email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Fuori concorso

Nicolas Winding Refn • Regista di Too Old to Die Young

"Abbiamo tutti una perversione dentro di noi"

di 

- CANNES 2019: Abbiamo parlato con Nicolas Winding Refn della sua violenta serie Amazon Too Old to Die Young, con protagonista Miles Teller, presentata a Cannes prima del suo lancio il 14 giugno

Nicolas Winding Refn  • Regista di Too Old to Die Young
(© Scott Garfield/Amazon Studios)

Come dimostrano i due episodi presentati fuori concorso al Festival di Cannes, la serie Amazon di prossima uscita Too Old to Die Young: North of Hollywood, West of Hell vedrà l'autore danese Nicolas Winding Refn celebrare il suo lato oscuro con la storia di un ufficiale di polizia (Miles Teller) che scende agli inferi, apparentemente con un solo obiettivo: riparare almeno alcuni dei torti che vede verificarsi ogni giorno. Solo che questa volta, può davvero fare qualcosa al riguardo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Le storie di crimine hanno molto spesso questi dialoghi serrati, ma non la sua. Perché ha optato per un ritmo così lento?
Nicolas Winding Refn:
Viviamo in un mondo molto stressante, e parte di ciò che l'arte dovrebbe fare è de-stressarti. La quiete, stranamente, è qualcosa che molte persone trovano scomoda, sia esserne parte che guardarla. Ma l'intero progetto era quello di creare uno show che avesse un ritmo diverso da quello della nostra vita quotidiana. Ho pensato che fosse più interessante andare all'esatto opposto di quello che sono gli show più tradizionali. Lo spettatore non può captare informazioni in modo così rapido, ho sempre trovato questa realtà del binge-watching piuttosto surreale. Se puoi consumare quella quantità di informazioni, è perché non risuonano in te più di tanto; semplicemente fluiscono attraverso di te come un liquido. Era importante che il ritmo fosse un po’ sconnesso.

Il fatto che stava creando una serie ha influenzato il suo modo di lavorare?
Era come fare un film – ma per un tempo molto lungo. Non mi interessa la narrativa episodica. Non mi interessa altro che me stesso. Il carico di lavoro e la quantità di materiale che dovevo produrre erano stancanti, ma anche molto, molto soddisfacenti. È come entrare in uno studio e dipingere ogni giorno per dieci mesi – di solito sono abituato a sei settimane! A volte capisci che stai diventando un po’ pazzo in quella stanza, ma è comunque divertente.

Lo streaming è il modo in cui viviamo le nostre vite ora, quindi creare intrattenimento con queste risorse è, in un certo senso, una nuova frontiera. Ciò non significa che il film tradizionale sia meno interessante, ma è una tela più grande di quanto avremmo mai potuto immaginare. Penso che i due coesisteranno perché i cinema faranno sempre parte della nostra cultura. Purtroppo, sta diventando un formato elitario: devo pagare mia figlia maggiore per andare a vedere un film. La sua generazione è passata a qualcosa di più sofisticato, quindi grazie a Dio Amazon che ha sostenuto ciò che volevo fare e mi ha lasciato solo a farlo. Gran parte della televisione moderna ha adottato il concept delle fabbriche, e non voglio passare alcuni anni della mia vita lavorando in una fabbrica. 

Da dove proviene questa inclinazione per le tenebre? Dopotutto, la Danimarca doveva essere il posto più felice sulla Terra.
Bisogna ricordare che da lì viene anche Amleto, ed è finito in una situazione piuttosto incasinata. Abbiamo tutti delle perversioni dentro di noi, che ci piaccia o no. Io ne ricavo un'enorme quantità di piacere. È come un esorcismo. Anche con Shakespeare, più oscuro è il dramma, migliore è l'intrattenimento. 

Eppure, sembra suggerire più di quanto non mostri veramente. C'è una lunga scena che preannuncia una brutale aggressione sessuale che non vediamo nemmeno.
Ne è rimasta delusa? Non è tanto distogliere lo sguardo, quanto sapere che meno è meglio. Dico sempre che lo stile è parte dell'artigianalità. Fa parte dello storytelling, della fantasia. Non faccio documentari. Ho iniziato facendo film che trattavano la realtà, ma a un certo punto mi sono reso conto che non sarebbe mai stato abbastanza autentico. Non è reale! Così mi sono detto: "Ora voglio lavorare con l’irrealtà". Ciò non significa che non voglio fare cose rilevanti, ma è più come un dipinto o un'installazione astratta. Quando la gente dice "lo stile prevale sul contenuto", mi chiedo sempre cosa voglia dire. Il contenuto è sempre lì; si presenta solo meglio.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.