email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

LOCARNO 2019 Piazza Grande

Simon Bird • Regista di Days of the Bagnold Summer

"Questo è un film su due persone normali su cui non avrebbero mai fatto un film"

di 

- Cineuropa ha incontrato il regista britannico Simon Bird il pomeriggio della prima mondiale in Piazza Grande del suo film d'esordio, Days of the Bagnold Summer

Simon Bird • Regista di Days of the Bagnold Summer

Simon Bird è famoso per aver interpretato Will McKenzie in The Inbetweeners [+leggi anche:
trailer
scheda film
]
. Il debutto alla regia dell'attore, Days of the Bagnold Summer [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Simon Bird
scheda film
]
, è un sentito racconto di formazione adattato da sua moglie, Lisa Owens, dalla graphic novel omonima di Joff Winterhart, su una madre single e suo figlio adolescente che trascorrono l'estate insieme.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Guardando Days of the Bagnold Summer, sembra che il tono sia uno degli elementi più importanti di questo film. È d'accordo?
Simon Bird:
Il tono è sempre la cosa principale che mi interessa quando leggo o guardo qualcosa, ed è quello che ho adorato del libro: il tono è molto specifico e delicato, e giusto al confine tra il divertente e il triste. Non so perché mi piaccia così tanto.

La madre e il figlio al centro del film non sono i soliti protagonisti. Sembra che lei voglia celebrare le persone comuni.
Mi piace il fatto che si tratti di un film su due persone davvero ordinarie su cui non avrebbero mai fatto un film, e che sono quasi totalmente ignorate nelle loro stesse vite. Neanche i loro amici li prendono sul serio o hanno un reale interesse per ciò che accade nella loro vita.

Perché ha voluto adattare la graphic novel di Joff Winterhart?
Ho letto il libro e l'ho adorato, e anche Lisa, mia moglie, che ha finito per scrivere la sceneggiatura, lo ha amato. Quando stavo cercando di pensare a cosa volevo fare come lungometraggio, lei me lo ha ricordato e all'improvviso entrambi abbiamo pensato: "Oh sì, sarebbe fantastico!". Poi io e il mio produttore abbiamo incontrato Joff, che è un ragazzo fantastico, come si evince dai suoi libri. Ed è stato davvero adorabile, molto generoso e disponibile a farci lavorare con le sue cose. È stato molto morbido, in senso buono. Ha solo detto: "Vi do la mia benedizione, quindi fate quello che volete".

È stato guidato principalmente dalle illustrazioni della graphic novel, o ha provato a dimenticarsene e a creare la sua estetica?
È un mix strano. A un certo punto, stavo seriamente pensando di renderlo esattamente come il libro, farlo in bianco e nero, farlo piuttosto sgangherato e girarlo nel formato quadrato, come le vignette del libro. Ma alla fine ho pensato che sarebbe stato davvero bello celebrare queste persone filmandole in Technicolor e mettendole sul grande schermo, facendolo sembrare il più possibile un film. Ci sono un paio di immagini che sono così buone che non potevo davvero dimenticarle, e penso che ci siano almeno due o tre immagini che sono state riprese al 100% dalle vignette del libro.

Il film si basa sulle interpretazioni dei due attori principali, Earl Cave e Monica Dolan; dato che non sono i "soliti sospetti", che cosa l’ha attratta di loro?
Il fatto che non fossero necessariamente i più grandi nomi del settore penso sia grandioso. Questa è una storia di outsider e volevo che la gente tifasse per questi personaggi. E forse è molto più facile fare il tifo per questi attori di quanto non lo sarebbe fare il tifo per – non so – Meryl Streep e Brad Pitt. Monica la conoscevo, e non appena abbiamo iniziato a sviluppare la sceneggiatura, ho pensato che sarebbe stata la persona perfetta per questo. Earl è arrivato alla fine di un lunghissimo processo di casting, e dal momento in cui è entrato, sapevo che era la persona giusta. È naturalmente molto divertente, e anche quando interpreta un adolescente lunatico, c'è una dolcezza e un magnetismo in lui.

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche