email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BERLINO 2019 Concorso

Agnieszka Holland • Regista di Mr. Jones

"Molte persone non avrebbero saputo dell'Olocausto se non fosse stato per il cinema"

di 

- BERLINO 2019: Abbiamo parlato con l'autrice polacca Agnieszka Holland, in concorso con Mr. Jones, di storie non raccontate, di giornalismo e del potere del cinema

Agnieszka Holland  • Regista di Mr. Jones
(© Jacek Poremba)

Abbiamo parlato con l’autrice polacca Agnieszka Holland del suo film presentato in concorso alla 69ma Berlinale, Mr. Jones [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Agnieszka Holland
scheda film
]
, e di storie non raccontate, di giornalismo e del potere del cinema.

Cineuropa: Ha già realizzato alcuni film che esplorano i capitoli più oscuri della storia recente dell'Europa e probabilmente riceverà molte sceneggiature su argomenti come la Seconda guerra mondiale e l'Olocausto. Immagino che ci fosse un motivo particolare per cui ha scelto la sceneggiatura di Andrea Chalupa...
Agnieszka Holland: Non mi è mai stato chiesto di dirigere un film sull'Holodomor. Per molto tempo ho pensato e detto alla gente che molti dei crimini condonati dal regime comunista non sono ancora stati discussi. Non c’è una consapevolezza globale attorno ad essi, mentre l'Olocausto, per esempio, è una parte conosciuta della storia umana. Persino i russi [e la gente che vive nelle ex repubbliche sovietiche] non parlano dei crimini commessi in nome del comunismo, e Stalin ha ucciso oltre 20 milioni di suoi cittadini! In un sondaggio dello scorso anno, mi sembra, la gente ha votato Stalin il più grande leader russo della storia. Per capire quanto sia mostruoso e l'influenza che deve avere sulla politica in Russia, dobbiamo immaginare cosa succederebbe se i tedeschi scegliessero Hitler!

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)
LIM Internal

Penso che il fatto che queste atrocità siano avvolte nel silenzio è una delle ragioni del caos morale che avvertiamo oggi in Europa. Ho letto da qualche parte che le conseguenze di una fame estrema – sia fisiologica che psicologica – possono raggiungere il futuro di cinque generazioni. Naturalmente, le conseguenze psicologiche sono difficili da valutare. Una delle location di Mr. Jones era un villaggio abbandonato in Ucraina, che era abitato solo da cinque vecchie donne. Si ricordavano dell'Holodomor, ma ci hanno detto anche che nessuno ne parlava quando erano bambine, anche se la maggior parte delle loro famiglie era morta durante la carestia. Quindi, in un certo senso, era da tempo che il tema del genocidio per fame mi chiamava.

Ciò rende il film molto attuale...
L'argomento principale del film è l’Holodomor e il tema è la crociata di Gareth Jones per raccontare la vera storia di quello che è successo. Vuole scoprire la verità perché è nella sua natura: è in linea con la sua onestà, la sua educazione e il suo istinto. L'altro argomento importante nel film è il trattamento da parte del mondo delle scoperte di Jones – vediamo come i fatti sono screditati e distorti, e come le "fake news", che sono più comode per tutti, hanno la meglio. E quando finalmente la verità viene fuori, non significa niente.

Gareth Jones è giusto, onesto e nobile. È il tipo di protagonista che raramente vediamo nei film recenti o nelle serie TV, con gli scrittori che spesso preferiscono personaggi oscuri e contorti. È stata tentata di rendere Mr. Jones un po' meno un "cavaliere in armatura scintillante", per così dire?
Farlo solo per "vendere" il personaggio non sarebbe stato giusto per il vero Gareth Jones. Comunque ho lavorato con James Norton [che interpreta Jones] per rendere il suo personaggio più realistico e riconoscibile. Lo abbiamo reso un po' bizzarro, nerd e invadente. Seduce le persone con lo stesso vecchio poema ridicolo su La battaglia degli alberi... Quindi il suo personaggio ha un colore diverso dal bianco puro.

Il cinema, nel caso di Mr. Jones, può svolgere un ruolo importante nel preservare la memoria. Pensa che il cinema possa ancora fare la differenza?
Ciò che il cinema può sicuramente fare è introdurre certi fatti ed eventi nella narrativa globale e farne parte di una più ampia consapevolezza umana. Il cinema ha avuto un ruolo cruciale nel dibattito sull'Olocausto, specialmente negli Stati Uniti, e ha anche cambiato l'atteggiamento dei tedeschi. Dopo la Seconda guerra mondiale, quasi nessuno parlava dell'Olocausto, tranne forse per raccontare alcune storie casuali su come si nascondevano gli ebrei. Solo decenni più tardi le persone hanno iniziato a parlarne. La prima produzione che ha aperto la discussione sull'argomento è stata, credo, la miniserie televisiva del 1978, Holocaust. Era kitsch ma fece una grande impressione sulla gente. Quando realizzai Europa Europa nel 1990, non c'erano ancora molti film sull'argomento. Poi venne Schindler's List e molti altri. L'impatto di questi film ha rivelato il vero potere del cinema in termini di capacità di educare e favorire l'empatia. E mentre alcuni dicono che non dovremmo fare film sull'Olocausto, e che è un'esperienza indicibile, inesprimibile, la verità è che molte persone non avrebbero imparato a conoscerla se non fosse stato per il cinema.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche