email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIAN 2019 Concorso

Aitor Arregi, Jon Garaño e José Mari Goenaga • Registi di La trinchera infinita

"La paura ci può trasformare in talpe"

di 

- Il trio basco Aitor Arregi, Jon Garaño e José Mari Goenaga firma il sensibile ed emozionante La trinchera infinita, con protagonisti Antonio de la Torre e Belén Cuesta, in concorso a San Sebastián

Aitor Arregi, Jon Garaño e José Mari Goenaga • Registi di La trinchera infinita
Jon Garaño, Aitor Arregi e José Mari Goenaga (© Lorenzo Pascasio)

I cineasti Aitor Arregi, Jon Garaño e José Mari Goenaga tornano a giocare in casa – come hanno fatto con i loro precedenti quattro film – con il loro nuovo lungometraggio, La trinchera infinita [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aitor Arregi, Jon Garaño e…
scheda film
]
, un ritratto della vita soffocante degli uomini che si sono nascosti per anni in Spagna per paura della dittatura franchista, popolarmente denominati "talpe", interpretato da Antonio de la Torre e Belén Cuesta. Cineuropa li ha incontrati durante il 67° Festival di San Sebastián, dove sono in concorso.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Anche Alejandro Amenábar ha affrontato il tema del franchismo con il suo film Mientras dure la guerra [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Alejandro Amenábar
scheda film
]
, e altri titoli arriveranno presto su questo tema. Come è stato il vostro approccio a questo conflitto?
Aitor Arregi:
Non so se ci sia qualcosa nell'ambiente che porti a questa preoccupazione, non si può mai sapere. Crediamo che la guerra civile sia un periodo sufficientemente complesso, potente e contraddittorio che lo rende un buon materiale da narrare cinematograficamente. A differenza di quanto dicono alcuni, crediamo che non siano stati fatti troppi film su questo tema: c'è ancora molto da dire al riguardo. Non ci stanchiamo, invece, di guardare film sulla Seconda guerra mondiale, e sicuramente ce ne sono molti altri. Questo film parla anche del disagio che questo argomento genera: quindi è un progetto interessante, perché il magma è molto buono.

José Mari Goenaga: Non è una coincidenza che così tanti film emergano ora su questo tema, poiché sia il film di Amenábar che il nostro hanno iniziato a prendere forma molto tempo fa, quando il dibattito sociale non era così vivo come lo è ora. A volte non sai se sono coincidenze o come correnti di energia che portano a questo, ma escono effettivamente in un anno in cui è pertinente parlare di tutto ciò.

È necessario ricordare che la pace è fragile e che l'odio può esplodere in modo inarrestabile, come appare nel vostro film.
J.M.G .:
Sì, la testimonianza è lì. Eravamo interessati a portare in primo piano la storia delle "talpe", ma anche a fare un'allegoria sulla paura e su come condiziona le persone. Questo aspetto metaforico e psicologico ci ha attratto più che fare una testimonianza della guerra civile.

Nel vostro film precedente, Handia [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Aitor Arregi e Jon Garaño
scheda film
]
, avete lavorato a un'importante ricostruzione storica, ma per raccontare una storia intima. La stessa cosa accade ora con La trinchera infinita, mostrando come l'esistenza nascosta delle "talpe" influenzi l'ambiente familiare.
Jon Garaño: Sì, siamo interessati ai film psicologici e vediamo vasi comunicanti tra i nostri film: in Handia, alcune persone per poter vivere e guadagnarsi da vivere hanno dovuto lasciare la casa, mentre in La trinchera… devono nascondersi a casa per vivere.

Firmate la sceneggiatura con Luiso Berdejo. Cosa ha aggiunto a questa squadra di lunga data?
J.M.G .:
Luiso è stato molto importante. Abbiamo iniziato nel 2011 con l'idea originale, ma le prime versioni risalgono al 2015, quando eravamo coinvolti nella produzione di Handia. Abbiamo sentito che – per la sua carriera – era adatto per la storia: gli piaceva l'idea e ha scritto le prime premesse, le ellissi e il primo trattamento. Poi abbiamo ripulito la sceneggiatura e dato ad essa la direzione di cui avevamo bisogno.

All'inizio del film la camera si muove molto e poi si calma.
J.G .:
Volevamo che lo spettatore sentisse lo stesso dei personaggi. L’inizio del film è più confuso, ecco perché volevamo che avesse più nerbo, con più camera a spalla. A poco a poco, i personaggi entrano nella routine e la cinepresa diventa più contemplativa e statica, testimoniando la vita di una coppia.

Infine, come mostra il vostro film... Che cosa terribile deve essere vivere in un armadio, da impazzire!
J.M.G .:
Questo è il tema del film: la paura di fare il passo. Ci sono in esso cenni ad altri tipi di confinamento: a quando qualcosa è così dentro di te, una forza interna che ti impedisce di fare il passo verso la libertà. Il film fa riferimento a molte paure psicologiche che possono esserci nel mondo. La paura può trasformarci in "talpe". Il film parla anche della paura di uscire dall'armadio e può essere interpretato come un'allegoria al riguardo: la perdita di libertà dovuta a una circostanza al di fuori di sé o dentro di sé.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dallo spagnolo)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy