email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

SAN SEBASTIÁN 2019 New Directors

Fyzal Boulifa • Regista di Lynn + Lucy

"La tragedia di Lynn è che trova autostima e identità nel peggior posto possibile"

di 

- Il regista britannico Fyzal Boulifa colpisce con la sua opera prima, Lynn + Lucy, con cui concorre nella sezione New Directors a San Sebastián

Fyzal Boulifa • Regista di Lynn + Lucy
(© Jorge Fuembuena / SSIFF)

Dopo una fruttuosa carriera come regista di cortometraggi, Fyzal Boulifa ha scritto e diretto Lynn + Lucy [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Fyzal Boulifa
scheda film
]
, una storia di amicizia, maternità e perdita, sostenuta dalle eccellenti interpretazioni di Roxanne Scrimshaw e Nichola Burley. Cineuropa ha incontrato il regista al 67° Festival di San Sebastián, dove concorre con il film nella sezione New Directors.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: Questo è il suo primo lungometraggio dopo aver girato diversi cortometraggi. Come è stato passare dall'uno all'altro?
Fyzal Boulifa: Ho girato cortometraggi per molti anni e, per me, è stato come imparare tutto da zero. Anche scrivere la sceneggiatura è stato molto diverso. La cosa più difficile è stata probabilmente continuare a lavorare con gli attori nel corso di queste trasformazioni. Questi due personaggi, Lynn e Lucy, cambiano molto entrambi, ed ero consapevole del lavoro che ci sarebbe voluto con gli attori durante l'intero film per esprimere tutti questi cambiamenti.

Trovare le attrici giuste per interpretare Lynn e Lucy è stato fondamentale prima dell'inizio delle riprese. Come le ha trovate?
Cercavamo sia fra attrici che fra non professioniste, e ho capito molto presto che doveva essere non professionista. Abbiamo incontrato Roxanne per prima: era subito molto interessata. C'è qualcosa in lei che sembra ordinario, ma c'è anche qualcosa di tenero e infantile, e qualcosa di molto duro. E ho pensato che sarebbe stata molto interessante per Lynn. E poi abbiamo iniziato a cercare Lucy: abbiamo cercato a lungo un'attrice non professionista. È stato molto difficile perché è un personaggio così estremo. Non siamo riusciti a trovare una non professionista che avesse il controllo necessario per fare queste cose, quindi abbiamo iniziato a cercare professioniste. La maggior parte delle professioniste, nel momento in cui le abbiamo messe con Roxanne, si sono sentite manierate e false. E poi abbiamo incontrato Nichola, ed è un'attrice professionista ma che era stata reclutata per strada quando era adolescente. Anche lei proviene da una classe operaia. La recitazione è qualcosa che le è capitato. Questa non è una coincidenza, il fatto che in entrambi i casi non siano andate a lezione di recitazione e non siano cresciute sognando di fare l'attrice. Ciò che Roxanne stava attraversando, Nichola lo aveva vissuto molti anni prima, il che è molto bello sul set.

Le bugie e le loro conseguenze sembrano essere uno degli argomenti principali affrontati nel film. È d'accordo?
Non l’avevo pensata a questo modo, ma credo che sia corretto. Il modo in cui ci penso è più legato alla necessità di identificare, e per me la tragedia di Lynn è che trova autostima e identità nel posto peggiore possibile. Mentre giravo il film, pensavo a questa idea che troviamo le nostre identità creando una sorta di "altro". E Lynn trova la sua autostima, il suo senso di bontà, impegnandosi nell’idea che Lucy è cattiva.

Come è riuscito a catturare così tante informazioni sui personaggi attraverso i primi piani che usa durante il film?
Non è stato facile per gli attori, perché la cinepresa nel film è molto fissa ed è molto vicina a loro. Penso che il volto umano sia infinitamente affascinante, quindi non cerco un "look" esatto quando sono sul set. Lo trovi nella sala di montaggio. Quello che faccio sul set è dare agli attori un po' di libertà. Non sanno esattamente cosa voglio, ma cerco di dar loro un po' di spazio per coinvolgersi.

Lei mostra una realtà oscura e triste, ma a volte una dimensione più luminosa e più artificiale penetra nel film attraverso la televisione, i social network e così via. Qual era la sua intenzione a tal proposito?
I media nel film sono molto importanti perché penso che definiscano davvero il mondo di Lynn. Nel creare la traiettoria di Lynn, per me, la vera domanda era: che cosa c'è nella cultura e nella società di Lynn che fa emergere il peggio di lei, in un certo senso? E i media sono una parte enorme di questo. L'Inghilterra è un paese molto influenzato dai media e penso che ci sia anche una sorta di problema spirituale nel paese che ha a che fare con il vuoto – e i media mi fanno sentire questo in modo ancora più acuto, in qualche modo. Il contrasto tra la vita delle persone reali e questa cultura pop di massa brillante, aggressiva è un grande indizio sul perché Lynn si comporti in quel modo.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche

Privacy Policy