email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Wojciech Smarzowski • Regista di Clergy

"Clergy è come un gocciolio d'acqua costante che erode la pietra"

di 

- Cineuropa ha parlato con Wojciech Smarzowski, il regista di Clergy, che ha appena goduto di un debutto da record nei cinema polacchi

Wojciech Smarzowski  • Regista di Clergy
(© Rafał Placek/Gildia Reżyserów Polskich)

L’ultimo film del regista polacco Wojciech Smarzowski, Clergy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Wojciech Smarzowski
scheda film
]
, ha goduto di un debutto da record nei cinema polacchi, totalizzando quasi un milione di biglietti venduti da subito, e ora, a dieci giorni dalla prima, ha al suo attivo 2,5 milioni di entrate. Abbiamo parlato con Smarzowski per saperne di più sul suo film di successo.

Cineuropa: Clergy è un film sui peccati commessi dalla Chiesa cattolica in Polonia. Tratta di pedofilia, corruzione, alcolismo, ingiustizia e vanità, e ha avuto un'apertura record in Polonia, un risultato che è fuori portata anche per le commedie romantiche e i film d'avventura. Come spiega questo risultato?
Wojciech Smarzowski:
Penso che la divina provvidenza sia dalla mia parte [ride], e molti fattori esterni hanno portato al successo commerciale del film. Immagino che il fattore più importante sia che non sono l'unica persona in Polonia a essere disturbata dal fatto che la Chiesa sia al di sopra della legge. Quando preparo un film, inizio sempre da un problema; non penso mai se il soggetto che ho scelto sarà popolare tra il pubblico. Realizzo i film nel miglior modo possibile, e credo che oltre a concentrarsi su un tema caldo, sia anche un pezzo di cinema molto ben fatto che ha una storia commovente, personaggi credibili e, soprattutto, emozioni.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

I protagonisti del film sono tre sacerdoti, e ognuno affronta un peccato diverso commesso dalla Chiesa. Nella sceneggiatura che ha scritto con Wojciech Rzehak, questi personaggi erano basati su preti veri?
Tutti i personaggi del film sono di finzione, ma il loro nucleo è preso dalla vita reale. La somiglianza era così forte che i sacerdoti che videro i primi montaggi del film riconobbero i veri ecclesiastici. Naturalmente, la storia è più compatta – questo è il vantaggio della finzione – ma ciò a cui tenevamo veramente era mostrare l'estensione della depravazione nella Chiesa polacca. Per presentare questa istituzione e i suoi meccanismi dall'interno, abbiamo dovuto piazzare la cinepresa in una curia, in una parrocchia modesta e in un’altra prospera in una città di medie dimensioni. Ciò ha richiesto tre linee di trama e tre protagonisti, supportati dal personaggio dell'arcivescovo.

I preti cattolici polacchi l’hanno aiutata nelle sue ricerche per il film o li ha consultati? Hanno visto Clergy?
Sì, ho consultato preti ed ex sacerdoti, che ci hanno aiutato in ogni fase della produzione. Mi hanno aiutato con la sceneggiatura, la scelta dei luoghi, i costumi, il lavoro sul set e, in seguito, il processo di montaggio. Coloro che desiderano un cambiamento nella Chiesa hanno condiviso le loro esperienze e le loro osservazioni. A loro il film è piaciuto e lo hanno considerato cristiano, hanno detto che non insultava la fede cristiana, ma piuttosto mostrava una corporazione. Una volta ho scherzato in un'intervista su come potrei iniziare Clergy 2; poi, Wojciech e io abbiamo ricevuto diverse offerte per incontrare un numero di sacerdoti che non avevamo mai incontrato prima, che erano disposti a fornirci informazioni sui difetti della Chiesa che non sono stati presentati nel nostro film.

Bruno Dumont ha detto che secondo lui il cinema è come una chiesa secolare. Cosa ne pensa, e crede che il cinema possa cambiare le menti o i paesi?
Per me, il cinema è un modo di vagare tra i mondi. Non credo che un film possa cambiare un paese, ma credo che ci siano film in grado di aprire qualcosa nella mente del pubblico. Ci sono molti reportage, libri e persino uno spettacolo teatrale sulla pedofilia nella Chiesa polacca, ma è solo il film, che ha un impatto maggiore, ad aver suscitato reazioni dalla Chiesa – solo su piccola scala fino ad ora, ma lo ha fatto. Nuove vittime di sacerdoti pedofili possono riportare questi casi alla fondazione Do Not Be Afraid di Marek Lisicki. In nessun paese la Chiesa ha mai corretto la sua condotta da sola; è necessario l'aiuto dello Stato. In Polonia, il governo cammina mano nella mano con la Chiesa; il primo ha bisogno di elettori, mentre la seconda ha bisogno di soldi e privilegi. I polacchi in qualche modo perdonano la Chiesa per la sua ipocrisia, ma spero che non perdoneranno la pedofilia. Clergy è come un gocciolio d'acqua costante che erode la pietra. Non è solo un film sui preti, ma anche sui credenti. Spero che i cattolici che guardano Clergy capiscano di essere parzialmente responsabili di ciò che hanno appena visto.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy