 

Tre personaggi, in realtà. Anche il figlio piccolo di Lydia, Charlie, interpretato da Gregor Selkirk, cerca di capire cosa sta succedendo intorno a lui.
Guardiamo l'intera cosa attraverso la confusione di questo ragazzo, che cerca di capire il sesso. E che non solo cerca di capire il sesso, il che già sarebbe abbastanza arduo negli anni '50, ma che cerca di capire cosa sta succedendo tra sua madre e quest'altra donna. Navigando tra i segreti e le bugie, e cercando di capire che cos'è un segreto e che cos'è una bugia.

Le scene che ha citato prima, della crescente intimità tra la coppia, sono fatte in modo molto sottile. Ho sentito che nella sceneggiatura erano descritte nei minimi dettagli.
Questa relazione non solo supera la barriera di genere, perché sono due donne, ma supera anche la barriera di classe, che è ancora una grande cosa in Gran Bretagna. Hai questa donna della classe medio-alta che instaura una relazione con un’operaia. Era davvero inaudito! Volevo mostrare tutti gli stadi della loro storia arrivando al punto in cui possono effettivamente toccarsi. C'è questa scena in cui stanno prendendo il tè, e una vuole davvero toccare l'altra ma non riesce a farlo. È una cosa troppo intima. O quando sono al lago e vogliono abbracciarsi, ma non osano andare così lontano. Doveva essere una costruzione lenta. Ma come spettatore, sei consapevole di quel brivido.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche