email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Semaine de la Critique

Cesar Diaz • Regista di Nuestras madres

"Non volevo fare una lezione di storia, volevo che la storia fosse incarnata"

di 

- CANNES 2019: Incontro con Cesar Diaz, regista guatemalteco residente in Belgio, il cui primo film, Nuestras madres, viene presentato quest'anno alla Semaine de la Critique

Cesar Diaz • Regista di Nuestras madres

Cesar Diaz, regista guatemalteco che ha studiato in Francia e in Belgio, è passato al lungometraggio con Nuestras madres [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Cesar Diaz
scheda film
]
, selezionato alla Semaine de la Critique del 72° Festival di Cannes, che tratta la questione dell’identificazione degli innumerevoli scomparsi del conflitto che ha lacerato il Guatemala per quasi 20 anni. 

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Quali sono le origini del progetto?
Cesar Diaz: Stavo facendo dei sopralluoghi per un documentario in un villaggio dove ci fu un massacro durante la guerra civile. Le donne del villaggio si sono subito fidate, è nata una vera intimità attorno a eventi assolutamente drammatici. Mi ha sconvolto. Volevo anche raccontare una storia più personale, che avevo a cuore, il rapporto tra una madre e suo figlio, la ricerca del padre, ed è qui che è nato il film. Avevo due soggetti, che dovevano coesistere, era necessario trovare l'equilibrio, far esistere ed evolvere questi due filoni narrativi allo stesso tempo. 

Ernesto e sua madre, confrontati con l'identificazione del padre scomparso di Ernesto, intendono incarnare la grande storia?
Volevo partire dall'individuo, dall'intimo, per affrontare qualcosa di più grande, più universale. Era necessario che lo spettatore potesse connettersi emotivamente, non volevo fare una lezione di storia. Avevo bisogno del percorso umano e dei personaggi.

All'inizio volevo solo lavorare con dilettanti. Ma ho capito subito che questo film richiedeva un vero lavoro di attore. Erano loro che avrebbero portato la finzione. Ma allo stesso tempo, questa storia che è realmente esistita, nello stesso villaggio in cui abbiamo girato, volevo consegnarla come un documento.

Ci siamo posti molte domande con la mia direttrice della fotografia, su come filmare fosse comuni, corpi, ossa. Abbiamo fatto molti test e volevamo evitare tutto ciò che fosse troppo estetico, non era giusto rispetto alla nostra storia, al nostro punto di vista. Questa riflessione su come articolare il "documento" storico e la finzione era permanente sul set. Avevamo una vera responsabilità perché questa storia è condivisa da molte persone in Guatemala.

In particolare volevo evitare di vittimizzare le donne che abbiamo filmato, e che hanno vissuto queste atrocità. Evitare i discorsi paternalistici e ripristinare il loro status di eroine. Queste donne sono rimaste in piedi. Sono guidate da un'incredibile forza vitale.

Sono le guardiane della memoria?
Sì, e sono loro che tengono ancora insieme il tessuto sociale del paese. Trasmettono anche conoscenza. Senza di loro, il paese crollerebbe.

Ernesto, ricostruendo gli scheletri dei combattenti scomparsi, contribuisce a scrivere la storia. Come ha affrontato queste scene, molto significative, all'inizio e alla fine del film?
Ho fatto molti sopralluoghi all'Istituto forense per capire il processo scientifico. E ogni volta che li vedevo posare i teschi, gli scheletri sembravano improvvisamente incarnarsi, come se la persona uscisse fuori. Volevo restituire questa sensazione, filmando questa operazione dall'alto.

Restituendo un'identità ai morti, le famiglie possono iniziare il loro processo di lutto, andare avanti. Significa anche che non sono morti per niente, nemmeno 40 anni dopo.

Soprattutto perché non conosciamo il genocidio guatemalteco, mentre conosciamo le dittature cilene, argentine... Sono comunque 200.000 morti e 45.000 dispersi, che il mondo ignora. Perché? Perché erano indiani. È stato necessario ri-umanizzare le vittime.

Una volta che ci uccidiamo a vicenda, cosa facciamo con i nostri morti? Come guariamo le nostre cicatrici? È un lavoro di memoria ancora da fare, da noi. È necessario partire dalle persone, per riparare il paese. 

Come ha lavorato con gli attori?
Abbiamo lavorato molto sul rapporto madre-figlio. Abbiamo cercato di ricostruire il loro passato e persino immaginare le ellissi della storia. Quindi, quando iniziavamo una loro scena, sapevamo esattamente dove erano i personaggi. Abbiamo portato molto alla storia, e Armando Espitia e Emma Dib hanno saputo immediatamente creare una connessione. A volte avevo l’impressione che i miei personaggi vivessero da soli, senza di me.

È complicato girare un film in Guatemala?
È complicato in termini di sicurezza. È un paese molto violento. Siamo stati accompagnati dalla polizia e protetti da guardie private. Politicamente, non avevamo davvero un feedback, ma la sceneggiatura non circolava molto, e poi era una produzione franco-belga. Detto questo, non essendoci una vera struttura a livello cinematografico, c’è una certa libertà. E poi la squadra, che proveniva da Belgio, Francia, Messico, Guatemala, è riuscita davvero a trovare un linguaggio comune.

(Tradotto dal francese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche