email print share on Facebook share on Twitter share on reddit pin on Pinterest

BLACK NIGHTS 2019 Concorso

Fatos Berisha • Regista di The Flying Circus

"Vivevamo in un mondo surreale, e l'umorismo era un modo per sopravvivere e preservare il nostro buonsenso"

di 

- Abbiamo chiacchierato con il regista e sceneggiatore kosovaro Fatos Berisha del suo film assurdo e surreale, The Flying Circus, in concorso a Tallinn

Fatos Berisha  • Regista di The Flying Circus

Il noto regista e sceneggiatore kosovaro Fatos Berisha segue un viaggio assurdo e inaspettato, di cui ha realmente fatto parte, nel suo ultimo film, The Flying Circus [+leggi anche:
recensione
trailer
intervista: Fatos Berisha
intervista: Fatos Berisha
scheda film
]
. Ambientato all'inizio della guerra del Kosovo, raffigura una troupe teatrale di Pristina che recita in un'opera ispirata a Monty Python e che deve attraversare illegalmente il confine per partecipare a un festival teatrale nella vicina Albania. Poco prima della sua anteprima mondiale in concorso al 23° Tallinn Black Nights Film Festival, abbiamo parlato con Berisha della sua storia personale e di come si relaziona al film, all'assurdo mondo del Kosovo in quel periodo, e di come la cultura possa ancora essere il modo migliore di rappresentare una nazione.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

Cineuropa: The Flying Circus narra una storia piuttosto inaspettata. Qual è stata la sua ispirazione per raccontarla, e quali sono state le difficoltà?
Fatos Berisha:
Essere ispirato a raccontare questa storia è stato piuttosto facile perché facevo parte dell'incredibile viaggio che ritraggo nel nostro film. Tuttavia, scrivere la sceneggiatura è stata la parte più difficile. Mi ci sono voluti molti anni per decidere se iniziare, ed ero l'ultimo del gruppo teatrale itinerante che ha cercato di catturare questa storia e metterla su carta. Nel frattempo, tutti gli altri avevano già provato, ma non erano riusciti a finire una sceneggiatura del genere. Dopo aver completato la mia sceneggiatura, mi sono reso conto che il motivo per cui mi ero imbarcato in quel viaggio era probabilmente quello di testimoniare e quindi scrivere quella particolare storia. Devo dire che non facevo ufficialmente parte di quella pièce; seguii il gruppo per aiutare gli attori con le luci e il suono perché i tecnici del teatro avevano paura di intraprendere un viaggio così pericoloso.

L'intero viaggio intrapreso dalla troupe si svolge in un ambiente piuttosto assurdo, che si adatterebbe facilmente al mondo di Monty Python. Anche il mondo in cui ha vissuto in quel periodo era così assurdo?
È piuttosto fedele, dato che vivevamo in un mondo assurdo in quel momento – anche se forse la parola "surreale" lo descrive meglio. E molto probabilmente, l'umorismo era un modo per sopravvivere e preservare il nostro buonsenso. Siamo cresciuti negli anni '80 guardando le commedie britanniche in TV, e il film è fortemente influenzato dal Monty Python’s Flying Circus (in italiano Il circo volante dei Monty Python, ndr) e in particolare dall'opera teatrale. Vivendo in quell'ambiente surreale durante i periodi pericolosi e senza speranza delle guerre dei Balcani e il successivo decennio di apartheid che ha preceduto la guerra del Kosovo, la mia scrittura è stata senza dubbio influenzata da tutto ciò, soprattutto dal momento che stavo scrivendo una commedia. Questo è probabilmente il motivo per cui ho avuto bisogno di un po' di tempo per prendere le distanze dagli eventi reali prima di iniziare ad affrontare lo script.

Quanto si avvicina alla realtà il film, e qual è stato l'impatto della chiusura del Teatro Dodona a Pristina?
Il film è basato su eventi reali e anche la chiusura del Teatro Dodona è stata reale. La stessa cosa è successa a tutte le altre istituzioni pubbliche gestite o utilizzate dagli albanesi del Kosovo. La chiusura del Teatro Dodona non è avvenuta per motivi finanziari o artistici, ma faceva parte della strategia del regime del dittatore serbo Slobodan Milosevic negli anni '90. Fu un apartheid unico nel mezzo dell'Europa, che trasformò gli albanesi del Kosovo in cittadini di seconda classe o addirittura di terza classe.

Com'è stato lavorare con i suoi attori in un road movie così impegnativo?
Adoro lavorare con gli attori. Lavoro anche in teatro e in TV, e lavorare con gli attori, in particolare le prove, è qualcosa che mi piace e mi viene naturale. Abbiamo provato per circa un mese prima delle riprese perché The Flying Circus è un road movie e avevamo un programma difficile, che prevedeva riprese in tre paesi. Volevo che i miei attori – Armend Smajli, Tristan Halilaj, Afrim Muçaj e Shpëtim Selmani – conoscessero tutte le loro battute prima del primo ciak. Questo ci ha aiutato molto sul set, e queste prove mi hanno anche aiutato a dare gli ultimi ritocchi alla sceneggiatura e ad adattare alcune scene.

Nel suo film, sentiamo la frase "La cultura è il miglior rappresentante di una nazione". Crede in questo detto, e come è applicabile oggi al Kosovo?
Il Kosovo è un paese giovane che ha avuto una nascita complicata, se posso usare termini medici. Abbiamo dovuto ricostruire simultaneamente le nostre vite e il nostro Stato. La cultura offre una grande sfera che può essere utilizzata dagli Stati che cercano il riconoscimento. I film, in particolare, sono un ottimo mezzo per raccontare storie.

(L'articolo continua qui sotto - Inf. pubblicitaria)

(Tradotto dall'inglese)

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altri articoli direttamente nella tua casella di posta.

Leggi anche