email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

FEBIOFEST 2019

Juraj Šlauka • Regista di PUNK NEVER ENDS!

"In una certa misura, considero il mio film una parodia del dramma sociale"

di 

- Lo sceneggiatore slovacco Juraj Šlauka parla con Cineuropa del suo esordio alla regia, PUNK NEVER ENDS!, che è stato realizzato in condizioni veramente "fai-da-te"

Juraj Šlauka  • Regista di PUNK NEVER ENDS!
Il regista Juraj Šlauka (a destra) con il coproduttore ceco Jordi Niubó (© Prague International Film Festival)

Lo sceneggiatore slovacco Juraj Šlauka, noto per il suo lavoro sui progetti documentari di Miro Remo, ha presentato il suo primo lungometraggio da regista, PUNK NEVER ENDS! [+leggi anche:
intervista: Juraj Šlauka
scheda film
]
, all'evento nazionale Febiofest 2019. Il dramma, ambientato ai margini della società e interpretato da attori non professionisti provenienti da contesti altrettanto periferici, vede il protagonista incapace di conciliare il suo stile di vita impulsivo con le norme sociali. Šlauka ha parlato con Cineuropa del fatto di lavorare in condizioni "fai-da-te", del perché il film non è un dramma sociale come gli altri, e della fusione nel film di finzione e documentario.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: PUNK NEVER ENDS! è la continuazione del suo progetto di dottorato, iniziato come documentario e gradualmente trasformato in finzione. Perché è avvenuta questa transizione?
Juraj Šlauka:
In verità, il film non è mai stato concepito come un documentario; è sempre stato una finzione. Dato che i protagonisti sono attori non professionisti, abbiamo dovuto inventare un modo per dirigerli davanti alla telecamera senza interferire con la loro autenticità. E questo forse lo ha reso più vicino al cinema documentario. Questa disinformazione sul fatto che il progetto fosse un documentario deriva dal fatto che temevo di ottenere un rifiuto dal comitato dei film di finzione dello Slovak Audiovisual Fund (AVF). Supponevo che un esperimento basato sulle sabbie mobili della realtà non fosse facilmente comprensibile. Quindi, all'inizio, mi sono rivolto al comitato documentari dell'AVF per il supporto finanziario. Fondamentalmente, all'inizio ho dovuto ricorrere alla frode. Tuttavia, sono convinto ancora oggi che fosse l'unico modo possibile per garantire almeno l'importo minimo del finanziamento. Alla fine, ci sono voluti otto anni per realizzare il progetto a causa delle difficoltà di lavorare con attori non professionisti, la maggior parte essendo drogati o alcolizzati.

Lei è un collaboratore di vecchia data del documentarista slovacco Miro Remo, e il suo film d‘esordio ha alcune somiglianze con il suo doc sui criminali seriali. C'è una connessione?
Fin dai miei anni scolastici, mi sono impegnato a studiare metodi di lavoro con attori non professionisti e realtà in modo che il prodotto finale assomigliasse a un'opera di finzione, accademicamente parlando. Quando Miro mi ha chiesto di unirmi a Comeback, è stata un'occasione unica per mettere in pratica queste idee. Miro aveva idee simili, ed è quello che ci ha connesso. Comeback era un documentario che evocava un film di finzione, sul piano formale, mentre PUNK NEVER ENDS! è il contrario. Probabilmente è perché ho iniziato come sceneggiatore, e quindi ho una costante tendenza interiore a virare verso la finzione, o verso il plasmare la realtà in una forma immaginaria. Miro è un documentarista puro, ma l'influenza reciproca è sicuramente molto forte, soprattutto a livello umano. Naturalmente, quando lavoro come sceneggiatore per Miro, rispetto pienamente la sua prospettiva. Tendo a fare un passo indietro e sostenere la sua autorialità. Avere i miei progetti in cantiere mi aiuta a non sfogare le mie ambizioni dove non dovrei.

Ha detto che il film è stato realizzato in condizioni "fai-da-te". Può spiegarsi meglio?
Lavorare in condizioni "fai da te" significava fare il film senza alcun sostegno finanziario. Durante una fase delle riprese, abbiamo persino raccolto rottami metallici per ottenere il denaro necessario per quella particolare giornata. La troupe del film consisteva in una cerchia ristretta: io, un direttore della fotografia, un fonico e un direttore di produzione. Per girare le scene più difficili, l'equipaggio cresceva di conseguenza. Abbiamo girato il film con una macchina fotografica. Il direttore della fotografia ha pensato alle sue luci, ma non penso che sia così straordinario. Credo che molti cineasti abbiano creato i loro film in condizioni terribili. È possibile, anche se forse solo una volta.

PUNK NEVER ENDS! trasuda i codici e le convenzioni di un dramma sociale; ma li capovolge con una stilizzazione che non si adatta perfettamente al modello.
Come ho detto prima, questo è probabilmente dovuto al mio background di sceneggiatore, che non riesce a scendere a patti con il puro cinema documentario. Ho notato che alcuni spettatori non riescono ad accettarlo, mentre altri lo accolgono a braccia aperte. Abbiamo una forte ondata di drammi sociali in Slovacchia. In una certa misura, considero il mio film una parodia di questo genere, con elementi criminali aggiunti.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche