email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Markku Pölönen • Regista di Land of Hope

"Cammino sul lato soleggiato della strada"

di 

- Abbiamo incontrato il regista finlandese Markku Pölönen per parlare del suo ultimo film d'epoca, Land of Hope, attualmente nei cinema finlandesi

Markku Pölönen  • Regista di Land of Hope

Ambientato tra il 1945 e il 1952, Land of Hope [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Markku Pölönen
scheda film
]
è incentrato sul giovane soldato Veikko (Konsta Laakso), che ottiene un pezzo di terra per cominciare una nuova vita. Ha solo bisogno di sposarsi prima, e presto trova una compagna adatta a lui nella cocciuta Anni (Oona Airola). Parliamo con il regista Markku Pölönen del suo film, attualmente nelle sale della sua nativa Finlandia.

Cineuropa: La gente stava ricostruendo il paese dopo la guerra, così tante cose stavano cambiando. Cosa l’ha interessata di questo periodo?
Markku Pölönen:
Mi piacciono i film d'epoca perché non devi fare product placement [ride]. In precedenza ne ho fatto un altro su quell’epoca [Dog Nail Clipper del 2004], e ho scoperto che era molto... colorato. E inoltre, c'era una richiesta per questo. Molte persone anziane, specialmente donne, mi chiesero se potevo fare qualcosa riguardo a questo periodo dimenticato dopo la guerra. I registi di solito si concentrano sulla prima linea, ma anche queste persone stavano combattendo: stavano cercando di guadagnarsi da vivere e costruire un nuovo futuro. Quello che ho trovato interessante è quanto sia stato effettivamente fatto dalle donne. In qualche modo, furono costruite migliaia di nuove case e nessuno morì di fame, e ci fu pace nella società. È una specie di miracolo, davvero.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Questo spiega anche perché non ci siano i cattivi. Parlando del film, ho sentito dire: “E’ un regista che ama la gente”. E’ d’accordo?
Ho sempre ammirato Frank Capra. Puoi scegliere il modo in cui guardi il mondo. Puoi vederlo come un inferno, ma la mia teoria è che almeno il 97,3% delle persone che vivono su questo pianeta sono buone. Il resto sono degli stronzi. Forse sono un romantico, ma puoi camminare sul lato soleggiato della strada o rimanere nell'ombra. Io? Mi piace il sole. Per sopravvivere, queste persone hanno dovuto lavorare insieme. Non potevi semplicemente andare in qualche ufficio e dire: "Sono nei guai, e ho bisogno di soldi". Dovevi fidarti dei tuoi vicini. Sono nato nel 1957 – in campagna, le cose non cambiano così velocemente, quindi non abbiamo avuto l'elettricità fino all'età di 14 anni. Ho vissuto la stessa vita delle persone dopo la guerra. Ma non ho alcun interesse per il "cinema sociale". Mi piacciono i film che finiscono bene, e cerco di vedere cose buone nelle persone. Dirigere non è solo una professione, è un modo di vedere il mondo e mostrarlo agli altri.

Siamo abituati al conflitto al cinema. In Land of Hope, quando i vicini vengono in visita, ti aspetti che succeda qualcosa di orribile. Poi si scopre che hanno giusto portato del pesce.
Viviamo nella "terra dei mille laghi", quindi o è un pesce o una bottiglia di liquore [ride]. È buffo che me ne parli perché molte persone mi hanno detto che si aspettavano che il cavallo morisse. Beh, non è quel tipo di film. Durante la guerra, hanno usato migliaia di cavalli per scopi militari e ne sono stati uccisi 20.000. Ancora di più sono stati feriti e hanno vissuto gli stessi traumi degli uomini che hanno combattuto. Il nostro non obbediva affatto agli ordini, ma questo lo rendeva un attore migliore. Inoltre, è stato subito evidente che Oona Airola fosse l'unica persona in grado di interpretare questa parte, proprio a causa di quel cavallo. Cavalca da quando aveva nove anni, quindi poteva gestirlo.

L'intero film si rivela alquanto femminile. Ha collaborato con la cantante diventata attrice Paula Vesala alla sceneggiatura, ma è una decisione che ha preso in un secondo momento?
In origine, l’intero progetto doveva essere una serie TV. Anni e Veikko erano ugualmente importanti, ma mentre lo adattavo in un film, semplicemente non funzionava. Chiamai lo scrittore Antti Heikinen, e fu lui il primo a dire: “Dovrebbe essere su Anni”. Quello fu il punto di svolta. Qualcosa scattò nella mia testa e mi resi conto che questa era la storia che non è mai stata raccontata: la storia delle donne. Hanno fatto un'enorme differenza durante la guerra, e ciò le ha rese un po’ più sicure delle proprie possibilità e potenzialità. Rimbo Salomaa, il mio produttore, mi ha suggerito Paula Vesala. Non avevo la più pallida idea del perché avrei avuto bisogno di una popstar per scriverlo, ma l'ho incontrata in un bar e, in 15 minuti, stavamo già lavorando. È stata lei a rendere il personaggio di Anni così fresco. L’ha resa una donna moderna.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy