email print share on facebook share on twitter share on google+

MACAO 2018

Ivo M. Ferreira • Regista di Empire Hotel

Empire Hotel è un film di Macao sul Portogallo”

di 

- Il regista portoghese residente a Macao Ivo M. Ferreira ha parlato con noi del suo ultimo film Empire Hotel al terzo International Film Festival & Awards‧Macao

Ivo M. Ferreira • Regista di Empire Hotel
(© IFFAM)

Il terzo International Film Festival & Awards‧Macao (IFFAM) ha ospitato la première locale del quarto lungometraggio del regista portoghese residente a Macao Ivo M. Ferreira, Empire Hotel [+leggi anche:
recensione
intervista: Ivo M. Ferreira
scheda film
]
, un thriller neo-noir che si svolge interamente in città. Dopo l’anteprima, abbiamo parlato con Ferreira del suo approccio a Macao, del suo background storico e delle conseguenze della fine dell'impero portoghese.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Perché ha deciso di ambientare Empire Hotel a Macao? Cosa l’ha richiamata qui?
Ivo M. Ferreira:
Non sono tornato, sono sempre stato dentro e fuori questa città. Tutti i miei film precedenti includevano segmenti girati a Macao, così ho creato un puzzle frammentario di storie che si svolgevano nella stessa area. Il mio debutto, Em Volta (2002), fino ai miei ultimi cortometraggi, contenevano tutti elementi di Macao, quindi se metti insieme queste parti, in qualche modo ottieni Empire Hotel. Non sto facendo nulla di nuovo in senso pratico, è solo un riassunto di atmosfere e idee che avevo già.

Il suo film è un ricordo delle sue esperienze?
In un certo senso lo è, ma non una rappresentazione realistica di esse, solo un mondo che ho creato per ricostruire quell’atmosfera. Ero molto giovane quando arrivai per la prima volta a Macao, e soggiornavo in una guest house, nella stessa zona in cui è stato girato il mio film. Mi ci sono volute tre settimane per capire che tutte le ragazze carine nelle altre stanze erano delle prostitute. Ero abbastanza ingenuo da osservare cosa succedeva intorno a me. Penso che questo sia un buon esempio dell’essere in un posto e non capire cosa sta succedendo. È così che ho visto Macao, e come l'ho vissuta.

L'estetica neo-noir giustifica questo approccio?
In realtà, questo era il modo in cui la zona "chiedeva" di essere filmata poiché avevo già un'idea estetica su come portare questo posto particolare nel film. La location giustificava l'approccio artistico, quasi lo imponeva. Non ho mai pensato due volte a come dovesse apparire, è stato così fin dall'inizio. È stata una procedura semplice perché tutto ciò che dovevo fare era seguire la natura del quartiere.

Come nei suoi film precedenti, c'è un background storico? Racconta la relazione del Portogallo con Macao?
Naturalmente, tutti i miei film parlano della fine dell'Impero malinconico. Quando è stato detto che Empire Hotel è un film portoghese su Macao, non ero contento. Poi il mio produttore, Luís Urbano, ha detto che in realtà è un film di Macao sul Portogallo e penso che sia più preciso. L'Hotel va visto metaforicamente: è così che la comunità locale vedeva la presenza portoghese. Andavamo e venivamo costantemente, eravamo scortesi in questo posto perché eravamo solo di passaggio, ma ci sentivamo comunque come se lo possedessimo. Ma questo non è un film sul passato, è più un approccio distopico e uno sguardo al futuro, perché voglio vedere l'evoluzione della città. Sorvolo sui cambiamenti ma allo stesso tempo voglio concentrarmi su ciò che conosco meglio.

E’ facile avere a che fare con questa città in continua evoluzione?
Sto cercando di seguire i resti dell'Impero malinconico. Macao ne rappresentava l'ultimo pezzo e l'unico rimasto intatto dopo la Rivoluzione dei garofani. Quando il Portogallo si ritirò dalle sue colonie africane, molti dei coloni tornarono in Portogallo, dove ebbero la peggiore esperienza della loro vita, così decisero di venire a Macao. La maggior parte di queste persone apparteneva all'ideologia fascista di Estado Novo, quindi erano molto arroganti qui. La comunità portoghese era nota, ma nonostante ciò, la città in realtà permise loro di integrarsi, e le loro vite cinesi hanno finito per conquistare la loro "eredità" portoghese.

Come ha reagito il pubblico locale vedendo Empire Hotel?
Quando sei a Macao, hai il "potere" di decidere cosa sia Macao, e io sono qui da molto tempo. Quindi, ho dovuto convincere tutti che questa non era un'immagine realistica della città, ma qualcosa che ho inventato. Sono così felice che le comunità cinesi e macanesi abbiano apprezzato il film e ne abbiano menzionato l'importanza per la città.

Continuerà a seguire la caduta dell'Impero portoghese?
Ora sto scrivendo il mio nuovo film, Projecto Global, ed è il mio più grande progetto finora, la mia prima idea per un film da quando iniziai. È stato presentato lo scorso anno al Project Market dell'IFFAM. Tratta di un movimento politico in Portogallo negli anni '80 – una risposta alla controrivoluzione del 25 novembre 1975, che scosse il paese con un'ondata di bombardamenti, rapine, esecuzioni e minacce.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche