email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

Carolina Hellsgård • Regista di Ever After

"Un film horror è un ottimo strumento per mettere a confronto i personaggi con le loro vite"

di 

- German Films ha intervistato Carolina Hellsgård, il cui ultimo film, l'apocalittico zombie horror e dramma femminile Ever After, ha travolto Toronto

Carolina Hellsgård • Regista di Ever After

Carolina Hellsgård viene dalla Svezia e si è trasferita in Germania nel 2001 per studiare Experimental Media Design presso l'Università delle Arti di Berlino. Dopo essersi diplomata nel 2008, ha vinto una borsa di studio di un anno alla CalArts per studiare regia e sceneggiatura. Tornata a Berlino, ha realizzato il suo primo lungometraggio, Wanja [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
, nominato per il premio della miglior opera prima alla Berlinale 2015. Prima di Berlino, Hellsgård ha conseguito un Master in Teoria e Storia del Cinema all'Università di Stoccolma, che le ha permesso uno scambio con l'Università delle Arti di Berlino "dove sono stata. Il background teorico di un film è molto importante per me, sono formale nel mio approccio. Cerco una forma cinematografica che si leghi allo stato in cui si trovano i personaggi: la persona nel film influenza l'immagine cinematografica poiché riflette lo stato interiore dei personaggi". Ok. Ma come funziona con gli zombi? Incredibilmente bene, come ora sappiamo dal suo ultimo film, Ever After [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Carolina Hellsgård
scheda film
]
, presentato in anteprima mondiale all'ultimo Toronto International Film Festival.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

"Quando lessi la sceneggiatura di Olivia Vieweg, rimasi affascinata dal tema della colpa", spiega Hellsgård. "Come persona, ti senti spesso in colpa per certe cose. Riguarda tutte le cose cattive che abbiamo fatto e tutte le cose buone che non abbiamo fatto. Un film horror è un ottimo strumento per mettere a confronto i personaggi con le loro vite e mettere in discussione la loro morale, oltre a sfidare i loro demoni interiori. Come si può esistere come esseri umani in questo mondo? Come tratto le altre persone? E quando affronto il caos e le difficoltà, come reagisco?".

Senza esagerare nel lodare la sua squadra femminile, Hellsgård ha spiegato: "La direttrice della fotografia Leah Striker è una donna fantastica e molto esperta. Ammiravo da molto tempo il lavoro della scenografa Jenny Rösler. La costumista Teresa Grosser ha il suo stile e ha fornito un concept molto forte, che ho amato". Anche la compositrice Franziska Henke e le produttrici Ingelore König e Claudia Schröter sono donne e, naturalmente, le due protagoniste, Gro Swantje Kohlhof e Maja Lehrer. Ma una lettura dei crediti finali mostra che la produzione è in realtà 50-50 maschile e femminile, ritenendo Hellsgård che questo fosse il miglior rapporto.

Di certo conosce anche il genere, essendo cresciuta con tutti quei troll svedesi! "Sono cresciuta con le fiabe nordiche con troll nella foresta e domande morali su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato", spiega Hellsgård. "Gli zombi sono come i troll. Incarnano ansie esistenziali. Qui incarnano anche il modo in cui trattiamo l'ambiente e il modo in cui ci relazioniamo con la natura". Mettere tutti gli elementi insieme, e il suo amore per gli antieroi, per le persone che sono outsider nella società, emarginate, come vivono e affrontano i problemi, le lotte quotidiane, i loro sogni e le loro emozioni, con un film di zombie post-apocalittico, un "horror d'autore" come lo definisce lei, è il veicolo perfetto.

Hellsgård, che era un critica cinematografica prima di Internet e si trasferì a Cannes, ora sta lavorando al suo terzo lungometraggio, Sunburned, in cui la dodicenne Claire è in vacanza con la sua famiglia in Spagna. Mentre viene trascurata da sua madre e sua sorella, incontra un immigrato senegalese chiamato Amram sulla spiaggia. Come parte di un gioco infantile, lei gli fa una promessa che non può rompere.

Ogni film che realizza, spiega Hellsgård, "è una reazione a quello precedente". Quindi, mentre Wanja è "rigoroso e minimalista", Ever After è "massimale!". "Sunburned avrà un ritmo diverso". E per quello successivo, "voglio che sia un thriller. Adoro una buona trama. Mi dà molta libertà per renderlo più atmosferico. Ho in programma di realizzare un thriller guidato dalla trama e solido, un Berlin Noir. Mi piace quando non ti puoi fidare del personaggio principale. Il bene o il male, è troppo facile".

A parte il suo amore per il cinema, Hellsgård ha un posto speciale nel suo cuore anche per Berlino: "Mi sento privilegiata di essere qui", afferma entusiasta. "Ci sono molte persone di grande talento in giro e Berlino è una città fantastica! Mi sono laureata dieci anni fa e ho lavorato duramente, collaborando con nuove persone, è un posto molto dinamico. Ci vuole una certa fortuna come regista, hai bisogno di brave persone e qui le ho trovate".

In collaborazione con

 

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche