email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

VILNIUS 2019

Richard Billingham • Regista di Ray & Liz

"Vedo questo film un po' come una storia d'amore"

di 

- Cineuropa ha parlato con l'artista candidato al Turner Prize Richard Billingham del suo film Ray & Liz, eletto miglior debutto europeo al 24° Vilnius Film Festival

Richard Billingham  • Regista di Ray & Liz

Eletto miglior debutto europeo al 24° Vilnius Film Festival per la sua "vivida, potente e umana rappresentazione di una famiglia, un luogo e un tempo, filmata con precisione e un umorismo dark inquietante", il dramma autobiografico di Richard Billingham Ray & Liz [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Richard Billingham
scheda film
]
lo vede parlare dei suoi defunti genitori ancora una volta dopo la sua acclamata serie di fotografie Ray’s a Laugh. Il film è un ritratto onesto delle loro lotte contro l’alcolismo e la povertà, ma offre anche rari spiragli di luce.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Questo “umorismo dark inquietante” a cui si riferiva la giuria a Vilnius potrebbe non essere così ovvio per alcuni spettatori. Pensa che è qualcosa che la gente nota?
Richard Billingham: Beh, non intendevo metterci dell’umorismo. Penso che vi sia entrato perché ho cercato di rendere il film più autentico, e le comunità povere ed emarginate hanno spesso questo senso dell'umorismo molto sviluppato ed evoluto. È il loro modo di provare a farcela. Recentemente ho fotografato dei senzatetto e, ogni volta che succede qualcosa di brutto, ci fanno sopra una battuta. Se non fossero riusciti a trovare questo tipo di significato nella loro vita di tutti i giorni, sarebbero semplicemente caduti in depressione. 

Questo spiega perché la sua serie di fotografie del 1996 si chiamava Ray's a Laugh. Ha anche realizzato un documentario sui suoi genitori pochi anni dopo [Fishtank]. Pensa di aver finito con questo argomento?
Credo di sì. Ci sono altre idee che voglio perseguire ed esplorare, sebbene mio fratello minore Jason, che è nel film, voglia che scriva altro materiale [ride]. La vedo un po’ come una storia d'amore. I miei genitori hanno avuto così tanti ostacoli da superare e penso che abbiano fatto del loro meglio. Mio padre aveva circa la mia età quando ha perso il lavoro. Era macchinista in una fabbrica e non aveva molta istruzione. Probabilmente non sapeva nemmeno leggere o scrivere tanto. Era convinto che avrebbe fatto la stessa cosa fino a 65 anni. Ma quando il governo cambiò e arrivò la Thatcher, chiuse così tante fabbriche, e tutti questi uomini della classe operaia furono licenziati. Mio padre non sapeva cosa fare; non poteva farcela. 

Mentre guarda il suo film, la gente potrebbe chiedersi se sarebbe in grado di ricreare ogni dettaglio della propria casa d'infanzia così accuratamente. Sembra improbabile.
Non ricordo tutti i dettagli, ma ricordo il posizionamento dei mobili e la dinamica spaziale delle stanze, con i loro diversi tessuti e colori. Conosce il fotografo Jeff Wall? Tutte le sue fotografie sono posate, ma sembrano immagini documentarie. Sono rimasto affascinato dal suo lavoro – c'è molta verosimiglianza quando le guardi, e mi piace questa tensione. A volte, ci vogliono sei mesi per fare una fotografia! È quasi come se gli oggetti avessero una retroscena per il loro posizionamento. Penso che studiare tutto ciò mi abbia davvero aiutato a pensare alle inquadrature del film, perché abbiamo provato a girare sul luogo in cui si sono svolti molti eventi, e avevo anche molte fotografie da guardare. In termini di dialogo, avevo questo registratore che puoi anche vedere nel film. Ho ancora questi nastri che ho fatto dei miei amici e della mia famiglia, e li ho fatti sentire agli attori. 

Ogni volta che siamo dentro, è così claustrofobico. Sembra che il solo uscire da questa casa renda i ragazzi, o dovrei dire lei e suo fratello, felici.
Gli spazi erano piccoli, ma era così. Mostro alcuni animali in gabbia nel film, e forse c'è una sorta di simmetria con i personaggi – non possono davvero vedere al di fuori del loro stesso ambiente. Da piccolo, ho avuto molti ricordi felici, ma quando siamo stati trasferiti nel palazzo, eravamo infelici. Sembrava di vivere nel cielo, completamente isolato dalle persone a terra. Non c'erano altre famiglie, nessun altro bambino con cui giocare, ed eravamo così isolati. Camminavi fuori dalla porta e nel corridoio, e le pareti erano ricoperte di graffiti razzisti, c'erano escrementi e piscio negli ascensori e tutte le finestre erano state distrutte. Una volta che eri nell'appartamento, in realtà non era poi così male. È il viaggio verso il mondo esterno che era difficile.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche