email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

CANNES 2019 Proiezioni speciali

Werner Herzog • Regista di Family Romance LLC

"Volevo tornare ai tempi di Aguirre, furore di Dio"

di 

- CANNES 2019: Abbiamo incontrato il maestro tedesco Werner Herzog per parlare della sua avventura nella realtà alternativa giapponese in Family Romance LLC

Werner Herzog  • Regista di Family Romance LLC

Mostrato al Festival di Cannes tra le Proiezioni speciali, Family Romance LLC vede Werner Herzog partire per il Giappone per esplorare una compagnia specializzata nel noleggio di attori per soddisfare i diversi bisogni emotivi delle persone: che si tratti di incarnare il padre assente di qualcuno o un impiegato di una stazione ferroviaria che si addossa la colpa per aver causato il caos dopo che un treno è partito all’ora sbagliata.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Il suo film mi ha fatto pensare a Il cacciatore di androidi di Philip K. Dick. Pensa che stiamo arrivando al punto in cui dovremmo iniziare a mettere in discussione la nostra realtà?
Werner Herzog:
Questo è uno dei migliori titoli di sempre. Non l'ho mai letto, ma conosco molto bene il contenuto perché vi si faceva riferimento nel mio film Lo and Behold: Reveries of the Connected World. Se sei un regista e non leggi, non vai da nessuna parte. Anche se questa volta, non c'era tempo – stavo cercando di capire la mappa della metropolitana di Tokyo.

Sì, non abbiamo più una nozione chiara di ciò che è reale e cosa non lo è, cos'è una bugia e quali sono le notizie false. Tutte queste domande sono diventate molto forti: sappiamo che ciò sta accadendo, e chiunque è su Facebook, ad esempio, sa che è un’auto-rappresentazione stilizzata. Tutto è fabbricato, ma le emozioni sono vere e l'odio genuino, può portare dei ragazzini al suicidio. Quando mi cerchi online, ci sono almeno 30 falsi Werner Herzog. È tutto falso, ma non puoi fermarlo, quindi continuo a dire che queste sono le mie guardie del corpo volontarie.

Alcuni dei servizi forniti qui sono davvero peculiari, come quello che ti permette di sperimentare la morte senza essere realmente morto.
Quella è una mia invenzione, ma a Tokyo sembra esserci una tendenza folle tra i giovani che vogliono sperimentare la morte in un'agenzia di pompe funebri. Quindi non è inverosimile. Ci sono alcune cose che sono strane per noi, come la parte relativa a un macchinista che fa partire un treno con 20 secondi di anticipo, con alcuni bambini già dentro e i loro genitori ancora sulla banchina. Ho sentito che un anno fa, questa società ha dovuto pubblicare scuse a tutta pagina sui giornali a causa di ciò, così ho sviluppato una storia in cui il mio protagonista [Yuichi Ishii] si prende la colpa, anche se il vero colpevole sta lì accanto a lui. È pagato per prendersi gli insulti. 

Anche solo in quella scena, è difficile distinguere la verità dalla finzione.
È un film di finzione, quindi ogni linea di dialogo e ogni scena sono scritte. Non vi è alcuna ironia – è una realtà che esiste solo nei film di finzione, per quanto si possa parlare di realtà. Quando guardi il cinema oggi, hai alcune formule di base. Niente è completamente nuovo: hai sempre una scena in cui qualcuno guida un'auto o ha una discussione a tavola. Anche nei film di fantasia, ti aspetti che un drago arrivi volando. Ma spero che in Family Romance LLC non ci sia nulla che tu abbia già visto.

Si può dire che questo film le abbia permesso di capire meglio il Giappone e il modo in cui i giapponesi trattano l'intimità?
Per gli occidentali, c'è sempre questo mistero che circonda il Giappone. Ma il fatto che io non capisca tutto non ha alcuna conseguenza. Ieri sera, uno spettatore giapponese è venuto a stringermi la mano. Ho chiesto: "È tutto sbagliato?". Ha detto: "No, siamo noi". Non mi preoccupa essere fuori target.

Ha detto che questo film è stato un ritorno alle sue radici, in qualche modo.
Ero stanco delle compagnie assicurative che mi dicevano dove avrei potuto girare. Volevo tornare ai tempi di Aguirre, furore di Dio, per tornare a un tipo di regia più semplice. In Aguirre, avevo bisogno di alcune persone perché ero costantemente in movimento con tutti questi conquistadores spagnoli, ma qui non c'era quasi nessuno. Anche quando un film è ben preparato, mi piace lasciare la porta aperta per qualcosa di pazzo o incredibile che può entrarvi, come in Il cattivo tenente - Ultima chiamata New Orleans, dove ci sono queste iguane che solo il personaggio può vedere. È come una cospirazione tra lui e gli spettatori. In Aguirre, vivevamo sulle zattere e non sapevi mai cosa sarebbe successo oltre il tornante del fiume. Poteva esserci una cascata o un villaggio ostile a quello che stavi facendo. Mi piace questa attitudine, mi fa tornare alla grande gioia del cinema.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.